"Atlas of AI", quell'intreccio di potere, politica e costi collettivi celati nell'intelligenza artificiale - Agenda Digitale

amazon

“Atlas of AI”, quell’intreccio di potere, politica e costi collettivi celati nell’intelligenza artificiale

I costi nascosti dell’intelligenza artificiale, dalle risorse naturali e il lavoro alla privacy, l’uguaglianza e la libertà. Un estratto da Atlas of AI, fornito dall’autrice Kate Crawford ad Agendadigitale.eu

18 Ago 2021
Kate Crawford

writer, composer, producer and academic

Amazon fa di tutto per controllare ciò che il pubblico può vedere quando si entra in un centro logistico. Ci viene detto del salario minimo di quindici dollari all’ora e dei vantaggi per i dipendenti che possono durare più di un anno, e ci vengono mostrate sale di riposo luminose che hanno slogan aziendali orwelliani dipinti sulle pareti: “Frugalità”, “Guadagnare la fiducia degli altri” e “Bias for action”.

La guida ufficiale di Amazon spiega allegramente cosa sta succedendo alle fermate prestabilite, seguendo uno script. Tutte le domande sulle condizioni di lavoro sono accuratamente risposte per dipingere il quadro più positivo. Ma ci sono segni di infelicità e disfunzione che sono molto più difficili da gestire.

Al piano di prelievo, dove gli associati devono raccogliere contenitori grigi (conosciuti come “totes”) pieni di acquisti da spedire, le lavagne bianche portano i segni di recenti riunioni. In una di queste c’erano molteplici lamentele sul fatto che le cassette erano impilate troppo in alto e che il continuo allungarsi per afferrarle stava causando notevoli dolori e lesioni. Alla domanda su questo, la guida di Amazon ha risposto rapidamente che questa preoccupazione è stata affrontata abbassando l’altezza del nastro trasportatore nelle sezioni chiave.

“Atlas of AI”: Power, Politics, and the Planetary Costs of Artificial Intelligence”

Questo è stato visto come un successo: un reclamo è stato registrato e saranno presi provvedimenti. La guida ha colto l’occasione per spiegare per la seconda volta che questo era il motivo per cui i sindacati non erano necessari qui, perché “gli associati hanno molte opportunità di interfacciarsi con i loro manager” e la sindacalizzazione interferisce solo con la comunicazione.

Ma uscendo dalla struttura, sono passata davanti a un feed live di messaggi dei lavoratori su un grande schermo piatto, con un cartello sopra che diceva: “La voce degli associati”. Tutto questo era molto meno patinato. I messaggi scorrevano rapidamente con lamentele sui cambiamenti di programmazione arbitrari, l’impossibilità di prenotare le ferie in prossimità delle vacanze, e la mancanza di occasioni familiari e compleanni. Le risposte della direzione sembravano essere molteplici variazioni sul tema “Apprezziamo il tuo feedback”.

Quando è troppo è troppo

“Quando è troppo è troppo. Amazon, vogliamo che ci trattiate come esseri umani e non come robot”. Queste sono le parole di Abdi Muse, direttore esecutivo dell’Awood Center di Minneapolis, un’organizzazione comunitaria che difende le condizioni di lavoro delle popolazioni dell’Africa orientale del Minnesota. Muse è un difensore senza peli sulla lingua dei magazzinieri di Amazon che stanno spingendo per ottenere migliori condizioni di lavoro. Molti lavoratori della sua comunità del Minnesota sono stati assunti da Amazon, che li ha reclutati attivamente e ha aggiunto dolcificanti all’accordo, come il trasporto gratuito in autobus al lavoro.

WHITEPAPER
Logistica 4.0: scopri come il tuo magazzino diventa più intelligente e sicuro con AI4Stock

Commissione UE: “Ecco la vera forza del Regolamento AI”

Quello che Amazon non ha pubblicizzato è stato “il tasso” (rate), la metrica della produttività dei lavoratori che guida i centri di adempimento che è diventata rapidamente insostenibile e, secondo Muse, disumana. I lavoratori hanno cominciato a soffrire di stress elevato, infortuni e malattie. Muse ha spiegato che se il loro rate scendeva di tre volte, sarebbero stati licenziati, indipendentemente da quanto tempo avessero lavorato nel magazzino. I lavoratori parlavano di dover saltare le pause per il bagno per paura di non essere all’altezza.

Ma il giorno del nostro incontro, Muse era ottimista. Anche se Amazon scoraggia esplicitamente i sindacati, gruppi informali di lavoratori stavano nascendo in tutti gli Stati Uniti e organizzavano proteste. Sorrideva ampiamente mentre riferiva che l’organizzazione stava cominciando ad avere un impatto. “Sta succedendo qualcosa di incredibile”, mi ha detto. “Domani un gruppo di lavoratori di Amazon lascerà il lavoro. È un gruppo di donne così coraggiose, e loro sono i veri eroi”. Infatti, quella notte, circa sessanta magazzinieri sono usciti da un centro di consegna a Eagan, Minnesota, indossando i loro gilet gialli obbligatori.

Erano per lo più donne di origine somala, e tenevano cartelli sotto la pioggia, chiedendo miglioramenti come un aumento dei salari per i turni di notte e restrizioni di peso sulle scatole. Solo pochi giorni prima, i lavoratori di Amazon a Sacramento, California, avevano protestato contro il licenziamento di una dipendente che aveva superato di un’ora il suo congedo per lutto dopo la morte di un membro della famiglia. Due settimane prima, più di mille lavoratori di Amazon hanno inscenato il primo sciopero dei colletti bianchi nella storia dell’azienda per la sua enorme impronta di carbonio.

Il “tasso” di produttività è il problema centrale

Alla fine, i rappresentanti di Amazon in Minnesota sono venuti al tavolo. Erano felici di discutere molte questioni, ma mai “il tasso”. “Hanno detto di dimenticare “il tasso””, ha raccontato Muse. “Possiamo parlare di altre questioni, ma il tasso è il nostro modello di business. Non possiamo cambiarlo”. I lavoratori hanno minacciato di abbandonare il tavolo, e Amazon non si è ancora mossa. Per entrambe le parti, “il tasso” era la questione centrale, ma era anche la più difficile da modificare. A differenza di altre controversie di lavoro locali, in cui i supervisori sul campo avrebbero potuto fare concessioni, il tasso è stato fissato in base a ciò che i dirigenti e i tecnici di Seattle – lontani dal piano del magazzino – avevano deciso e programmato l’infrastruttura di distribuzione computazionale di Amazon per ottimizzare. Se i magazzini locali erano fuori sincrono, l’ordinamento del tempo di Amazon era minacciato. I lavoratori e gli organizzatori hanno iniziato a vedere questo come il vero problema. Stanno spostando di conseguenza la loro attenzione verso la costruzione di un movimento in diverse fabbriche e settori della forza lavoro di Amazon per affrontare le questioni centrali del potere e della centralizzazione rappresentate dal ritmo incessante del “tasso” stesso.

Queste lotte per la sovranità del tempo, come abbiamo visto, hanno una lunga storia.

Lavoro gestito dall’algoritmo, non spacciamolo per novità: già lo faceva il nazismo

L’IA e il monitoraggio algoritmico sono semplicemente le ultime tecnologie nel lungo sviluppo storico di fabbriche, orologi e architetture di sorveglianza. Ora molti altri settori – dagli autisti di Uber ai magazzinieri di Amazon agli ingegneri altamente pagati di Google – si vedono in questa lotta comune. Questo è stato fortemente articolato dal direttore esecutivo della New York Taxi Workers Alliance, Bhairavi Desai, che lo ha messo in questo modo: “I lavoratori lo sanno sempre. Sono là fuori a costruire solidarietà tra di loro, ai semafori rossi o nei ristoranti o nelle code degli alberghi, perché sanno che per prosperare devono unirsi”. Le forme di sfruttamento dei lavoratori guidate dalla tecnologia sono un problema diffuso in molte industrie. I lavoratori stanno lottando contro le logiche della produzione e l’ordine del tempo in cui devono lavorare. Le strutture del tempo non sono mai completamente disumane, ma sono mantenute proprio al limite esterno di ciò che la maggior parte delle persone può tollerare.

La solidarietà intersettoriale nell’organizzazione del lavoro non è una novità. Molti movimenti, come quelli guidati dai sindacati tradizionali, hanno collegato i lavoratori di diversi settori per vincere le vittorie degli straordinari pagati, della sicurezza sul posto di lavoro, del congedo parentale e dei fine settimana. Ma poiché le potenti lobby commerciali e i governi neoliberali hanno ridotto i diritti e le protezioni del lavoro negli ultimi decenni e limitato le vie per l’organizzazione e la comunicazione dei lavoratori, il sostegno intersettoriale è diventato più difficile. Ora i sistemi di estrazione e sorveglianza guidati dall’IA sono diventati un luogo comune per gli organizzatori del lavoro per combattere come un fronte unificato.

Il sindacato non entra: Amazon vince, ma il suo “incantesimo” rischia di svanire

Conclusioni

“Siamo tutti lavoratori della tecnologia” è diventato un cartello comune alle proteste legate alla tecnologia, portato da programmatori, bidelli, lavoratori della mensa e ingegneri allo stesso modo. Può essere letto in più modi: chiede che il settore tecnologico riconosca l’ampia forza lavoro a cui attinge per far funzionare i suoi prodotti, le infrastrutture e i luoghi di lavoro.

Ci ricorda anche che così tanti lavoratori usano computer portatili e dispositivi mobili per lavorare, si impegnano su piattaforme come Facebook o Slack, e sono soggetti a forme di sistemi di AI sul posto di lavoro per la standardizzazione, il monitoraggio e la valutazione. Questo ha posto le basi per una forma di solidarietà costruita intorno al lavoro tecnologico. Ma ci sono rischi nel far rientrare i lavoratori tecnologici e la tecnologia in quelle che sono lotte sindacali più generalizzate e di lunga data.

Tutti i tipi di lavoratori sono soggetti alle infrastrutture tecniche estrattive che cercano di controllare e analizzare il tempo nella sua grana più fine – molti dei quali non si identificano affatto con il settore tecnologico o il lavoro tecnologico. Le storie del lavoro e dell’automazione ci ricordano che ciò che è in gioco è produrre condizioni più giuste per ogni lavoratore, e questo obiettivo più ampio non dovrebbe dipendere dall’espansione della definizione di lavoro tecnologico per ottenere legittimità. Abbiamo tutti una posta in gioco collettiva su come sarà il futuro del lavoro.

WHITEPAPER
Computer quantistico: i player principali e la supremazia quantistica
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4