contrattazione

Salario minimo e intelligenza artificiale: binomio necessario



Indirizzo copiato

Oggi molti lavoratori “digitali” non sono considerati subordinati e sono quindi fuori da ogni tutela. Per tutelarli serve, quindi, prima il riconoscimento di una nuova forma di lavoro ibrido dalle classiche definizioni normative e quindi una contrattazione collettiva certificata e di qualità

Pubblicato il 9 ott 2023

Luca Furfaro

esperto di welfare e lavoro



lavoro IA (immagine: https://pixabay.com)

Due temi di estrema attualità come l’intelligenza artificiale e il salario minimo sollevano tantissimi quesiti: i due possono trovare punti di contatto? Come sarà ridisegnato il mondo del lavoro dall’applicazione dell’Intelligenza Artificiale? Il salario minimo può essere una modalità per attenuare eventuali effetti negativi?

L’irruzione dell’IA nel mondo del lavoro

Partiamo sicuramente da un assunto noto: l’impiego degli algoritmi di intelligenza artificiale (IA) oggi ha generato una maggiore velocità ed un impatto più generalizzato nella nostra vita, sono aumentate le capacità computazionali, di elaborazione e stoccaggio dei dati, portando di conseguenza a soluzioni dirompenti anche sul mondo del lavoro.

L’automazione industriale ha modificato il mondo del lavoro sostituendo lo sforzo fisico con quello meccanico e l’IA può avere un ruolo sostitutivo delle attività intellettuali dell’uomo. Sono convinto che esistano molti livelli di sostituzione e penso che l’intelligenza artificiale debba condurre le persone ad utilizzare la loro capacità intellettiva in maniera più produttiva, surrogando l’attività routinaria con un’attività che possa portare ad un lavoro di maggiore qualità. Seguendo tale ragionamento è ovvio che un lavoro con un valore aggiunto maggiore si sleghi da un concetto di “retribuzione minima” e vada verso retribuzioni più alte e connesse alle capacità individuali e alle differenti abilità e necessità del settore; dall’altro lato tuttavia questo potrebbe creare una maggiore differenza tra lavoratori dell’IA e coloro che subiscono tale processo evolutivo.

I lavoratori che padroneggiano IA hanno una maggiore occupabilità e salari più alti; pertanto, è necessario pensare a processi di inclusione per colmare i ritardi di competenze e di esperienze degli altri lavoratori. Occorre pertanto concentrare l’attenzione su come l’intelligenza artificiale sta ridisegnando il contenuto del lavoro e al contempo rivoluzionando il suo contesto: l’IA potrà togliere lavoro, ma allo stesso tempo crearlo e, cosa ulteriormente interessante, potrà rinnovare lo stesso con nuove logiche che necessitano aggiornamenti di competenze e di policy gestionali.

A livello di contesto gli algoritmi potrebbero migliorare il grado di oggettività dei processi di valutazione e selezione delle persone, eliminando le disfunzioni discriminatorie, ma sempre se vi sarà un’attività di controllo su quello che è l’input dell’algoritmo.

In altre parole, non ci saranno mai più discriminazioni di paga tra generi, a condizione però che tale processo si avvalga di algoritmi programmati senza le stesse discriminazioni e senza elementi che ne generino. Le sue potenzialità però fanno i conti anche con l’altro lato della medaglia: un algoritmo programmato sulla produttività potrebbe valutare assenze tutelate come mancanze di produttività, o non tenere conto di particolari situazioni sociali delle persone, andando così meccanicamente a discriminare le persone più fragili.

Il salario minimo

Il salario minimo ha, e potrà avere, una funzione livellatrice, ma lo stesso compito è oggi esercitato dall’articolo 36 della Costituzione che prevede una retribuzione sufficiente e proporzionata, che in più si estende ad una valutazione anche sociale del lavoratore (“sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”). In Italia oggi le retribuzioni minime per i lavoratori dipendenti sono garantite, secondo un rimando più di prassi che normativo, dalla contrattazione collettiva, che garantisce ulteriormente una serie di misure minime, delegate dalla normativa, di tutela per i lavoratori.

Equo compenso o salario minimo?

Tale tema deve guardare però ad un’altra evoluzione del lavoro connessa al digitale, ovvero lo slegarsi dalla dicotomia subordinato/autonomo. L’evoluzione digitale, infatti, ha messo in discussione elementi come luogo e orario di lavoro, ma ha anche attenuato il tema della subordinazione a favore di una terza via (si veda ad esempio l’inquadramento dei rider). Posto che la Costituzione non indica la necessità di una retribuzione sufficiente solo per i lavoratori subordinati ma per tutti i lavoratori, bisognerebbe rivedere il concetto di salario minimo in un più corretto, almeno dal punto di vista formale, equo compenso, slegando tale concetto dal solo rapporto di lavoro subordinato.

Oggi molti lavoratori “digitali” si possono considerare fuori dalla valutazione della subordinazione e quindi fuori da ogni tutela: senza il riconoscimento di una nuova forma di lavoro ibrido dalle classiche definizioni normative, non si potrà rispondere a quelle che sono le necessarie tutele per i lavoratori definiti, in un articolo del Technology Review del MIT, “lavoratori invisibili dell’AI”. Al momento, infatti, le applicazioni deep learning dell’AI richiedono un’enorme quantità di dati di formazione per essere affidabili e l’etichettatura dei dati viene in genere eseguita da molti lavoratori a basso reddito; si pensi ad esempio al Mechanical Turk di Amazon nel quale tali lavoratori prendono piccolissime commesse di etichettatura dei dati per l’Intelligenza artificiale: ad oggi il come gestire tali commesse e quanto pagarle è lasciato alla decisione aziendale.

Non vi è quindi conoscenza delle tutele, di come possono essere scelti i lavoratori, e di come alcuni lavoratori possono essere esclusi dalle micro-commesse, essendo poi esclusi dalla subordinazione: emerge quindi un problema urgente poiché gli stessi non avrebbero alcuna tutela né dall’attuale contesto normativo, né da quello che si affaccia per modernizzarlo.

Il 9 dicembre 2021 la Commissione Europea ha presentato una proposta di direttiva, in discussione, relativa al miglioramento delle condizioni di lavoro nel lavoro mediante piattaforme digitali. Tale miglioramento, relativamente ai lavoratori delle piattaforme, ha come obiettivi:

  • miglioramento delle condizioni di lavoro;
  • miglioramento della protezione dei dati personali;
  • la trasparenza, l’equità e la responsabilità nell’uso dei sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati.

Conclusioni

A tale primo punto andrebbe affiancata una definizione delle politiche retributive minime, non rifacendosi solo ad un contesto di lavoro subordinato, ma operando su tutte le modalità lavorative che necessitano di una tutela minima contro lo sfruttamento. Una possibile soluzione, come oggi avviene solamente in parte, potrebbe essere quella di passare attraverso una contrattazione collettiva certificata e di qualità, con però una chiara e univoca indicazione di applicazione e con una certezza rispetto a quale contrattazione collettiva applicare.

Ad oggi esistono circa 1.000 contratti collettivi ma, nonostante ciò, cercando una rappresentanza ampia – o almeno tale – per un settore come quello dello sviluppo software, si rimanda ancora al CCNL dei Metalmeccanici: questo, dunque, evidenzia quanto il problema del riconoscimento, e conseguentemente quello del salario minimo, sia urgente e andrebbe rivisto e risolto a favore di un maggiore inquadramento di tali lavoratori che ad oggi vantano poche tutele.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4