scenari

ChatGPT: la rivoluzione della “generative AI” è solo all’inizio, ma ci sono nodi da affrontare subito

Stiamo appena prendendo dimestichezza con i “prodigi” di ChatGPT e già il dibattito sulla generative AI è spaccato tra apocalittici e integrati. Ma l’unica cosa certa è che il progresso è appena cominciato e che i problemi, per quanto possibile, vanno anticipati. Copyright e modello di business sono due fra i tanti

Pubblicato il 23 Gen 2023

Federico Guerrini

giornalista

chatgpt

Per raccontare il fenomeno, qualcuno ha scomodato addirittura Lenin: “Ci sono dei decenni in cui non accade nulla. E poi delle settimane in cui accadono decenni”. Un’iperbole, e tuttavia il fermento seguito all’apparizione sulla scena tecnologica di ChatGPT, il modello linguistico basato sul deep learning di OpenAI, è qualcosa che non si vedeva da tempo.

All’improvviso, più di un milione di persone si sono registrate al servizio (ancora in demo) e hanno scoperto di poter avere a disposizione, con pochi click, una specie di genio della lampada, un mago dei testi.

Plagiarizing ChatGPT - Is it Illegal?

Un saggio, un articolo, il copione di un film, le risposte di un quiz ma anche del codice informatico: non c’è cosa che con un breve input testuale nella finestra da chat del programma non si possa generare.

Con le dovute cautele: talvolta le risposte non sono del tutto esatte. Come avverte un disclaimer sul sito di OpenAI, il modello sta ancora venendo perfezionato; l’accesso gratuito al momento concesso agli utenti, del resto, a questo serve: è una specie di prova sul campo per scovare e correggere eventuali difetti o punti deboli.

Inesattezze a parte, un aspetto cruciale è quello di impedire che ChatGPT venga usato per scopi nocivi: dalla disinformazione, al fornire istruzioni su come fabbricare una bomba, al bullismo online. Gli sviluppatori si sono sforzati di impedirlo, ma il test in corso sta evidenziando come, con un po’ di creatività, sia possibile superare le protezioni.

Alla richiesta di spiegare come bullizzare una persona, ad esempio, il programma si rifiuterà; formulando la richiesta come un’ipotesi di scuola per un esercizio contro il bullismo, però, fornirà prontamente una risposta.

ChatGPT, perché ora l’intelligenza artificiale ci stupisce e spaventa

ChatGPT, un dibattito (ovviamente) polarizzato

Come spesso accade nel caso di innovazioni dirompenti, si sono formati rapidamente due schieramenti. C’è chi dice che ChatGPT porterà via, in tutto o in parte, il lavoro agli insegnanti (come dare ancora compiti a casa ed essere sicuri che il tema sia farina del sacco dello studente?), agli avvocati, ai social media manager, agli addetti marketing, agli sceneggiatori e chi più ne ha, più ne metta.

WHITEPAPER
Intelligenza Artificiale: 11 rivoluzioni per la Sanità
Intelligenza Artificiale
Sanità

Secondo questa visione, in combinazione con altri programmi di Generative AI – ossia quei programmi che non si limitano a individuare schemi predittivi nei dati, ma “generano” contenuti veri e propri – che fabbricano video, immagini, suoni, codice informatico come DALL-E2, Midjourney, Stable Diffusion, ChatGPT sarebbe destinato a rimpiazzare ed automatizzare gran parte del lavoro umano in campo creativo.

ChatGPT, solo una “anteprima” di progresso

C’è chi sottolinea invece come questi timori siano quantomeno prematuri e il programma sia ancora troppo “stupido” per rappresentare davvero una minaccia. Lo stesso capo di OpenAI ha contribuito a smorzare un po’ l’eccitazione del momento: “ChatGPT è incredibilmente limitato, ma abbastanza buono in alcune cose da creare un’impressione fuorviante di grandezza”, ha detto in un tweet del 10 dicembre. “È un errore fare affidamento su di esso per qualsiasi cosa importante in questo momento. È un’anteprima del progresso; abbiamo molto lavoro da fare sulla robustezza e sulla veridicità”.

Fra questi due estremi si colloca chi ritiene ChatGPT uno strumento già sufficientemente potente e utile, ma destinato non tanto a rimpiazzare gli umani quanto a semplificare loro il lavoro, liberando energie creative finora “costipate”.

Se un chat bot minaccia il titano Google: la lezione del flop Kodak

Il dilemma del copyright

Al netto di visioni apocalittiche e integrate tutte da dimostrare, si intravedono già alcuni snodi concreti su cui indagare. Uno è quello del diritto d’autore e in generale dell’attribuzione di paternità dei contenuti prodotti dai software di generative AI, per distinguerli da quelli frutto in gran parte del lavoro umano. L’esempio classico è appunto quello dei compiti a casa degli studenti: come evitare che si liberino dell’incombenza semplicemente ricopiando quando scritto dal software? Si dirà: ma copiano già da Wikipedia e da Internet in generale. Vero, ma in questo caso gli insegnanti possono contrastare il fenomeno con dei software anti-plagio.

Non così nel caso della generative AI. È vero che anche i testi di ChatGPT non nascono dal nulla: il programma è stato addestrato su miliardi di testi esistenti, da cui individua le parole che statisticamente hanno probabilità di seguire ad altre in una specifica frase; una volta formulati per esteso però, i contenuti di ChatGPT sembrano in tutto e per tutto originali.

Pare che i tecnici di OpenAI stiano lavorando a una possibile soluzione: incorporare nei testi prodotti dei watermark, dei contrassegni segreti che rivelino quando un testo è stato prodotto da una AI e quando no. Il watermark consisterebbe in particolari sequenze di testo e punteggiatura e sarebbe impercettibile per i normali utenti, ma decifrabile da chi possiede strumenti appositi.

Il tema del copyright riguarda anche gli artisti e le opere d’arte in generale. Software come i già citati DALL-E 2 e Stable Diffusion o Lensa, possono creare disegni e animazioni che ricalcano lo stile di un certo artista. Lo fanno proprio perché sono stati tarati su esempi di opere originali, di cui indentificano e poi riproducono gli elementi caratteristici.

Qui subentrano due problemi; primo: chi ha dato agli sviluppatori il permesso di analizzare queste immagini; secondo: se una AI è in grado in pochi secondi di generare un’immagine nello stile di un certo artista, cosa accade a quest’ultimo (che magari ha impiegato anni per sviluppare una sua riconoscibilità), può ancora trovare un mercato? Le opinioni divergono.

Geopolitica e modello di business

Un altro tema chiave è quello del modello di business. Come accennato, al momento l’utilizzo di ChatGPT è gratuito. Reuters ha però rivelato che i suoi creatori ritengono di poter realizzare 200 milioni di dollari di profitti l’anno prossimo e un miliardo nel 2024.

La somma comprende anche i ricavi di DALL-E2, sempre opera di OpenAI. Da quale fonte arriveranno i soldi non è chiarissimo: al momento OpenAI fa pagare agli sviluppatori che utilizzano la sua tecnologia una piccola somma ogni 20,000 parole di testo e un paio di centesimi di dollaro per ogni immagine generata.

Con DALL-E2 gli utenti hanno un certo numero di prove gratuite, terminate le quali possono acquistare dei crediti per creare e scaricare le immagini.

Dietro OpenAI c’è un gruppo di investitori e aziende che comprende alcuni dei maggiori notabili della Silicon Valley e non solo: da Peter Thiel di Paypal a Elon Musk, a Microsoft, al gruppo indiano InfoSys.

Se, come sembra, le applicazioni della generative AI sono destinate a rivoluzionare interi settori produttivi e a generare enormi profitti, chi controlla queste tecnologie e dove andranno a finire queste ricchezze non è un aspetto secondario.

La maggior parte dei grandi modelli AI vengono sviluppati negli Usa (oltre a OpenAI, ci stanno lavorando ad esempio Meta, Google, DeepMind), in Cina (Baidu, Huawei, Inspur), Israele, Corea del Sud. Grande assente l’Europa che, come accade per i social network e i motori di ricerca rischia quindi di figurare per lo più come cliente, a beneficio di aziende e investitori situati altrove. Senza peraltro poter aver voce in capitolo sulle specifiche di tali modelli.

Un approccio diverso, non proprietario, è quello portato avanti da Stability AI, la società che produce il modello generatore di immagini Stable Diffusion e che recentemente ha raccolto un investimento di cento milioni di dollari, diventando un unicorno. Stable Diffusion viene distribuito con licenza open source, il che significa che chiunque ne può leggere e modificare il codice sorgente. Questo porta con sé alcuni problemi: è possibile, per esempio, con un minimo di sforzo, rimuovere le protezioni introdotte dagli sviluppatori per impedire la creazione di contenuti violenti o pornografici.

D’altra parte, rendere accessibile a tutti il codice impedisce la creazione di monopoli e oligopoli che, come accaduto con i social network e i motori di ricerca, possano controllare l’accesso di milioni di persone a tecnologie di fondamentale importanza. Favorendo la partecipazione di un maggior numero di soggetti a una rivoluzione agli albori, di cui stiamo solo iniziando a intravedere l’importanza.

INFOGRAFICA
Rendere più efficienti i tempi di attesa in sanità: ecco come fare, grazie al digitale
Intelligenza Artificiale
Sanità
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4