Lo scenario

AI generativa: i trend in Italia e nel mondo



Indirizzo copiato

Seguendo gli ultimi sviluppi dell’IA generativa, a volte sembra di entrare nelle pagine di un libro di fantascienza o di un film futuristico, tranne per il fatto che tutto accade proprio davanti ai nostri occhi. Interessante esaminare quali sono gli impatti scaturiti dall’impiego di questa tecnologia ed i trend sia in Italia sia nel mondo

Pubblicato il 11 ott 2023

Federica Maria Rita Livelli

Business Continuity & Risk Management Consultant, BCI Cyber Resilience Group, Clusit, ENIA



IA intelligenza artificiale ai generativa e copyright

L’emergere dell’IA generativa rappresenta un momento cruciale nella storia dell’Umanità, offrendo l’opportunità di ridefinire il modo in cui affrontiamo sfide sociali e organizzative, creiamo valore e promuoviamo la crescita. L’evoluzione rapida dell’IA è destinata ad avere un impatto significativo sull’intera società nei prossimi cinque anni. Il futuro sarà caratterizzato dalla “generatività” e spetta a noi plasmarlo in modo consapevole.

Di fatto, l’IA generativa, con l’introduzione di ChatGPT nel novembre 2022, ha generato un interesse e un dibattito senza precedenti riguardo alle sue implicazioni economiche, etiche e sociali. Inoltre, sempre più organizzazioni utilizzano regolarmente l’AI generativa in almeno una parte delle loro attività aziendali. Ancora, l’AI, in generale, ha smesso di essere un argomento relegato alle funzioni tecniche ed è ora una priorità per i leader aziendali anche nel nostro Paese.

Italia – Impatto dell’AI generativa

Ad inizio settembre 2023, è stato presentato lo studio elaborato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Microsoft Italia dal titolo “AI 4 Italy: Impatti e prospettive dell’Intelligenza Artificiale Generativa per l’Italia e il Made in Italy.

Attraverso lo studio delle oltre 100 aziende coinvolte, si è cercato di esaminare l’impatto economico e sociale dell’IA generativa in Italia, prendendo in considerazione i suoi presupposti tecnologici, le implicazioni etico-sociali e le politiche ad esso correlate. Inoltre, si è approfondito l’effetto concreto che questa tecnologia potrebbe avere sulle aziende italiane, dal punto di vista sia economico sia strategico.

Lo studio ha identificato più di 23 diverse tipologie di use case, distribuite su 15 settori economici differenti e 8 tipologie di processi aziendali. Questo ha permesso di evidenziare in modo quantitativo gli orientamenti del Sistema-Italia riguardo alle opportunità, ai limiti e alle prospettive dell’IA generativa per il Paese. Inoltre, è stato possibile quantificare l’impatto che questa tecnologia può avere sulla produttività e sulla crescita delle aziende coinvolte.

Italia – Impatto dell’AI generativa

Ad inizio settembre 2023, è stato presentato lo studio elaborato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Microsoft Italia dal titolo “AI 4 Italy: Impatti e prospettive dell’Intelligenza Artificiale Generativa per l’Italia e il Made in Italy.

Attraverso lo studio delle oltre 100 aziende coinvolte, si è cercato di esaminare l’impatto economico e sociale dell’IA generativa in Italia, prendendo in considerazione i suoi presupposti tecnologici, le implicazioni etico-sociali e le politiche ad esso correlate. Inoltre, si è approfondito l’effetto concreto che questa tecnologia potrebbe avere sulle aziende italiane, dal punto di vista sia economico sia strategico.

Lo studio ha identificato più di 23 diverse tipologie di use case, distribuite su 15 settori economici differenti e 8 tipologie di processi aziendali. Questo ha permesso di evidenziare in modo quantitativo gli orientamenti del Sistema-Italia riguardo alle opportunità, ai limiti e alle prospettive dell’IA generativa per il Paese. Inoltre, è stato possibile quantificare l’impatto che questa tecnologia può avere sulla produttività e sulla crescita delle aziende coinvolte.

I risultati principali dello studio sono:

  • L’IA generativa come risorsa chiave per l’Italia per affrontare l’invecchiamento demografico e incrementare la produttività – L’IA generativa rappresenta una chiave fondamentale per l’Italia per mantenere elevati livelli di produttività e benessere, considerando la crescente scarsità di talento e l’invecchiamento della popolazione. Entro il 2040, si prevede una perdita di circa 3,7 milioni di occupati nel Paese, i quali attualmente contribuiscono alla produzione di circa 267,8 miliardi di valore. Tuttavia, grazie alle nuove tecnologie, sarà possibile mantenere lo stesso livello di benessere economico.
  • Impatti trasversali dell’IA generativa: applicazioni concrete in tutti i settori – I settori finanziario, manifatturiero e sanitario, compresi le scienze della vita, sono in prima linea nell’adozione dell’Intelligenza Artificiale generativa. All’interno di queste industrie, i processi aziendali che traggono maggiori benefici da questa tecnologia includono: la ricerca e lo sviluppo, la progettazione, la produzione e la gestione della supply chain. L’IA generativa dimostra una grande capacità nel gestire in modo efficiente e analizzare grandi quantità di dati, fornendo vantaggi significativi in questi ambiti.
  • L’IA generativa: l’opportunità per l’Italia di aumentare la produttività fino al 18% – L’Intelligenza Artificiale generativa potrebbe generare un valore aggiunto annuo fino a 312 miliardi di euro, rappresentando il 18% del PIL del Paese, con lo stesso numero di ore lavorate. Inoltre, l’utilizzo dell’IA generativa potrebbe liberare un totale di 5,4 miliardi di ore, equivalenti al lavoro svolto da 3,2 milioni di persone in un anno. Ciò consentirebbe di mantenere lo stesso valore aggiunto generato, ma con un carico di lavoro ridotto. Questo potenziale straordinario potrebbe portare a un notevole aumento della produttività e del benessere economico nel nostro Paese.

Inoltre, dallo studio si evince che i principali settori economici impattati dall’IA generativa in Italia saranno: finanziario (58%), comparto ICT (58%), distribuzione & logistica (54%), servizi (46%), Pubblica Amministrazione (46%).

  • Il lato oscuro dell’IA generativa: rischi etico-sociali da considerare – La presenza dei rischi associati all’IA generativa sottolinea l’importanza di adottare un approccio responsabile che sia caratterizzato da trasparenza, affidabilità, sicurezza ed equità.
  • Massimizzare le opportunità dell’IA generativa – L’Italia, per sfruttare appieno le opportunità offerte dall’IA generativa, deve promuovere la digitalizzazione delle imprese, in particolare le PMI, oltre a sviluppare le competenze necessarie. Lo studio evidenzia che, per ottenere i benefici previsti dall’ impatto di questa tecnologia – pari al 18% del PIL – è fondamentale accelerare la digitalizzazione di oltre 113.000 PMI italiane, richiedendo uno sforzo senza precedenti.

Risulta altresì cruciale investire nella formazione e nello sviluppo delle competenze per preparare la forza lavoro a utilizzare e implementare soluzioni di AI generativa nelle aziende. In Italia, attualmente, mancano 3,7 milioni di lavoratori con competenze digitali di base e 137.000 iscritti in più ai corsi di laurea ICT per abilitare l’adozione di soluzioni di AI generativa nel tessuto economico del Paese.

Per sostenere le imprese, il mondo accademico, la ricerca e la Pubblica Amministrazione nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale, Microsoft ha creato il programma nazionale AI L.A.B. Il suo scopo è individuare scenari strategici di innovazione e agevolare l’implementazione rapida di tali scenari, oltre a fornire formazione agli studenti e ai lavoratori per sviluppare le competenze necessarie. L’obiettivo finale è promuovere un’innovazione sicura e responsabile per il progresso del Paese, contribuendo così alla crescita sostenibile delle imprese italiane e dell’intero settore del Made in Italy.

AI generativa: scenario globale

I risultati dello studio “AI 4 Italy” sugli impatti dell’Intelligenza Artificiale generativa sono coerenti con i diversi report a livello globale prodotti da società di ricerca e consulenza.

Vediamo di seguito i dati più salienti ricavati dai vari report.

  • Trasformazione della Funzione delle Risorse Umane – Boston Consulting Group (BCG) – “How Generative AI will transform HR – GenAI August 2023 Secondo lo studio, l’IA generativa ha il potenziale di aumentare la produttività lungo la catena del valore della funzione HR di circa il 30% nel breve termine. Ciò porterà a una trasformazione fondamentale della funzione, rendendola più strategica, con un valore aggiunto e basata sulla conoscenza. Inoltre, si prevede che l’IA generativa possa generare un risparmio del 60% in termini di costi di formazione, fornendo contenuti di apprendimento e sviluppo di alta qualità.
  • Sfruttare il potenziale dell’IA generativa – GHD Digital (società di consulenza australiana) – “Beyond AI: Generative AI and the next wave of disruption” – Il rapporto esplora l’enorme potenziale dell’IA generativa in diversi settori, evidenziando l’importanza per le organizzazioni di agire tempestivamente e in modo deciso per sfruttarne la crescita esponenziale. GHD stima che i progressi nell’IA generativa abbiano il potenziale per rivoluzionare l’economia globale, potenzialmente guidando un aumento del 5-6% del PIL globale nei prossimi dieci anni. Inoltre, si prevede che il mercato globale dell’IA generativa raggiungerà 1,5 trilioni di dollari di entrate entro il 2033 da 50 miliardi di dollari nel 2023. Mentre 9 dirigenti su 10 sono consapevoli delle imminenti interruzioni che deriveranno dall’IA generativa, solo 5 su 10 esprimono fiducia nella loro capacità di navigare e abbracciare con successo questa tecnologia trasformativa.

L’IA generativa offre un vasto potenziale di innovazione e progresso in settori come la sanità, la finanza, l’energia e i trasporti. Tuttavia, è fondamentale essere consapevoli dei rischi significativi che accompagnano il rapido avanzamento di questa tecnologia. Sfide urgenti come allucinazioni, dilemmi etici e pregiudizi devono essere affrontate adeguatamente. Inoltre, i quadri normativi devono ancora adeguarsi allo sviluppo tecnologico, trovando un equilibrio delicato tra promuovere l’innovazione e tutelare l’interesse pubblico.

  • L’IA generativa avanza sempre più – McKinsey Report – “The state of AI in 2023: Generative AI’s breakout year”- Il report rivela che gli intervistati con sede in Nord America guidano il mondo in termini di adozione dell’IA generativa al lavoro, con il 28% di loro che utilizza la tecnologia nel proprio lavoro e al di fuori del lavoro, rispetto al 24% degli intervistati europei e al 22% dell’Asia-Pacifico. Inoltre, il 60% delle organizzazioni che ha adottato l’AI sta usando la AI gen. Ancora, il 40% di coloro che segnalano l’adozione di AI nelle loro organizzazioni afferma che le loro aziende prevedono di investire di più nell’AI complessivamente grazie all’AI gen, mentre il 28% afferma che l’uso dell’AI gen è già inserita nelle agende del Cda.

L’indagine indica che poche aziende sembrano essere completamente preparate ad affrontare l’ampio utilizzo dell’AI gen e i potenziali rischi aziendali associati. Solo il 21% dei partecipanti che hanno segnalato l’adozione dell’AI afferma che le loro organizzazioni hanno implementato politiche che regolamentano l’uso da parte dei dipendenti delle tecnologie di AI generativa.

Inoltre, per quanto riguarda i rischi connessi all’adozione dell’AI, è evidente che sono ancora poche le organizzazioni che affrontano il rischio di “inesattezza” nei risultati. Solo il 32% afferma di mitigare l’inesattezza, mentre il 38% dichiara di affrontare i rischi legati alla sicurezza informatica.

Conclusioni

Per massimizzare i benefici dell’IA generativa, è cruciale concentrarsi sul potenziamento delle competenze digitali dei lavoratori e sulla trasformazione digitale delle aziende. In Italia, è fondamentale investire in ricerca, formazione e innovazione per mantenere la competitività a livello internazionale.

L’IA generativa può agire come un copilota, migliorando il lavoro umano, liberando tempo da compiti ripetitivi e stimolando la creatività. Tuttavia, è importante sottolineare che la trasparenza e la comprensione del processo sono fondamentali per sfruttare appieno il potenziale dell’IA generativa. È necessario adottare, altresì, un approccio completo per gestire i rischi e le opportunità, garantendo una crescita responsabile e produttiva. Inoltre, è fondamentale creare un ambiente equo ed etico, correggendo eventuali errori o squilibri nel processo di sviluppo dell’IA generativa.

Nonostante siamo ancora agli inizi, il futuro si presenta promettente. Pertanto, non possiamo fare altro che aspettare con interesse l’evoluzione di questa tecnologia e ricordare senza dimenticare che l’imperativo etico principale è “keep man in the loop”, ovvero garantire all’uomo un certo grado di controllo e consentire che i suoi valori abbiano uno spazio.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4