le iniziative

Come riconoscere le competenze digitali: verso migliori metodologie

Nell’economia della conoscenza, quel che sappiamo o che sappiamo fare rappresenta una delle nostre principali ricchezze. Servono però gli strumenti per riconoscere le competenze in maniera giusta e condivisa e poterle così valorizzare nel sistema economico. Molte le iniziative in corso, in cui l’Italia è protagonista

16 Gen 2019
Giacomo Scillia

Direttore Struttura Complessa Università, Cineca

David Vannozzi

Direttore generale, Cineca

skills

Una metodologia condivisa, giusta e credibile per il riconoscimento di competenze digitali. E quindi poterle valorizzare al meglio. E’ questa una delle maggiori sfide per il futuro, sia per le istituzioni educative sia per le aziende. Una sfida culturale ed economica che si potrà vincere anche conciliando le prospettive di tutti gli attori coinvolti. E in cui la tecnologia gioca un ruolo fondamentale.

Strumenti per valorizzare l’apprendimento permanente

Il Decreto Legislativo n.13, 16 gennaio 2013[1], che garantisce ai cittadini il diritto a vedersi riconosciute le proprie competenze comunque acquisite, ha sancito per l’Italia l’attuazione di un sempre più forte filone di pensiero, condiviso a livello europeo: l’apprendimento permanente – lifelong & lifewide – è una necessità improrogabile per la nostra società, e richiede il supporto di adeguati strumenti che possano permettere a tutti di attuarlo e valorizzarlo.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Nell’economia della conoscenza, quel che sappiamo, o quel che sappiamo fare, rappresenta una delle nostre principali ricchezze. Ma – proprio come la moneta – anche conoscenza e competenze valgono solo nella misura in cui vengono riconosciute dagli altri membri della società: riconoscere competenze è riconoscere valore e permettere a questo valore di essere messo in gioco nel sistema economico.

La sfida per il futuro è l’individuazione di una metodologia condivisa per il riconoscimento di competenze che sia giusta e credibile, che riesca a dare valore a quel che si apprende on the job, alle attitudini che si maturano nel volontariato, alle competenze trasversali che si costruiscono studiando – mantenendo le specificità ed i diversi pesi di questi casi. Inevitabile, ovviamente, il ricorso alla tecnologia per costruire degli strumenti digitali per il riconoscimento di competenze che siano in grado di supportare un simile processo, e renderlo trasparente e semplice da condividere.

Le iniziative in corso

Che la soluzione siano Open Badge, Blockchain[2], o altro ancora, è evidente che la sfida è globale, culturale e tecnologica a un tempo, e deve poter contare sul supporto (e sull’indirizzo) delle istituzioni in ambito education e higher education, ma non può sottovalutare un aspetto cruciale, ovvero il fatto che i principali fruitori di questi sistemi sono da un lato i cittadini, e dall’altro le aziende.

Le iniziative volte a indirizzare il tema oggi sono tante, così come tante sono le possibilità e le implicazioni che un mutamento di approccio in questo contesto sarebbe in grado di aprire. Il progetto Erasmus+ MIRVA (Making Informal Recognition Visible and Actionable)[3], che coinvolge 8 partner europei tra cui Cineca, ha l’obiettivo di analizzare il processo di riconoscimento di competenze per come avviene e come dovrebbe avvenire, e produrre delle linee guida in merito – con particolare attenzione al riconoscimento informale, che dovrebbe poter permettere di emergere a molte delle competenze più difficili da verificare con i metodi tradizionali, o perché rientrano nelle cosiddette soft skills, o perché sono soggette a rapidissimi mutamenti rispetto a cui chi si occupa strettamente di formazione o assessment fatica a tenersi al passo mantenendo fede agli stessi standard.

Il convegno ePIC 2018 e le esperienze italiane

Il convegno ePIC 2018 – Building Open Recognition Ecosystems[4], la cui sedicesima edizione si è tenuta a Parigi dal 24 al 26 Ottobre, si è posto l’obiettivo di far incontrare tutti gli attori interessati per condividere una visione circa il processo di riconoscimento delle competenze ed individuare e far crescere quelle nuove tecnologie che possono rivelarsi strumenti utili a dimostrare l’apprendimento.

L’Italia ha ospitato le scorse due edizioni del convegno, durante le quali è stata pubblicata la Bologna Open Recognition Declaration[5], e anche quest’anno continua a rivestire un ruolo importante. Non solo infatti la conferenza è stata momento di divulgazione ed engagement per il progetto MIRVA, ma sono state presentate anche diverse esperienze italiane di rilievo: nel corso del panel dedicato all’educazione universitaria, l’Università di Milano Bicocca – forse la prima al mondo a rilasciare Open Badge per i titoli di laurea – ha raccontato come gli Open Badge sono stati un utile strumento a supporto di una più ampia strategia di rinforzo verso le competenze trasversali dei propri studenti; il Comune di Milano ha portato la propria esperienza, ancora in corso, nel contesto dei Learning territories, portando come esempio il progetto europeo OpenAgri[6], finanziato con la prima call del nuovo programma Urban Innovative Actions: il progetto sta trasformando Cascina Nosedo, una cascina ai margini della città e circondata da campi, in un hub di innovazione e di agricoltura periurbana, dove competenze innovative rappresentate con Open Badge possano crescere e contaminarsi.

Bestr, la soluzione italiana per le digital credentials

Queste esperienze sono state realizzate in collaborazione con il Cineca, che è attivo su queste tematiche dal 2015 con una piattaforma basata su Open Badge, che nasce in ambito universitario e si sta oggi allargando al mondo Blockchain. Bestr[7], la soluzione  italiana a cui il contesto internazionale guarda con interesse, espone oggi competenze di oltre 90 organizzazioni di cui 20 Università e si avvia a diventare un ecosistema di digital credentials dove diverse tipologie di riconoscimento possano trovare lo strumento digitale più adatto a rappresentarle, misurando il giusto bilanciamento di dinamicità, flessibilità, verificabilità, permanenza.

Un passo verso la condivisione internazionale in cui l’Italia ha molto da raccontare, e molto da costruire.

_____________________________________________________-

  1. Decreto Legislativo 16 gennaio 2013, n. 13 (Definizione delle norme generali e dei livelli essenziali delle prestazioni per l’individuazione e validazione degli apprendimenti non formali e informali e degli standard minimi di servizio del sistema nazionale di certificazione delle competenze), http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/02/15/13G00043/sg
  2. “Digital credentialing” nel contesto universitario: dagli Open Badge, a Blockchain
  3. MIRVA https://mirva.openrecognition.org
  4. EPIC https://epic.openrecognition.org/
  5. Nuove competenze, una piattaforma aperta per riconoscerle: open recognition https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/nuove-competenze-una-piattaforma-aperta-per-riconoscerle-open-recognition/
  6. OpenAgri https://www.uia-initiative.eu/en/uia-cities/milan
  7. Bestr: https://bestr.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link