reskilling e upskilling

AI: come formare i dipendenti per restare competitivi



Indirizzo copiato

Il continuo sviluppo tecnologico e l’arrivo dell’AI nei cicli produttivi delle imprese, stanno trasformando il mondo del lavoro, con innumerevoli mansioni che rischiano di diventare obsolete o di essere ridimensionate. Reskilling e upskilling professionali sono perciò elementi chiave per le aziende e i lavoratori. Come attuare piani adeguati? Un aiuto, in Italia arriverà anche dal…

Pubblicato il 15 nov 2023

Luca De Menech

partner dello studio legale Dentons

Martino Ruggiero

trainee dello studio legale Dentons



3d,Rendering,Futuristic,Droid,Robot,Technology,Development,,Artificial,Intelligence,Ai,

Il mondo del lavoro è in continuo mutamento e lo è ancor di più oggi a seguito del probabile cambiamento di modelli e processi produttivi conseguenti all’introduzione e sviluppo dell’intelligenza artificiale.

Il progresso tecnologico, dall’analisi dei big data fino al più recente ChatGPT, applicato all’occupazione comporta – e con ogni probabilità comporterà sempre di più – la necessità di sviluppare ed acquisire nuove competenze.

Ciò con l’obiettivo per i lavoratori di rimanere competitivi sul mercato del lavoro e per le imprese di avvalersi di forza lavoro qualificata, formata e in grado di utilizzare i nuovi strumenti e modelli operativi che la tecnologia di tempo in tempo introduce.

In Italia, come vedremo, importanti impulsi in tema di reskilling/upskilling si attendono dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Individuare i piani di formazione più adatti alle esigenze dell’impresa

A gennaio 2019, il World Economic Forum aveva già lanciato l’allarme: «Il mondo sta affrontando un’emergenza di riconversione professionale. Dobbiamo riconvertire più di un miliardo di persone entro il 2030».

I possibili piani di formazione professionale (reskilling o upskilling), in questo contesto, sono dei più vari, ma è importante per i datori di lavoro individuare ed utilizzare quelli maggiormente adatti in ragione della propria organizzazione, tipologia di attività e finalità ed obiettivi del piano formativo. In linea generale, comunque, i piani di “reskilling” sono mirati ad insegnare ai lavoratori attività differenti rispetto a quelle dai medesimi svolti. I piani di “upskilling” sono mirati invece a colmare gap di conoscenze e competenze rispetto alla medesima attività dagli stessi svolta.

In particolare, il continuo sviluppo tecnologico, e da ultimo, l’implementazione dell’intelligenza artificiale nei cicli produttivi delle imprese, stanno trasformando il mondo del lavoro, con innumerevoli mansioni che rischiano di diventare obsolete o di essere radicalmente ridimensionate. In questo contesto, il reskilling professionale è diventato una soluzione sempre più importante nell’acquisizione delle competenze necessarie allo svolgimento delle professioni che potranno emergere nel prossimo futuro.

Secondo un report prodotto e pubblicato già nel 2020 dal McKinsey Global Institute, entro il 2030, il reskilling potrebbe coinvolgere oltre 375 milioni di lavoratori in tutto il mondo, ma non tutte le società si stanno preparando allo stesso modo.

Solo un terzo delle società esaminate, infatti, ha già iniziato a sviluppare un programma di reskilling, mentre la maggioranza dei datori di lavoro preferisce assumere risorse già formate e quindi, presumibilmente, ad un costo sul mercato maggiore. In un’ottica a lungo termine e con gli attuali cambiamenti che stanno investendo il mondo del lavoro, tale strategia non pare essere particolarmente sostenibile. Come se non bastasse, i dati hanno evidenziato come i dipendenti delle società che hanno programmato in anticipo piani reskilling/upskilling, risultano avere una percentuale più alta di employee satisfaction ed apportano un beneficio maggiore all’impresa.

Inoltre, secondo un rapporto di Deloitte del febbraio 2022, il reskilling/upskilling mirato in relazione all’implementazione dell’intelligenza artificiale nei cicli produttivi, richiederà la creazione di nuovi programmi di formazione per sviluppare competenze in settori quali l’apprendimento automatico, l’analisi dei dati e lo sviluppo di algoritmi. La formazione in queste aree è fondamentale per permettere ai dipendenti di acquisire competenze altamente specializzate, altrimenti indispensabili nella gestione dell’intelligenza artificiale e delle tecnologie correlate.

Reskilling e upskilling: come si muovono le aziende

Proprio in tale ottica, alcune società (per lo più multinazionali) hanno già sperimentato (e continuano a farlo) programmi di reskilling ed upskilling per i propri dipendenti per non farsi trovare impreparati dinanzi ai rapidi cambiamenti del mondo del lavoro. E così, ad esempio, JPMorgan Chase che ha creato un programma di formazione per le competenze tecnologiche chiamato “Tech Connect“, che mira a fornire ai dipendenti le competenze necessarie per gestire le nuove tecnologie emergenti; Amazon, che ha lanciato un programma di formazione chiamato “Upskilling 2025”, che mira a fornire ai dipendenti le competenze necessarie per le professioni del futuro, come l’intelligenza artificiale e la robotica; AT&T, che ha investito oltre 1 miliardo di dollari in programmi di formazione per i propri dipendenti, con l’obiettivo di fornire loro le competenze necessarie per svolgere i lavori del futuro; IBM, che ha lanciato il “New Collar program“, un programma di formazione per i lavori digitali, come lo sviluppo di app e l’analisi dei dati; e Walmart che ha creato l’”Academy program“, un programma di formazione per i propri dipendenti che mira a fornire loro le competenze necessarie per gestire le modalità di business proiettate agli strumenti del futuro.

In sintesi, reskilling e upskilling professionali sono elementi chiave per l’adeguamento ai rapidi cambiamenti del mondo del lavoro, soprattutto in relazione all’implementazione dell’intelligenza artificiale. Ciò richiederà, parallelamente, l’implementazione di nuovi programmi di formazione ed il supporto dei datori di lavoro per garantire la sostenibilità delle carriere dei dipendenti e l’adeguamento alle nuove necessità dei cicli di produzione.

Ma vediamo quali sono i possibili step per l’implementazione di tali piani.

I possibili step per la implementazione di piani di reskilling/upskilling

Per una corretta individuazione e implementazione dei piani di reskilling e upskilling, è suggeribile procedere con alcuni (pochi ma importanti) passaggi.

Il primo riguarda la mappatura delle competenze richieste. Ossia identificare, all’interno della organizzazione aziendale, le nuove (o diverse) competenze di cui il datore di lavoro necessita.

Un’attenta analisi del settore in cui si opera

L’identificazione delle competenze può essere il risultato di un’attenta analisi del settore in cui la società opera, della tipologia e caratteristica di prodotto (bene o servizio) reso, dei nuovi strumenti di lavoro disponibili e delle necessità specifiche ed obiettivi aziendali. A seguito di tale analisi, il datore di lavoro avrà la possibilità di evidenziare le “lacune” di competenze e professionalità del proprio personale, individuando le aree in cui i dipendenti potrebbero beneficiare di un’ulteriore formazione e dello sviluppo delle proprie competenze. In alternativa, ciò che potrebbe senz’altro emergere, è la necessità di nuove competenze da implementare ex novo all’interno della società.

Valutazione delle lacune dei dipendenti

Una volta individuate le competenze richieste, è importante valutare le lacune di competenze del personale interessato. Tale procedimento può avvenire attraverso l’analisi specifica (o statistica) delle prestazioni, o mediane un sistema di valutazione interna o, ancora, sulla base di un’autovalutazione. Tale valutazione è utile nell’identificare i singoli lavoratori bisognosi dei corsi formativi, le aree e gli strumenti di lavoro oggetto dei piani formativi medesimi.

Identificare i percorsi di apprendimento

A seconda poi delle lacune professionali da colmare, il datore potrà identificare i percorsi di apprendimento per acquisire le (nuove o diverse) competenze richieste. Degli esempi potrebbero essere corsi di formazione online, in aula o formazione diretta sul luogo di lavoro.

Un piano di formazione personalizzato può essere sviluppato per ogni individuo, considerando le lacune di competenze e professionalità, gli obiettivi di carriera e le preferenze di apprendimento di ciascuno. In tal senso, un piano di formazione personalizzato può essere più efficace sebbene più costoso rispetto ad un’offerta di formazione generica, in quanto può essere tarato sulle specifiche esigenze proprie di ciascun dipendente.

Il monitoraggio dei progressi dei piani formativi

Ciò che non deve mancare, poi, anche a seguito della pianificazione del programma di formazione è il monitoraggio dei progressi dei piani formativi, in modo che il datore di lavoro possa tener traccia del raggiungimento degli obiettivi prefissati, oggetto dei singoli piani formativi. Il monitoraggio dei progressi può essere implementato, analogamente alla valutazione delle lacune di competenze, attraverso report di stato di avanzamento redatti dall’ente che gestisce il programma formativo o, ancora, attraverso la valutazione delle prestazioni o attraverso sistemi di valutazione ed autovalutazione.

Assegnare il lavoratore alla (nuova o diversa) mansione

Una volta completato il corso formativo, vi sarà poi l’assegnazione del lavoratore alla (nuova o diversa) mansione. Tale aspetto può anche avvenire o in maniera diretta attraverso la adibizione del lavoratore alla nuova diversa mansione oppure attraverso la assegnazione “in prova” e per un periodo di tempo limitato a più mansioni tra loro attinenti, per capire quella più attinente e preferibile da assegnare al lavoratore medesimo (cd. job rotation).

Gli impulsi derivanti dal PNRR in tema di corsi e piani formativi

Importanti impulsi in tema di reskilling/upskilling nel nostro Paese, si attendono dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Il PNRR, come noto, è un programma di investimenti e riforme del governo italiano per sostenere la ripresa economica e sociale del Paese in seguito alla pandemia da COVID-19. Sul punto, una parte significativa del PNRR è infatti dedicata al tema del reskilling e dell’upskilling dei lavoratori italiani, con l’obiettivo di garantire che le competenze dei lavoratori siano allineate alle esigenze del mercato del lavoro internazionale in continua evoluzione.

In particolare, attraverso il PNRR si prevede l’investimento di circa 1,5 miliardi di euro entro la fine del 2024 in programmi di formazione per i lavoratori da destinare alle imprese, tentando di fornire loro le competenze necessarie per lavori del futuro, derivanti dalla digitalizzazione, dagli sviluppi dell’intelligenza artificiale e dalla ricerca mirata alla sostenibilità ambientale. Di pari passo, tali investimenti includono programmi di formazione mirati per le competenze digitali, come la programmazione, l’analisi dei dati e la cybersecurity; programmi di formazione per progetti di transizione verso un’economia più sostenibile, con lo sviluppo delle energie rinnovabili e la mobilità sostenibile; e programmi di formazione volte allo sviluppo delle competenze trasversali e legate alla comunicazione collaborazione e leadership.

Il PNRR, peraltro, accanto agli incentivi mirati al reskilling ed all’upskilling, ha altresì previsto l’introduzione di incentivi fiscali per le imprese che investono nella formazione dei propri dipendenti. Nello specifico, ad esempio, un credito di imposta fino al 70% delle spese sostenute per la formazione dei lavoratori e comunque nel limite massimo di Euro 300mila (a seconda delle dimensioni della società). Questo dovrebbe stimolare le aziende a investire nella formazione dei propri dipendenti e garantire che i lavoratori italiani siano pronti ad affrontare i lavori del futuro.

Conclusioni

Fermo restando che questi programmi, per essere efficaci, devono essere frutto di un’attenta programmazione e pianificazione, tenendo a mente sia gli obiettivi aziendali che l’obiettivo di garantire, in un’ottica di sostenibilità, equità di carriera e opportunità tra i dipendenti, in modo da escludere o quantomeno minimizzare situazioni di differenziazione di trattamenti e di opportunità di sviluppo professionale che possono poi avere un impatto nella gestione complessiva del personale e del clima aziendale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3