Lotta alle fake news

Confutare un negazionista scientifico e vivere felici: come farlo bene

Come funziona nella pratica la confutazione dei negazionisti? Bisogna farlo senza mettere in discussione l’identità di una persona, non attaccando le credenze in sé, ma cercando di rendere evidente, in maniera rispettosa, l’illogicità di certe posizioni. Non è difficile come sembra

Pubblicato il 26 Nov 2022

Massimo Polidoro

Scrittore e giornalista

novax

I negazionisti scientifici sono tra noi,  sulle nostre bacheche social, nei talk show in TV, sono nostri amici o colleghi: negano il riscaldamento globale, riducendolo a mere fluttuazioni climatiche non così gravi come vengono raccontate; paragonano il Covid a una normalissima influenza e considerano i vaccini solo un business di Big Pharma. Alzi la mano chi almeno una volta non si è sentito frustrato dal senso di inutilità che pervade ogni tentativo di ragionare con loro o di dimostrare che le loro argomentazioni sono completamente prive di razionalità.

Ignorarli, tuttavia, sarebbe un grave errore.

“Science Denial Is Not a Mistake. It’s a Lie” – Lee McIntyre | Amanpour and Company

“Ho partecipato a una Convention internazionale dei sostenitori della Terra piatta, ho parlato di cambiamenti climatici con i minatori della Pennsylvania e di vaccini ai NoVax. Nessun collega scienziato voleva venire con me, ma ci sono andato comunque. E ne è valsa la pena”. A parlare così è Lee McIntyre, Research Fellow al Center for Philosphy and History of Science della Boston University, oltre che autore di numerosi saggi sulla scienza e su chi la scienza la rifiuta, che ho incontrato nei giorni scorsi a un convegno negli Stati Uniti. Ho pensato di chiedergli qualche consiglio in vista del mini-corso per riconoscere e contrastare fake-news e bufale che sarà disponibile online, gratuitamente, per chi si registrerà al sito.

I 5 difetti di ragionamento dei negazionisti

“Stanno crescendo le ricerche che dimostrano come la confutazione di idee sbagliate sia tutt’altro che futile” spiega McIntyre. “E la strategia più efficace è quella che mette in evidenza i difetti del ragionamento negazionista. Perché, chi rifiuta la scienza, che si tratti di vaccini, evoluzione, clima o Terra piatta, attinge sempre alle stesse tecniche di ragionamento imperfette”.

WHITEPAPER
[White paper gratuito] Guida per CIO all’azienda data driven

Sono cinque, in particolare, gli errori identificati dai fratelli Hoofnagle, due tra i principali studiosi del negazionismo, per spiegare come ragiona chi rifiuta i fatti e la scienza: 1) raccogliere solo le prove che sembrano confermare le proprie idee e respingere tutte quelle che le confutano; 2) fare ampio affidamento alle teorie del complotto; 3) impegnarsi in ragionamenti illogici; 4) affidarsi a falsi esperti; 5) insistere sul fatto che la scienza debba essere perfetta.

“Per esempio, a chi sostiene che i vaccini non sono perfettamente sicuri, si può rispondere che è irragionevole aspettarsi che i vaccini abbiano una sicurezza del 100%, quando nessun altro farmaco – nemmeno l’aspirina – può dare questo tipo di garanzie” suggerisce McIntyre. “Ora, alcuni negazionisti, come i No Vax o quelli che negano il riscaldamento climatico, potrebbero trovare offensivo l’accostamento con i terrapiattisti, ma la verità è che alla base di queste credenze c’è sempre qualche ideologia. In qualche caso è politica, altre religiosa… Ciò che capita è che quando una persona vede smentita dalla scienza una credenza a cui è tanto affezionata, preferisce rinunciare alla scienza”. E non solo alla scienza.

Educazione al pensiero critico, antidoto ai mali della post-verità

Verità “alternative”

L’ascesa di Donald Trump ha rappresentato una svolta, non solo per gli Stati Uniti, rispetto alla negazione dei fatti, di qualunque tipo” spiega McIntyre. “Lui e i suoi alleati nei media conservatori e nel Partito Repubblicano hanno sfruttato tipiche tecniche di disinformazione e le hanno applicate alla politica interna per respingere qualunque informazione scomoda rispetto ai propri obiettivi. La quantità di bugie, prima nella campagna elettorale e poi durante la presidenza, è stata così estesa e palese, per chi non fosse accecato dall’ideologia, che quasi i media non riuscivano a tenere il passo, una tattica di disinformazione nota come “l’idrante della menzogna”. E il successo della campagna con cui si è cercato di screditare l’esito delle elezioni presidenziali del 2020 rappresenta un punto di non ritorno, a partire dal quale Trump e i suoi sostenitori hanno solo aumentato la diffusione di falsità e distorsioni”.

Si è parlato a questo proposito di epoca della post-verità, intendendo non tanto la grande diffusione di menzogne e disinformazione, che da sempre accompagnano il cammino dell’umanità, quanto il tentativo di insinuare “verità alternative” attraverso il controllo della comunicazione.

La post-verità è peggio che mentire” osserva McIntyre. “Mentendo almeno rispetti il tuo pubblico abbastanza da cercare di convincerlo che una cosa falsa è vera. Con la post-verità, non ti interessa davvero se la gente ci crede veramente. Non ti sforzi nemmeno di convincerla. Ma attraverso il controllo politico cerchi di imporre per legge che certe cose false siano credute vere”.

Esempi di manipolazione della realtà si trovano già nel ventesimo secolo. La politologa Hannah Arendt ricordava nel suo libro Le origini del totalitarismo come le falsità della Germania nazista e dell’Unione sovietica venivano usate per controllare la popolazione. Secondo Arendt, la sottomissione politica della realtà ha lo scopo di rendere le persone ciniche e indurle così a pensare che sia impossibile conoscere davvero la verità, spingendole ad arrendersi. In questo modo le persone diventano più facili da controllare.

“Credo che fosse esattamente questo ciò che Trump stava cercando di fare negli Stati Uniti” commenta McIntyre. “Per questo, non possiamo permetterci di ignorare i negazionisti. Si potranno rinnovare le regole con cui i social media diffondono e alimentano la diffusione di falsità e si potrà incrementare l’insegnamento dell’alfabetizzazione mediatica. Tutto giusto. Ma il primo passo per vincere la guerra alla verità è accettare il fatto che c’è un attacco in corso. Il secondo è la necessità di impegnarsi in prima persona per contrastare la disinformazione”.

Rileggiamo i filosofi per uscire dalla disinformazione dei social

Una questione di identità

Fino a qualche tempo fa, si riteneva che cercare di smentire una falsa credenza potesse avere come effetto non voluto quello di rafforzare le convinzioni di chi a quella credenza vuole credere. Un effetto che due ricercatori dell’Università di Exeter, in Inghilterra, chiamarono “effetto backfire”. Tuttavia, nuove ricerche, confermate anche dagli stessi studiosi inglesi, dimostrano che un simile effetto è molto più debole di quanto suggerito.

Si è visto, in effetti, che le persone cercano informazioni basate sui fatti, e anche quando queste informazioni contrastano con le loro posizioni ideologiche non sempre le respingono. L’irrigidimento di una persona che crede in qualcosa può verificarsi più facilmente se costei vede messe in discussione le idee che definiscono la sua visione del mondo e, dunque, la sua identità.

“Se c’è in gioco l’identità di una persona, allora mettere in discussione le sue credenze può significare mettere in discussione l’immagine che questa persona ha di sé stessa. E qui bisogna andarci cauti” avverte McIntyre. “Quando l’identità di una persona è così strettamente legata a certe sue convinzioni, cercare di farle cambiare idea è come cercare di convincere qualcuno a cambiare religione o il partito politico di riferimento. È un’impresa! E dunque occorre essere rispettosi. A volte, il vero motivo per cui le persone abbracciano credenze irrazionali e poi, anche di fronte ai fatti, si rifiutano di abbandonarle risiede nel fatto che ciò le fa sentire parte di un gruppo e le fa stare bene, le fa sentire speciali”.

Si tratta, dunque, di trovare il modo di contrastare il negazionismo scientifico senza però mettere in discussione l’identità di una persona. E come si fa? Non attaccando le credenze in sé, ma cercando di rendere evidente, in maniera rispettosa, l’illogicità di certe posizioni, in modo che il disincanto possa almeno iniziare da qualche parte.

Come si confuta un negazionista

Come funziona, dunque, nella pratica la confutazione dei negazionisti? “Quando ho partecipato alla Flat Earth International Conference nel 2018, ho scelto di non dire nulla il primo giorno, anche se è stato difficile tenere la bocca chiusa quando ho sentito dire che l’Antartide sarebbe un muro di ghiaccio che impedisce al mare di defluire dalla Terra” racconta McIntyre. “Il secondo giorno, ero felice di avere aspettato. Sapevo che se avessi offerto prove, avrebbero detto che lo spazio non esisteva e che gli scienziati erano bugiardi. Anche se non ho convinto nessun terrapiattista sul momento, ho imparato come indurli almeno ad ascoltare. Li ho lasciati parlare, poi ho continuato con le domande una volta che il dialogo era in corso. Invece di confutare le argomentazioni, ho chiesto: “Quali prove potrebbero farti cambiare idea?” Se dicevano che servivano delle “evidenze”, ho chiesto perché le prove esistenti erano insufficienti. Se condividevano una teoria del complotto, chiedevo perché si fidavano delle prove che sostenevano quella teoria. In questo modo, e non limitandomi a elencare fatti e numeri, sono stato in grado di portarli a chiedersi perché non riuscivano a rispondere alle mie domande. È un modo per insinuare almeno il seme del dubbio”.

L’esperienza e la ricerca dimostrano infatti che non si può convincere chi nega la scienza portando solo argomentazioni scientifiche, dati e numeri, perché non è vero che chi non si fida della scienza sia solo poco informato. Spesso quella che manca è la fiducia.

“E la fiducia va costruita, con pazienza, rispetto, empatia e connessioni interpersonali. Poiché ho passato il primo giorno ad ascoltare, anche i negazionisti più convinti alla fine erano interessati a ciò che avevo da dire” dice McIntyre. “Invece di cambiare argomento e affrontare conversazioni più facili, è meglio impegnarsi in uno scambio rispettoso. Se si dedica più tempo a fare domande che a offrire spiegazioni, è più probabile che le persone prestino attenzione alle spiegazioni che potremo offrire”.

In quali contesti può valere la pena intraprendere questo tipo di scambi? “Ovunque si possano trovare negazionisti della scienza. Parlatene in fila dal farmacista. Fate volontariato, parlatene alla scuola dei vostri figli. Oppure, se siete abbastanza ambiziosi, unitevi a me alla prossima convention sulla terra piatta”. Ma prima, assicuratevi di partecipare al mio mini-corso per riconoscere e contrastare le fake news!

WEBINAR
15 Febbraio 2023 - 12:00
Misurare e migliorare l’experience dei clienti B2B: da dove si parte?
Digital Transformation
Marketing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4