LA LETTURA

Chi ha ucciso il sogno di una internet globale? Ma c’è ancora speranza

Nel libro “Internet fatta a pezzi” si racconta nel dettaglio la nascita e la corruzione del sogno di un mondo unito, attraversato da flussi di bit che trasportano idee, emozioni positive e relazioni tra le perso­ne; e si discute quello che tutti noi possiamo fare per cercare di tornare alle origini

Pubblicato il 23 Mar 2023

Vittorio Bertola

Research & Innovation Engineer presso Open-Xchange

Stefano Quintarelli

Imprenditore digitale, già parlamentare e ideatore di Spid nel 2012

bertola quintarelli

Quando negli anni novanta le persone più tecniche o più curiose si affacciarono per la prima volta all’universo di Internet, la sensazione che provarono fu di mistero e meraviglia.

Anche se all’epoca non si parlava affatto di filmati e di musica, e il massimo a cui si poteva aspirare era qualche immagine sgranata a bassissima risoluzione, gli esseri umani si trovarono proiettati in un regno di parole scritte che disponeva di una caratteristica assolutamente nuova: non c’era alcun confine.

Web3 basato su blockchain: una tecno-utopia che pecca d’ingenuità

Alla scoperta di Internet, il nuovo modello di interconnessione planetaria

Le risorse disponibili erano scarse, lente e difficili da trovare, oggetto di un passaparola sotterraneo tra i pochi iniziati al culto della rete; eppure, digitando poche parole magiche ci si poteva trovare in un attimo in un archivio di programmi in Svezia, in un gruppo di appassionati di fantascienza negli Stati Uniti, in una raccolta di schede tecniche di macchine fotografiche in Giappone o in una rudimentale chat insieme a persone di tutto il mondo. Il luogo e la nazione in cui un servizio o un contenuto erano collocati era soltanto un fatto statistico, generalmente indicato da una sigla di due lettere al fondo dell’indirizzo visitato; ma non faceva alcuna reale differenza.

L’idea che individui fisicamente fermi in ogni angolo del pianeta, purché parlassero inglese, potessero incontrarsi virtualmente in un luogo di fantasia senza dover prima chiedere niente a nessuno, iniziando subito a scambiarsi elettroni per condividere parole, era talmente rivoluzionaria che poté avvenire solo perché nessuna delle istituzioni ufficiali se ne era ancora accorta. Lo sforzo di controllo sulle comunicazioni che qualsiasi forma di potere intraprende era all’epoca interamente concentrato sui sistemi allora di massa, ossia la telefonia fissa, la stampa, la radio e la televisione.

Rispetto a quei media, Internet disponeva inoltre di un’altra caratteristica ancora più rivoluzionaria; non era soltanto possibile usufruire dei servizi e dei contenuti che c’erano già, ma era relativamente facile aggiungerne di propri. Certo, la tecnologia era agli inizi e non era alla portata di tutti, ma chi in quegli anni bazzicava un’università o una delle prime aziende del settore ebbe la possibilità di creare qualcosa di mai visto prima: il proprio sito web personale,[1] una raccolta di contenuti immediatamente accessibili a tutti nel mondo, con un clic e senza alcun filtro. Non solo: chi fosse stato capace di programmare i computer avrebbe potuto persino inventare un nuovo servizio o una nuova tecnologia e metterli sulla rete a disposizione di ciascuno, gratuitamente o per lucro, come avrebbe preferito; e lo spirito di comunità e d’avventura collettiva era talmente forte che quasi sempre l’opzione scelta era la prima.

Questo nuovo modello di interconnessione planetaria ebbe molte conseguenze, tra cui una crescita economica mai vista prima, che per tutto il periodo successivo ha generato e spostato una quantità immensa di ricchezza. Esso diede però vita anche a un effetto forse meno visibile e meno esplicitamente apprezzato, ma ancora più cruciale: una spinta naturale alla unificazione del pianeta Terra in una sola società globale, in pace e fratellanza tra i popoli, con la prospettiva che tali popoli potessero infine diventare uno solo.

C’erano allora poche persone su Internet; quando ci si incontrava online, lo spirito era simile a quello delle persone che si incontrano sui sentieri di montagna e i rapporti erano rispettosi, cortesi, quasi fraterni. I legami che si formavano erano intimi e solidali, indipendentemente dal luogo del mondo in cui ci si trovava.

Cos’è che ha frantumato l’originale Internet globale in una serie di blocchi nazionali

Molte cose sono successe nei trent’anni che oggi ci separano da quel mondo; è un’epopea già raccontata da molti punti di vista. Vogliamo però affrontare qui un tema nuovo: cos’è che ha frantumato l’originale Internet globale in una serie di blocchi nazionali e di giardini recintati, alcuni evidenti a tutti, altri meno visibili e che molti nemmeno conoscono? Cos’ha trasformato un meccanismo di pace e di cooperazione orizzontale in uno strumento di costruzione di monopoli e di accumulo di ricchezza nelle mani di pochi, e di guerra economica, informativa e militare tra le nazioni? Si tratta di una tendenza naturale e irreversibile, o è possibile ritornare almeno parzialmente indietro?

Chi è arrivato a Internet soltanto negli ultimi anni ha potuto percepire appena un debole riflesso della luce di cui essa originariamente splendeva. Certamente la rete resta un mezzo fondamentale di crescita personale e collettiva, di informazione, di socializzazione, che dà a chi la usa infinite possibilità di imparare e conoscere fatti e persone da tutto il mondo, permettendo con questo di migliorarsi e realizzarsi. Ma quell’originale magnifico bagliore è stato catturato e oscurato dalla nascita di muri e di recinti di ogni genere. Chi ricorda per esperienza diretta il modello originario della rete si sente costantemente trattato come una mucca al pascolo circondata da cowboy con il fucile in mano, pronti a sparare se qualcuno dovesse osare un rifiuto di fronte all’ennesima pubblicità invadente.

Oggi, ognuno di noi viene arruolato a forza in questa o quella piattaforma digitale, o in tutte quante insieme. Che sia Google o che sia Apple, la scelta del proprio smartphone por­ta con sé un intero ecosistema di servizi talmente spinti e integrati col resto che farne a meno è quasi impossibile. Ognuno di noi entra in reti sociali che creano barriere artificiali in funzione delle loro strategie per far denaro e per orientare il discorso collettivo; c’è quella che ti obbliga a condividere solo un certo tipo di contenuti, quella che non ti lascia inserire collegamenti a nessun altro sito – un’eresia contro il concetto stesso di rete – e quella, anzi tutte, che sceglie per te cosa devi vedere, mostrandoti non ciò che ti piace ma ciò che fa guadagnare il gestore, e scegliendo al posto tuo i tuoi nuovi amici, le tue nuove fonti e i tuoi nuovi guru. Queste piattaforme ci proiettano in una bolla di relazioni e di informazioni controllata e gestita da algoritmi, una bolla che ci appare come il mondo mentre in realtà ne è solo un piccolissimo scorcio, visto da un oblò algoritmico attraverso una lente distorcente. L’obiettivo della piattaforma non è presentarci un’idea corretta della realtà, ma farci stare più tempo online. Le tecniche per farlo sono assai sofisticate; richiamano alcuni aspetti fondamentali della psicologia umana, esacerbando posizioni e radicalizzando divisioni.

Le barriere crescenti delle regole pubbliche

Anche dal punto di vista delle regole pubbliche, le barriere sono crescenti. È normale attendersi che paesi governati in forme autoritarie esercitino uno stretto controllo sull’accesso dei loro cittadini alle risorse informative del resto del mondo, ma ormai anche nei paesi democratici si oscurano e si rimuovono contenuti per i motivi più disparati, talvolta anche di tipo politico, in modo sempre meno garantito e trasparente.

La creazione e la vigilanza di barriere, inoltre, richiedono di conoscere esattamente chi si muove al loro interno. Una delle migliori possibilità offerte dalla rete originaria, quella di togliersi la faccia, il nome e il passaporto, per essere veramente qualcun altro se e quando lo si voleva, sta venendo per forza di cose circoscritta, costringendo le persone a identificarsi e a essere sempre, senza scampo, ciò che è scritto sul loro documento. Una famosa vignetta pubblicata nel 1993 sul «New Yorker» mostrava un cane al computer che diceva a un altro cane: «Su Internet nessuno sa che sei un cane». Oggi non è più così, anzi, le grandi piattaforme della rete tracciano e conoscono i tratti più intimi delle persone.

Tutto questo ha conseguenze psicologiche profonde; l’originaria sensazione di fratellanza e di libertà assoluta è stata sostituita da un senso di divisione e da una crescente sfiducia nello strumento stesso. I social si spopolano e si trasformano in sistemi di sola scrittura; la comunicazione delle persone in rete non è più caratterizzata da un senso di partecipazione in qualcosa di più grande e collettivo, ma da un individualismo ossessivo, che afferma posizioni radicali, e dalla ricerca spasmodica di attenzione personale, come a cercare invano di colmare un’ennesima manifestazione di un generale senso di vuoto.

La frammentazione di Internet è dunque la frammentazione del pianeta Terra, ma anche della società e dell’animo delle persone, costrette a scegliere se stare in questa o quella piattaforma, in questo o quel blocco culturale, invece che essere ovunque e chiunque a proprio piacimento.

Conclusioni

La storia umana ci insegna che raramente la creazione di divisioni porta a qualcosa di buono. Nell’attuale momento storico, uno strumento per far conoscere e dialogare persone di tutte le parti del mondo parrebbe essere fondamentale per evitare il ritorno a epoche di conflitto diffuso e drammatico. Davanti a sfide ambientali e sociali che non guardano affatto al colore delle bandiere nazionali e non si arrestano alle frontiere, c’è sempre più bisogno di pace e di fratellanza nel mondo. Se riuscissimo almeno in parte a ripristinare i modelli originari di Internet, anche la tecnologia potrebbe finalmente dare un contributo a questo obiettivo, anziché limitarsi a produrre strumenti di controllo e di offesa.

Nel libro “Internet fatta a pezzi” raccontiamo dunque nel dettaglio la nascita e la corruzione del sogno di un mondo unito, attraversato da flussi di bit che trasportano idee, emozioni positive e relazioni tra le perso­ne; e discuteremo quello che tutti noi, cittadini e proprietari finali del nostro pianeta, possiamo fare per ripristinarlo.

Note

  1. Prima della metà degli anni novanta le tecnologie erano diverse, e si parlava di archivio di file ftp o di menu di testi Gopher/Veronica/wais, oppure, fuori da Internet, di bacheche bbs.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2