smart working

Diritto alla disconnessione dal lavoro: le norme che tutelano i lavoratori



Indirizzo copiato

La pandemia ha accelerato l’adozione dello smart working, evidenziando i benefici della flessibilità lavorativa. Tuttavia, l’uso intensivo degli strumenti digitali ha sollevato la questione del diritto alla disconnessione, regolamentato dal Parlamento europeo e, in parte, dall’Italia. Esploriamo le normative e le misure che i datori di lavoro possono adottare per tutelare i dipendenti

Pubblicato il 6 giu 2024

Wanda Falco

dipartimento R&D di Toffoletto De Luca Tamajo



Business,Team,Working,At,Office,Desk,And,Businessman,Using,A

Negli ultimi anni, complice anche la pandemia di Coronavirus, le imprese hanno apprezzato gli innegabili vantaggi del ricorso allo smart working.

Dalla maggiore flessibilità e dalla possibilità di conciliare meglio le esigenze di vita privata con quelle lavorative spesso derivano, infatti, l’incremento della produttività dei lavoratori e la riduzione del tasso di assenteismo.

The right to disconnect from work

Diversi sono i profili di interesse per le imprese quando si tratta di lavoro agile, tra questi fa molto discutere il diritto alla disconnessione del dipendente, tema di cui si sta occupando anche il legislatore comunitario.

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e cosa possono fare i datori di lavoro.

Diritto alla disconnessione: la risoluzione del Parlamento europeo e la proposta di direttiva

Il Parlamento europeo nella risoluzione del 21 gennaio 2021 (2019/2181) – recante raccomandazioni alla Commissione sul diritto alla disconnessione – ha rilevato come un utilizzo adeguato degli strumenti digitali procuri notevoli vantaggi ai datori di lavoro e ai lavoratori, quali la maggiore flessibilità nell’organizzazione del lavoro, la riduzione del tempo impiegato per raggiungere il luogo di lavoro e l’equilibrio tra vita privata e vita professionale.

Tuttavia, l’utilizzo sempre maggiore degli strumenti digitali a scopi lavorativi ha anche comportato la nascita di una cultura del “sempre connesso” che può pregiudicare diritti fondamentali come il benessere psico-fisico e danneggiare soprattutto i lavoratori «più vulnerabili e quelli con responsabilità di assistenza».

Da ciò deriva l’esigenza di regolamentare adeguatamente l’utilizzo dei dispositivi tecnologici garantendo l’esercizio del diritto alla disconnessione, definito dal Parlamento europeo come un «diritto fondamentale che costituisce una parte inseparabile dei nuovi modelli di lavoro della nuova era digitale».

Ed è proprio con la Risoluzione citata che il Parlamento europeo invita la Commissione a presentare una proposta di direttiva su norme e condizioni minime per garantire che i lavoratori possano esercitare efficacemente il loro diritto alla disconnessione, inteso come il diritto dei lavoratori di non svolgere attività o comunicazioni lavorative al di fuori dell’orario di lavoro per mezzo di strumenti digitali, come telefonate, e-mail o altri messaggi.

La proposta di direttiva riguarda sia il settore pubblico che quello privato e «tutti i lavoratori, indipendentemente dallo status e dalle modalità di lavoro».

Le misure di attuazione del diritto alla disconnessione

Nel testo attualmente disponibile sono individuate le misure di attuazione del diritto alla disconnessione che gli Stati membri devono garantire, quali:

  • modalità pratiche per scollegarsi dagli strumenti digitali a scopi lavorativi;
  • un sistema per la misurazione della durata dell’orario di lavoro;
  • la valutazione dei rischi (anche psico-sociali) per la salute e la sicurezza;
  • la sensibilizzazione e formazione dei lavoratori circa le condizioni di lavoro;
  • criteri per la concessione di eventuali deroghe al diritto alla disconnessione.

Il provvedimento, inoltre, individua le tutele per i lavoratori che esercitino il diritto alla disconnessione. In particolare, gli Stati membri sono chiamati a garantire che:

  • siano vietati la discriminazione, il licenziamento e altre misure sfavorevoli adottate dai datori di lavoro nei confronti di lavoratori che abbiano esercitato o tentato di esercitare il diritto alla disconnessione;
  • incomba sul datore l’onere di dimostrare che il licenziamento o il trattamento meno favorevole siano stati determinati da motivi diversi dalla ritorsione, quando i lavoratori presentino all’autorità competente fatti idonei a farla presumere;
  • i lavoratori abbiano accesso a un meccanismo di risoluzione delle controversie rapido, efficace e imparziale;
  • i datori di lavoro forniscano per iscritto a ciascun lavoratore informazioni chiare, sufficienti ed adeguate sul diritto alla disconnessione.

La disconnessione in Italia: normative e prassi

Il diritto alla disconnessione è disciplinato dall’ordinamento italiano esclusivamente con riferimento ai lavoratori in smart working.

Un po’ di normativa per capire come inquadrarlo in Italia.

Secondo l’art. 19 della l. 81/2017 l’accordo di lavoro agile – che «disciplina l’esecuzione della prestazione lavorativa svolta all’esterno dei locali aziendali, anche con riguardo alle forme di esercizio del potere direttivo del datore di lavoro ed agli strumenti utilizzati dal lavoratore – individua altresì i tempi di riposo del lavoratore nonché le misure tecniche e organizzative necessarie per assicurare la disconnessione del lavoratore dalle strumentazioni tecnologiche di lavoro».

Sul diritto alla disconnessione è poi intervenuto anche il d.l. 30/2021 (convertito dalla l. 61/2021) che all’art. 2, comma 1-ter prevede che «è riconosciuto al lavoratore che svolge l’attività in modalità agile il diritto alla disconnessione dalle strumentazioni tecnologiche e dalle piattaforme informatiche, nel rispetto degli eventuali accordi sottoscritti dalle parti e fatti salvi eventuali periodi di reperibilità concordati. L’esercizio del diritto alla disconnessione, necessario per tutelare i tempi di riposo e la salute del lavoratore, non può avere ripercussioni sul rapporto di lavoro o sui trattamenti retributivi».

Il Protocollo nazionale sul lavoro agile

Riferimenti al diritto alla disconnessione sono presenti anche nel Protocollo nazionale sul lavoro agile nel settore privato del 7 dicembre 2021, sottoscritto dal Ministero del Lavoro e dalle principali associazioni datoriali e sigle sindacali nazionali al fine di individuare le linee di indirizzo per la disciplina del lavoro agile da parte della contrattazione collettiva nazionale, territoriale e aziendale.

In particolare, l’art. 3 del Protocollo precisa che:

  • la giornata lavorativa svolta in modalità agile si caratterizza per l’assenza di un preciso orario di lavoro e per l’autonomia nello svolgimento della prestazione nell’ambito degli obiettivi prefissati;
  • la prestazione di lavoro in modalità agile può essere articolata in fasce orarie, individuando, in ogni caso, la fascia di disconnessione nella quale il lavoratore non eroga la prestazione lavorativa;
  • vanno adottate specifiche misure tecniche e/o organizzative per garantire la fascia di disconnessione;
  • salvo esplicita previsione dei contratti collettivi, durante le giornate in cui la prestazione lavorativa viene svolta in modalità agile non possono essere di norma previste e autorizzate prestazioni di lavoro straordinario;
  • nei casi di assenze c.d. legittime (es. malattia, infortuni, permessi retribuiti, ferie) il lavoratore può disattivare i propri dispositivi di connessione e, in caso di ricezione di comunicazioni aziendali, non è comunque obbligato a prenderle in carico prima della prevista ripresa dell’attività lavorativa.

Cosa possono fare i datori di lavoro per garantire il diritto alla disconnessione

Cosa possono fare in concreto, dunque, i datori di lavoro per garantire l’esercizio del diritto alla disconnessione?

Le possibili misure di disconnessione sono le seguenti:

  • pianificazione di riunioni in fasce orarie pre-determinate;
  • utilizzo di modalità automatiche di ritardata consegna delle e-mail in caso di invio di comunicazioni attraverso sistemi informatici aziendali al di fuori dell’orario di lavoro;
  • shut down del sistema nelle ore notturne o festive;
  • disattivazione da parte del dipendente, durante i tempi di riposo e disconnessione, dei dispositivi utilizzati per lo svolgimento della prestazione.

Il rapporto Eurofound sul diritto alla disconnessione

Il recente rapporto dell’Eurofound dal titolo «Right to disconnect: implementation and impact at company level» esplora la legislazione degli Stati membri dell’UE sul diritto alla disconnessione e mostra le differenze tra i lavoratori delle imprese con una politica di diritto alla disconnessione e quelli delle organizzazioni che ne sono prive.

Una quota significativa di lavoratori delle società senza una politica di diritto alla disconnessione ha dichiarato, infatti, di avere problemi di salute come frequenti mal di testa, stress e ansia. Nelle imprese con una politica di diritto alla disconnessione, invece, sono segnalati livelli molto elevati di soddisfazione professionale e un migliore work-life balance.

La situazione negli altri Paesi dell’UE

Dal rapporto, inoltre, emerge che attualmente nove stati membri dell’UE dispongono di una legislazione inerente al diritto alla disconnessione ovvero Belgio, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna. In particolare, la Francia è stato il primo paese europeo a introdurre il diritto alla disconnessione con il Codice del Lavoro del 2016, seguito dal legislatore belga che si è ispirato a quello francese.

Gli aspetti esaminati dal rapporto, che variano da Paese a Paese, sono:

  • la copertura della normativa che viene determinata in base alle dimensioni dell’impresa o alle tipologie di lavoratori interessati (in Belgio, ad esempio, la disciplina sul diritto alla disconnessione riguarda le imprese private con più di 20 dipendenti, in Francia riguarda quelle con più di 50 dipendenti anche se le Corti e gli accordi collettivi richiedono l’applicazione a tutti i lavoratori; in Grecia e Slovacchia la disciplina si applica solo ai telelavoratori);
  • l’implementazione che può essere essere “diretta” o demandata alla contrattazione collettiva (ad esempio, in Grecia l’art. 67 della L. 4808/2021 disciplina nel dettaglio il diritto alla disconnessione senza rinviare alla contrattazione collettiva, in Belgio, Irlanda e Lussemburgo l’implementazione, invece, è rimessa alla contrattazione collettiva e, in mancanza di accordo, alle policy aziendali);
  • la presenza e la natura delle sanzioni (Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna, ad esempio, prevedono sanzioni pecuniarie in caso di inadempimenti da parte dei datori).

Diritto alla disconnessione e telelavoro: la situazione nel mondo

Sull’implementazione del diritto alla disconnessione si segnala anche lo studio pubblicato da Ius Laboris e aggiornato ad agosto 2023, «The right to disconnect around the world», che offre una panoramica delle legislazioni degli Stati di America, Europa e Asia, mettendo in evidenza i paesi in cui manca completamente una regolamentazione del diritto alla disconnessione (come USA e Canada), quelli in cui sono all’attenzione dei governi proposte normative (come Brasile e Australia) e quelli in cui la materia è regolamentata (come Messico, Colombia, Perù, Cile e Argentina).

Conclusioni

Il notevole incremento del lavoro da remoto e il crescente utilizzo di strumenti digitali mobili hanno messo in luce alcune problematiche connesse alla diffusione della cultura del «sempre connesso», come il rischio di periodi di riposo insufficienti.

In attesa delle novità provenienti dall’ordinamento comunitario, è opportuno che le imprese che fanno ricorso al lavoro da remoto garantiscano ai propri dipendenti l’esercizio del diritto alla disconnessione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4