Analisi

Gli insegnanti tornano a studiare: luci e ombre del nuovo piano di formazione del Governo

Esce un provvedimento del Governo che, nella lettera, prova a mettere l’Italia in pari con l’Europa sulla “formazione continua” degli insegnanti. Anche digitale e a distanza. Preoccupa però la mancanza di chiarezza sulla sua attuazione territoriale

10 Nov 2016
Paolo Ferri

Professore Ordinario di Tecnologie della formazione, Università degli Studi Milano-Bicocca

scuola-insegnare-insegnante-161103103209

E’ uscito di recente un provvedimento del Governo che, almeno nella lettera, dovrebbe rendere più competitivo il sistema scolastico italiano.

Si tratta del Piano Nazionale per la formazione dei docenti 2016-2019, presentato dal Ministro Giannini in una conferenza stampa che si è svolta a Roma il 3 ottobre. Il Piano va, in particolare, ad attuare i provvedimenti sulla formazione degli insegnati contenuti nella legge 107 “La buona scuola” che recita la formazione in servizio dei docenti di ruolo è obbligatoria, permanente e strutturale[1] (in particolare al comma 124 e al comma 12 dell’articolo 1) e, inoltre, a rafforzare i provvedimenti contenuti nel Piano Nazionale Scuola Digitale.
Nel Piano vengono individuate, infatti, nove le priorità tematiche che dovranno orientare le scuole per la formazione in servizio dei docenti:

– autonomia didattica e organizzativa;

– didattica per competenze;

– innovazione metodologica e competenze di base (a rafforzamento del PNSD);

– competenze digitali e nuovi ambienti per l’apprendimento (a rafforzamento del PNSD);

– competenze di Lingua straniera;

– inclusione e disabilità;

– coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile globale.

– integrazione, competenze di cittadinanza e cittadinanza globale (a rafforzamento del PNSD);

– scuola e lavoro;

– valutazione e miglioramento.

Il Piano prevede, per attuare questi obiettivi, un investimento di 325 milioni di euro. A queste risorse, auspica si aggiungano gli 1,1 miliardi della Carta del docente, per un totale di 1,4 miliardi stanziati nel periodo 2016/2019 per l’aggiornamento e lo sviluppo professionale del corpo insegnante. Non è però chiarito come le risorse stanziate direttamente dal governo e i cinquecento euro della carta del docente possano confluire, almeno in parte, in un unico piano strutturato e organico, dal momento che mentre le risorse per azioni formative del governo sono conferite direttamente alle scuole, i fondi della carta del docente possono essere spesi direttamente dagli insegnanti, sulla base delle loro necessità all’interno di un “catalogo” di spese ammesse per la “rendicontazione”. In ogni caso, nel piano verranno coinvolti tutti i docenti di ruolo, circa 750.000, e sono previste azioni formative per tutto il personale scolastico.

Gli strumenti attuativi del piano: ridare status agli insegnanti e alla scuola

Per attuare il Piano nazionale per la formazione degli insegnanti, il Miur assume la regia nazionale della formazione: stabilisce le priorità, ripartisce le risorse, monitora i risultati delle attività, sviluppa accordi nazionali con partner della formazione.
Le scuole, sulla base di una ricognizione delle esigenze formative espresse dai singoli docenti attraverso i “Piani individuali di formazione”, progetteranno e organizzeranno, anche attraverso reti di scuole – le cosiddette “reti di ambito”, la formazione del personale. Ogni docente avrà un “portfolio digitale” che raccoglierà esperienze professionali, qualifiche, certificazioni, attività di ricerca e pubblicazioni, insomma la sua storia formativa.
Le attività formative saranno integrate nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) e dovranno perciò essere coerenti con il progetto didattico di ciascun Istitut. o.
La formazione potrà svolgersi in modo diversificato: con lezioni in presenza e/o a distanza, attraverso una documentata sperimentazione didattica o attraverso la progettazione di strategie didattiche innovative legate alle priorità del piano.

Rispetto al passato l’incremento di risorse è davvero rilevante, e almeno sulla carta, è anche chiara l’intenzione di riqualificare e motivare maggiormente gli insegnati. Nel triennio 2013-2016 sono stati investiti sul capitolo “formazione dei docenti”, appena 18,5 milioni. Oggi ne vengono investiti 325, solo per i percorsi di formazione, cui si aggiungono gli stanziamenti della Carta dell’insegnate.

L’idea che ispira il piano è quella che ciascun docente possa usufruire di un percorso di “formazione” long life che ne aumenti le motivazioni, la qualificazione e lo status. Come, infatti, ha sostenuto durante la conferenza stampa, Andreas Schleicher, Direttore del Directorate of Education dell’Ocse, esiste una correlazione diretta tra la “percezione di status” che hanno gli insegnanti del loro ruolo nella società e nella vita associata ed economica di una nazione e i risultati degli studenti negli apprendimenti, come dimostrano le slide qui sotto (figura 1).

Figura 1. Relazione tra status professionale degli insegnanti e risultati negli apprendimenti degli studenti (fonte OCDE, http://www.istruzione.it/allegati/2016/Schleicher.pdf)

In Italia, purtroppo, scontiamo ancora i circa quindici anni di mancati investimenti o di tagli, dovuti alla gestione del MIUR da parte dei Ministri Moratti e Gelmini, e il conseguente radicale abbassamento della percezione del ruolo che gli insegnanti hanno nella società (fig. 2).

Fig. 2 La percezione degli insegnanti dello status dell’insegnamento all’interno di ciascun Paese (fonte dati OCSE)

Da questo punto di vista, la formazione è considerata dal Ministero una leva per poter invertire questa tendenza e ridare progettualità e motivazione ad un corpo insegnante, spesso frustrato, dall’impoverirsi del suo ruolo sociale e del suo status professionale. La formazione diventa infatti, almeno nelle intenzioni, uno dei cardini del miglioramento dell’offerta formativa.
Più in dettaglio, per dare concretezza e qualità all’offerta formativa cui potranno attingere le scuole, il ministero ha già attivato un rinnovo delle vecchie procedure di accreditamento a livello nazionale dei soggetti erogatori (pubblici e privati) che dovrebbe consentire anche di monitorare meglio gli standard della qualità della formazione offerta alle scuole e dalle scuole. Si tratta di un tasto dolente che si è manifestato, in particolare, nel corso delle tornate di formazione legate al Piano Nazionale Scuola Digitale, soprattutto nel campo dell’attuazione a livello territoriale – snodi e poli locali formativi – che progettano e organizzano le attività.

Le possibili criticità del piano: l’attuazione su base territoriale

In effetti, sul tema dell’attuazione su base territoriale delle varie azioni, anche il documento sulla “formazione permanete” è piuttosto “vago” e non sempre chiarissimo. Non si comprende a pieno come verrà articolata e gestita la programmazione, l’erogazione, e il monitoraggio della formazione da parte delle USR, delle “reti di ambito” e delle scuole; inoltre non risulta perspicuo quali saranno i soggetti che potranno concorrere a questo nuovo “ecosistema digitale della formazione” (Cap. 5 del piano), ad esempio non è chiarito, in modo esplicito, quale ruolo svolgeranno in questo contesto gli enti pubblici (Università, Enti di ricerca) e privati (imprese ed enti di formazione) accreditati.

Purtroppo il modello attuativo pare ricalcare quello dei “poli e degli snodi formativi” che stanno attuando il Piano Nazionale Scuola digitale, un sistema sta manifestando molte carenze, che non vorremmo si ripresentassero anche nel caso del Piano di formazione dei docenti 2016-2019 e che per questo elenchiamo di seguito:

a. molto spesso nelle regioni e sui territori manca una regia coordinata dei processi di formazione che sono spesso episodici.

b. I poli e gli snodi formativi non si coordinano, salvo rare eccezioni a livello regionale e questo causa duplicazioni nell’offerta di formazione e/o dispersione di risorse.

c. I “costi orari” della ammessi per la retribuzione dei formatori sono molto bassi 45 euro lordi per i docenti della scuola e 70 euro lordi che comprendono anche le spese di viaggio e trasferta e questo spesso manda deserti i bandi o ammette al ruolo di formatori soggetti poco qualificati.

d. La enorme complicazione burocratica delle piattaforme PON, per l’indizione dei bandi, per la selezione dei formatori e per di gestione dei fondi in uscita, scoraggia molti scuole organizzatrici e anche molti formatori qualificati alla partecipazione agli eventi formativi.

Tutte queste problematiche “logistiche” a livello locale stanno provocando, spesso, una dispersione a piaggia delle ingenti risorse allocate, oltre a produrre duplicazioni e irrazionalità locali e territoriali del sistema formativo che sono percepiti oggi come gravi punti di criticità da chi scrive, ma anche da molti dirigenti, docenti, e personale tecnico amministrativo che stanno partecipando al Piano Nazionale Scuola Digitale (tema affrontato in un’intervista per il Corriere delle Comunicazioni http://www.corrierecomunicazioni.it/archivio-giornale/2016/12/Corcom_13.pdf).
Non vorremmo che queste difficoltà smorzassero e riducessero anche le ottime intenzioni del Piano di Formazione degli insegnati 2016-2019.

Le condizioni di attuabilità del Piano: centralizzare, deburocratizzare e disintermediare

Ora, il nostro mettere l’accento sulle difficoltà di attuazione dei piani di formazione in atto – in particolare del Piano Nazionale scuola digitale – non è “distruttivo” ma “costruttivo”.
Il lavoro fatto dal Miur per “istituire” anche in Italia un modello di formazione long life dei docenti è davvero lodevole, come lodevole è il carattere permanente e obbligatorio della formazione e la necessità di riqualificare e dare “status” agli insegnanti e più in generale a tutta la scuola italiana.
Mettiamo l’accento sulle criticità dei piani di formazione in atto (ad esempio del PNSD) per evitare che si ripetano e che affliggano anche il “piano per la formazione continua” del personale della scuola che si sta per attuare.
Come già ribadito su queste pagine (Piano Nazionale Scuola Digitale anno uno: molte luci, poche ombre), un possibile consiglio da rivolgere al Ministero è quello, molto poco usuale in tempi di “federalismo concorrente e autonomista”, di “centralizzare” il più possibile le procedure, snellendole e rendendole meno farraginose e, ove possibile, di “disintermediare” il lavoro delle “reti di ambito” che dovranno gestire la formazione continua sul territorio allocando più potere di raccordo e coordinamento negli Uffici Scolasti regionali o al Ministero stesso, per evitare che i particolarismi locali, la burocratizzazione delle procedure e l’innata resistenza al cambiamento della scuola italiana depotenzino e annacquino il grande impegno legislativo, normativo e di indirizzo profuso dal Miur anche nel caso del Piano per la formazione dei docenti 2016-2019.

__________________________________________________________________________________

[1] Il comma 124 parla di “formazione in servizio” strettamente correlata, come già detto, agli adempimenti connessi alla funzione docente e che “le attività di formazione sono definite dalle singole istituzioni scolastiche in coerenza con il piano triennale dell’offerta formativa e con i risultati emersi dai piani di miglioramento delle istituzioni scolastiche previsti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80”. Il comma 12 dell’art.1 della Legge 107 specificache il Piano dell’offerta formativa triennale dovrà contenere anche la programmazione delle attività formative rivolte al personale docente e amministrativo, tecnico e ausiliare.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3