LO SCENARIO

Il futuro della robo-responsabilità: tutte le sfide regolatorie

A partire dalla risoluzione del Parlamento Ue del 2017, l’Europa è al lavoro sul tema della responsabilità delle macchine intelligenti. Ma i progressi tecnologici e le notizie di cronaca sono tali da suggerire la necessità di un approccio normativo più completo e coordinato

29 Gen 2020
Riccardo Scarfato

Associato Vision Think Tank.

robot-law

Un robot che causa danni può essere considerato un “prodotto difettoso”. Oppure no. Ma il nodo centrale rimane quello della responsabilità. E’ in questo complesso ambito che si stanno muovendo i primi passi verso una regolamentazione efficace di robotica e Intelligenza artificiale, in grado di equilibrare le esigenze degli sviluppi tecnologici e il diritto.

Sicurezza e responsabilità nell’automotive

La questione è emersa, con inedita chiarezza, il 19 novembre 2019 quando il National Transportation Safety Board (NTSB) degli Stati Uniti, ovvero l’Agenzia incaricata di migliorare la sicurezza del sistema dei trasporti civili degli USA, si è pronunciata sull’incidente Elaine Herzberg del 2018. Ovvero uno dei pochi casi attestati d’incidente mortale che ha visto coinvolta un’automobile a guida autonoma, in questo caso progettata da Uber. La NTSB ha raccomandato alla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), ovvero l’Agenzia del Ministero dei trasporti competente sul tema, di richiedere alle imprese che desiderano testare un sistema di guida automatizzato per lo sviluppo su strade pubbliche di presentare piani di autovalutazione della sicurezza prima di poter avviare o continuare i test. Piani che la stessa NHTSA dovrebbe poi rivedere al fine di garantirne l’adeguatezza.

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale

Tecnicismi a parte la questione vera, oltre l’infausto incidente, ruota attorno alla nuova responsabilità e gli sviluppi futuri del tema. Nel caso analizzato, la NTSB ha diviso la colpa per l’incidente a guida autonoma di Uber tra la stessa compagnia, il responsabile della sicurezza del veicolo, la vittima e lo stesso stato dell’Arizona.

L’agenzia ha dichiarato che Uber, in particolare, mancava di “un’efficace cultura della sicurezza”, puntando il dito quindi contro il “Advanced Technologies Group” di Uber.

Ma, facendo un passo indietro e guardando la questione in un’ottica macro, sembra più una questione di pura sensibilità. Come di seguito riportano i dati degli incidenti su strada della UE. Questi dati, pur se in calo, mostrano un quadro indegno dell’avanzamento tecnologico attuale. Tuttavia, l’OCSE e la Word bank hanno affermato come l’introduzione del self-driving possa abbattere più della metà delle morti sulle nostre strade. Dunque, se le cose stanno davvero così, il vero problema resta la fiducia dei consumatori verso l’IA. Che al momento non c’è.

Ma c’è dell’altro. Quando si parla di robot, in senso lato, le questioni che vengono a galla sono sostanzialmente due. La prima relativa all’aspetto etico e la seconda relativa all’aspetto giuridico. Ovvero se è possibile riconoscere come centro di imputazione di diritti e doveri, e conseguente responsabilità, un robot in quanto tale.

Le responsabilità del robot

Parlando di robot ed IA abbastanza sviluppati e capaci di sviluppare ed attuare autonomamente le proprie decisioni, possiamo considerare la responsabilità (almeno per quanto riguarda l’aspetto penale come ricorda con dovizia critica Simona Cedrola in IUSInItinere) del:

  • robot come soggetto; sostanzialmente nuova perché appunto non dell’uomo. Ed avremmo quindi la necessità di rivedere tutte le nozioni di capacità soggettiva, azione e colpevolezza per comprendere come le attività realizzate dal robot possano avere effetti rilevanti per le normative in vigore; oppure
  • robot come oggetto; e quindi far ricadere in qualche modo la responsabilità sul costruttore anche in assenza di errori di programmazione, costruzione e manutenzione. Parlando quindi di responsabilità per colpa.

Centrale risulta la risoluzione del Parlamento europeo (PA) del 16 febbraio 2017, recante raccomandazioni alla Commissione concernenti norme di diritto civile sulla robotica. Il PA pone al centro del dibattito europeo l’importanza di cominciare a delineare la struttura logica e giuridica della responsabilità per danni causati dai robot. Troviamo, nella risoluzione, un diverso grado di responsabilità a seconda delle effettive istruzioni impartite al robot e che ad ogni modo questa responsabilità dev’essere imputata ad un umano e mai ad un androide. Affermazione, questa, che quindi esclude una delle due tesi su esposte. Sembra una soluzione ancora grezza e monca, e che viene individuata attraverso un regime di responsabilità obbligatorio come per le automobili ma strutturalmente diverso.

Il problema non sembra di poco conto guardando i dati della produzione nell’industria robotica, che crescerà sempre più nei prossimi anni.

Alcuni studiosi, anche della stessa Commissione UE, non si trovano completamente in accordo con il PA. Questi ultimi individuano sì una responsabilità, ma necessariamente da attribuire ai robot (che in futuro potranno completamente prendere delle scelte autonome), con la possibilità quindi di riconoscergli una personalità giuridica simile a quella delle società.

Un caso che vale davvero la pena citare è il robot-sociale Sophia, sviluppato dalla Hanson Robotics nel 2016. Oltre ad aver sostenuto diverse interviste ed intrattenuto conversazioni mostrando una certa “empatia ed emotività” ha ricevuto nel 2017 la cittadinanza in Arabia Saudita. Sophia, utilizzando la IA, riconoscimento facciale e vocale, legato al machine learning raggiunge continuamente nuovi traguardi infrangendo record su record nel mondo della robotica.

Robot, la questione “fiducia”

Insomma, la robotica non è il futuro ma già il presente, con la consapevolezza che manca ancora molto affinché l’IA riesca ad assolvere autonomamente la maggior parte delle funzioni del cervello umano. Infatti, come ricorda Alec Ross in una delle sue ultime pubblicazioni The Industries of the future, il Giappone (che gestisce 310.000 degli 1,4 milioni di robot in campo industriale) ha fatto passi da gigante con il robot Asimo di Honda e il robot Robina di Toyota, umanoidi che possono fungere da assistenti domestici a persona in età avanzata. Tuttavia, il motivo centrale che ne frena l’uso diffuso tra la popolazione sembra più di natura emotiva che tecnica. Come dimostrato prima nell’esempio dell’automobile a guida autonoma.

Tornando alla responsabilità, il PA richiama le tre leggi di Asimov sulla robotica:

  • Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, un essere umano riceva danno;
  • Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non vadano in contrasto alla Prima Legge;
  • Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché la salvaguardia di essa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.

Troppo facile contestare questo approccio, basti pensare ai c.d. Robot-Killer ovvero l’utilizzo robot-militare nei conflitti e non solo. Un caso limite, ma nella pratica ricorrente, è la necessità di scelta tra due soluzioni emergenziali nelle quali una esclude l’altra, potendo causare danni a delle persone. Verrà applicato lo stato di necessità ex art. 54 del Codice penale, come causa di giustificazione verso il Robot? Dunque, dovremmo utilizzare la stessa responsabilità che fino ad ora è stata attribuita all’uomo?

Androidi, il rischio deregulation

Sembra emergere un circolo vizioso. Nel senso che una regolamentazione etica, politica e legislativa è necessaria per creare quel sostrato di fiducia funzionale allo sviluppo definitivo nel settore industriale della robotica, e verso gli utenti finali. Ma dall’altra parte, non ci si rende globalmente conto del rischio di trovarsi improvvisamente senza una adeguata regolamentazione, se non dopo questi sciagurati incidenti.

Attualmente siamo fermi alla direttiva 85/374/CEE, relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati Membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, che qualifica quindi i robot come semplici prodotti. Bisogna fare dell’altro per superare questo stallo normativo. Non sembra un’utopia, ma un ulteriore salto interpretativo.

Se guardiamo alla responsabilità è possibile notare come nel corso degli anni il legislatore abbia “creato” quella degli Enti (si guardi al D. Lgs 231/2001) e dunque non si vede all’orizzonte nessun limite per non attribuirla anche all’IA, al netto dei necessari accorgimenti. Poiché, sembra oramai ovvio, la responsabilità da prodotto difettoso ed in generale quella oggettiva, non bastano più a regolare situazioni nelle quali l’IA arriva a scegliere in completa autonomia le proprie azioni.

Concludendo, la questione non è di facile interpretazione e richiede sforzi ulteriori, per non arrivare impreparati al momento dell’impatto con i devastanti effetti che porterà la robotizzazione. L’Unione europea è sulla buona strada, avendo già riconosciuto la necessità d’approccio europeo e non solo nazionale. Ora staremo a vedere le prossime guidelines e step a partire dal Forum Europeo della Robotica 2020 a Malaga.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link