il report

Internet, prove tecniche di chiusura? I rischi di censura, sorveglianza e violazioni dei diritti

Internet come lo conosciamo ora è minacciato da svariate strategie di censura, controllo e sorveglianza massiva. Sempre più Stati avallano un modello di cyber-regolamentazione volto a frammentare la rete per controllarla meglio, reprimere il dissenso, violare i diritti umani. Il punto nel Report di Access Now

27 Giu 2022
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

Photo by Michael Dziedzic on Unsplash

Lo stato di salute di Internet non è dei migliori. È un dato di fatto, purtroppo confermato da numerose evidenze riscontrabili nella concreta prassi: da tempo si assiste ad una progressiva involuzione dell’ambiente digitale che esprime il dilagante “lato oscuro” della Rete ancor più accentuato durante l’emergenza pandemica al punto da ipotizzare un graduale e irreversibile peggioramento del cyber-spazio.

La libertà in internet è in declino, tra censura e sorveglianza: lo studio

Ma siamo davvero di fronte all’inesorabile declino della tradizionale Rete globale?

Censura, controllo e sorveglianza massiva

In uno scenario di crescente “balcanizzazione” di Internet prolifera, come criticità sempre più insidiosa, il perfezionamento di svariate strategie di censura, controllo e sorveglianza massiva destinate a stravolgere la tradizionale configurazione della Rete.

Prende così forma un nuovo modello di cyber-regolamentazione, avallato da un crescente numero di Stati, funzionale a realizzare la frammentazione di Internet in una radicata prospettiva di isolamento tecnologico giustificata dall’esigenza di controllare i flussi veicolati online a presidio della sicurezza nazionale.

Da ciò discende, come inevitabile effetto collaterale, il rafforzamento dei centri di potere dominanti anche a costo di erodere lo spazio di libertà configurabile nello spazio virtuale in contrasto con l’originaria visione di Internet, basata sull’accesso, sull’apertura e sulla trasparenza di tale infrastruttura.

Lo studio di Access Now

A conferma di ciò può essere menzionato il recente Report di studio realizzato dall’organizzazione internazionale Access Now nell’ambito della campagna #KeepItOn lanciata da una coalizione che raccoglie, su scala globale, enti di ricerca, attivisti della società civile e studiosi provenienti da oltre cento Paesi, con l’obiettivo di promuovere la tutela dei diritti digitali e sensibilizzare l’opinione pubblica sui possibili rischi provocati dalla chiusura di Internet.

Lo studio si ispira agli orientamenti formalizzati nella risoluzione ONU sulla promozione, protezione e godimento dei diritti umani su Internet, unitamente al rapporto del Consiglio per i diritti umani del 2019 sulla libertà di riunione pacifica e di associazione nell’era digitale , in combinato disposto con  Documento n. 37(2020) sul diritto di riunione pacifica adottato dal Comitato per i diritti umani per sollecitare gli Stati firmatari del Patto internazionale sui diritti civili e politici a non “bloccare o ostacolare la connettività Internet in relazione allo svolgimento di attività pacifiche”.

Prospettando l’avvento di una nuova era di “autoritarismo digitale”, il Report, già noto per aver segnalato nel biennio 2018-2020, almeno 564 arresti in tutto il mondo (localizzate prevalentemente in Africa, Asia-Pacifico, Medio Oriente e Nord Africa), più di recente ha documentato 182 interruzioni di Internet in 34 Paesi nell’ambito di una pervasiva attività di cyber-controllo sfociata in 159 arresti registrati in 29 Paesi soltanto nel 2020, sino a raggiungere il picco di +23 carcerazioni ulteriori nel 2021.

Si intensifica l’uso di strumenti di censura e sorveglianza utilizzati per reprimere il dissenso di avversari politici e azzerare qualsivoglia forma di protesta civile antigovernativa (come, ad esempio, avvenuto in Etiopia, Myanmar e India), unitamente al blocco generalizzato delle piattaforme di comunicazione con l’intento di limitare la condivisione del flusso dei dati, messaggi testuali e contenuti multimediali “anti-regime”, inibendo altresì l’accesso alle reti private virtuali (VPN) per impedire alle persone di aggirare la censura (circostanza riscontrata in Algeria, Giordania, India, Iran, Iraq, Myanmar, Pakistan, Russia, Sudan e Uganda): tali tendenze dimostrano inequivocabilmente il progressivo declino di Internet globale a causa di una sistemica violazione dei diritti umani. Si tratta, peraltro, di un dato verosimilmente sottostimato, poiché la metodologia statistica utilizzata si basa sull’acquisizione di notizie pubblicate dai media o condivise da account personali come casistica limitata rispetto alle ulteriori restrizioni non segnalate o rilevate in sede di analisi.

Internet e funzionamento della democrazia

Preoccupa anche la rilevazione dedicata a monitorare l’impatto di Internet sul regolare funzionamento della democrazia. In particolare, il report citato evidenzia, come pratica sempre più consolidata soprattutto nel continente africano (Ciad, Iran, Niger, Repubblica del Congo, Uganda e Zambia), la chiusura di Internet durante le elezioni, così come risulta diffuso il blocco della Rete durante gli esami scolastici per prevenire il rischio di brogli nel corso dello svolgimento di tali attività didattiche, riscontrabile specialmente nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa (Algeria, Etiopia, Giordania, India, Iraq, Mauritana, Siria e Sudan).

Una “tassonomia” dei blocchi di Internet

Dopo aver definito un arresto di Internet un’interruzione intenzionale di Internet e/o dei sistemi di comunicazione elettronica conseguente ad una interferenza – diretta o indiretta – di apparati governativi che, a scopo punitivo, rendono tali infrastrutture inaccessibili o inutilizzabili per una determinata popolazione localizzata in un specifico territorio al fine di controllare il flusso delle informazioni veicolate online, il Report ha predisposto una vera e propria “tassonomia” dei blocchi di Internet, individuando alcuni indici sintomatici delle interruzioni virtuali che, mediante l’implementazione di sofisticate tecnologie, interferiscono sul corretto esercizio dei diritti umani, mettendo a rischio la sicurezza delle persone esposte al pericolo di censure massive in grado di alterare l’esito del processo elettorale, nascondere crimini di guerra e facilitare colpi di Stato.

Otto specifici tipi di “shutdown”

Nell’ambito della “tassonomia” dei blocchi di Internet, sono classificati i seguenti 8 specifici tipi di “shutdown”:

  • chiusura fondamentale dell’infrastruttura (“Fundamental infrastructure shutdown”);
  • blocco del traffico di instradamento (“Routing”);
  • manipolazione del sistema dei nomi di dominio (“Domain Name System (DNS) manipulation”); 4) filtraggio (“Filtering”);
  • ispezione approfondita dei pacchetti (“Deep Packet Inspection”);
  • attacco ad un’infrastruttura “canaglia” non autorizzata (“Rogue infrastructure attack”);
  • negazione del servizio (“Denial of Service attack”);
  • limitazione del flusso dei dati (“Throttling”).

In particolare, la chiusura fondamentale dell’infrastruttura si verifica in presenza di un qualsiasi arresto esterno causato da danni fisici provocati ai sistemi di comunicazione in grado di paralizzarne il relativo funzionamento, con conseguente “spegnimento” della Rete che si prolunga intenzionalmente a seguito della mancata manutenzione della sua architettura tecnica.

Il blocco del traffico di instradamento, senza realizzare un attacco diretto alle infrastrutture fisiche di comunicazione, paralizza il processo di trasferimento dei dati nello scambio tra i diversi nodi collegati alla rete, impedendo la possibilità di qualsivoglia modalità di comunicazione.

La manipolazione del sistema DNS agisce sul corretto funzionamento del protocollo IP provocando, talvolta anche con il supporto degli ISP, un blocco generalizzato del relativo traffico sull’indirizzamento delle risorse veicolate online a causa della mancata fornitura dei servizi digitali di comunicazione.

Il filtraggio consiste in un’attività di selezione dei contenuti realizzata per finalità di censura e controllo del flusso comunicativo condiviso online all’interno di piattaforme sociali, siti web multimediali e servizi di messaggistica, mediante l’installazione di metadati associati a specifiche parole chiave utilizzate dagli utenti per impedirne la diffusione massiva.

L’ispezione approfondita dei pacchetti costituisce un pervasivo controllo dell’ambiente virtuale predisposto per effettuare una sistematica sorveglianza dei contenuti veicolati in Rete mediante l’utilizzo di tecnologie perfezionate anche con il supporto degli operatori telematici in grado di monitorare l’attività degli utenti.

L’attacco ad un’infrastruttura “canaglia” non autorizzata si verifica quando vengono clonate le infrastrutture di comunicazione per controllare, mediante l’installazione di sofisticati strumenti, i contenuti scambiati tra gli utenti su dispositivi mobili e reti Wi-Fi associati all’infrastruttura “canaglia”.

Tecniche per chiudere una piattaforma o una rete

Quando i governi vogliono chiudere una piattaforma o una rete fanno ricorso alla tecnica della negazione del servizio (DoS) per interrompere le comunicazioni scambiate all’interno di un Paese, mentre la limitazione del flusso dei dati viene utilizzata per bloccare l’accesso ad Internet o rendere non disponibili specifiche piattaforme come strumenti destinati alla condivisione di messaggi, anche peggiorando la qualità o la velocità del servizio.

Conclusioni

Di fronte a tale dilagante scenario dalle rilevanti implicazioni negative, peraltro destinato ad un possibile ulteriore peggioramento involutivo nei prossimi anni, la campagna #KeepItOn ha elaborato il Manuale “Internet shutdowns and elections handbook” che funge da guida operativa rivolta agli attivisti, operatori politici e rappresentanti istituzionali, implementando le coordinate formalizzate nel progetto “Eyes on Internet Shutdown: Documenting for Human Rights” per aiutare le persone a documentare le violazioni dei diritti umani a causa della chiusura di Internet, nell’ottica di favorire la più ampia cooperazione tra società civile e settore pubblico sia ex ante in funzione preventiva volta ad anticipare le possibili interruzioni di Internet, sia ex post in funzione riparatoria per monitorare qualsivoglia intervento di censura, monitorando in tempo reale le restrizioni predisposte dai governi con l’intento di ripristinare il corretto funzionamento dell’ambiente digitale, contestualmente alla proficua raccolta di prove utilizzate nei confronti dei presunti responsabili degli illeciti telematici, nell’ottica di facilitare le attività di tribunali e delle organizzazioni internazionali operanti sotto l’effige dell’ONU.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3