società digitale

Perché la responsabilità digitale d’impresa richiede il trattamento etico dei dati

La responsabilità digitale, così come quella sociale e come ogni valutazione etica, implica spesso l’analisi di zone grigie, in cui prendere una posizione non è semplice. In particolare, riguardo al trattamento dei dati in ballo c’è non solo cosa si può o non si può fare, ma anche cosa sia più o meno etico fare

29 Set 2021
Laura Brandimarte

Assistant Professor of Management Information Systems, University of Arizona

data_ethics

Di responsabilità sociale da parte delle imprese si parla da almeno 70 anni, ovvero da quando l’economista americano Howard Bowen pubblicò un volume, “Social Responsibilities of the Businessman,” sul (all’epoca) nuovo paradigma imprenditoriale della condivisione dei profitti non solo tra azionisti, ma anche con tutte le parti che, più o meno direttamente, sono coinvolte nel processo produttivo: dai lavoratori, ai fornitori, ai clienti e quindi alla società allargata, includendo anche istituzioni e ambiente.

Con il ruolo sempre più preponderante che la sfera digitale ricopre nell’economia e nella società attuale, alcuni accademici stanno recentemente concentrando la loro attenzione su un concetto derivato dalla responsabilità sociale ma esplicitamente rivolto al digitale: appunto, la responsabilità digitale d’impresa, o Corporate Digital Responsibility (Lobschat et al. 2021).

Privacy e sicurezza: alla ricerca di un compromesso senza sacrificare la crittografia

La responsabilità digitale d’impresa

La digitalizzazione di processi produttivi e dati consente di ridurre i costi di produzione e, allo stesso tempo, di incrementare l’efficienza della produzione stessa, sostenuta da decisioni manageriali basate su informazioni accurate che raggiungono i vertici decisionali in tempo reale. Assieme a questi benefici, il digitale impone tuttavia nuove responsabilità: dalla sicurezza informatica alla protezione dei dati personali di tutte le parti che compongono la filiera produttiva. Entrambe queste responsabilità, di security e privacy, richiedono investimenti significativi e un’ottica di gestione di lungo termine, che guardi agli interessi ed ai diritti delle varie parti in causa più che al profitto immediato, con la consapevolezza che essere digitali responsabilmente può rappresentare un vantaggio competitivo che paga nel lungo periodo, non solo in termini di reputazione aziendale ma anche di lealtà e fedeltà al marchio.

WHITEPAPER
Valorizza i dati del tuo cloud e scopri i benefici per la tua azienda!
Big Data
Cloud

Alcuni provvedimenti, tra cui il GDPR (General Data Protection Regulation) a livello europeo, impongono alle aziende determinate scelte in quanto a raccolta e gestione dei dati digitali, pena l’imposizione di multe anche pesanti (la più recente di 746 milioni di euro ad Amazon, ovvero circa il 2,8% dei profitti, da parte dell’Autorità Lussemburghese per la protezione dei dati), ma per responsabilità digitale si intende qualcosa in più del rispetto della normativa vigente.

Il trattamento etico dei dati

In particolare, si pensa al trattamento etico dei dati: non solo cosa si può o non si può fare, ma anche cosa sia più o meno etico fare. Questo tema è intuitivamente importante per tutti i settori industriali, ma è centrale e fondamentale per tutte le aziende tecnologiche che fanno del digitale il loro settore primario. Tutte le “big tech”, ovvero le grandi aziende che producono beni e servizi tecnologici, da Facebook a Google, da Amazon a Microsoft ed Apple, ma anche aziende (relativamente) più piccole di compravendita di dati e profilazione (i cosiddetti data brokers come Acxiom, Equifax o Palantir), sono da diverso tempo al centro di accesi dibattiti concernenti la responsabilità digitale.

Il caso mediatico più recente è quello di Apple, azienda storicamente più attenta alla gestione dei dati dei propri clienti rispetto alla competizione, anche in circostanze controverse. Basti pensare alla presa di posizione di Tim Cook, amministratore delegato di Apple, nell’incidente di San Bernardino, in California (McGee, Hsieh, & Mcara 2017): nel Febbraio del 2016, un giudice statunitense impose all’azienda di sbloccare un iPhone utilizzato da un terrorista, responsabile, insieme alla moglie, dell’uccisione di 14 persone nel dicembre precedente. Apple rifiutò di collaborare con l’FBI in quanto rompere il codice crittografico anche di un singolo dispositivo significava, di fatto, farlo per tutti i dispositivi con quel sistema operativo, venendo quindi meno alla promessa di protezione dei dati fatta a tutti i suoi clienti. Anche in una circostanza così particolare, in cui era in gioco un’investigazione per terrorismo e sicurezza nazionale, Apple preferì proteggere la privacy dei propri clienti a tutti i costi. Non ha dunque stupito l’introduzione di un sistema automatico per bloccare la condivisione dei dati a scopi pubblicitari, che Apple ha implementato lo scorso aprile con la versione 14.5 del suo sistema operativo (e i dettagli per gli sviluppatori)). È apparso invece strano l’annuncio del 5 Agosto scorso in cui Apple presentava le sue intenzioni di analizzare, seppure con alcune accortezze crittografiche a protezione della privacy, tutte le foto che gli utenti salvano sul proprio spazio digitale iCloud per cercare immagini pedo-pornografiche. Circostanza controversa anche questa, come quella di San Bernardino: terrorismo lì, pedo-pornografia qui. Approccio però molto diverso: rifiuto di collaborare con le autorità lì, atteggiamento proattivo qui, a caccia di materiale illegale o pericoloso.

Pochi giorni dopo l’annuncio, Apple ha ben circoscritto l’iniziativa, specificando che posticiperà l’implementazione () e controllerà esclusivamente immagini già segnalate in diversi Paesi, ma i dubbi sulla sua effettiva responsabilità digitale restano, soprattutto tra chi ritiene che l’attenzione alla privacy da parte di Apple sia solo una trovata pubblicitaria, costruita ad arte per accrescere la propria quota di mercato.

Conclusioni

La responsabilità digitale, così come quella sociale e come ogni valutazione etica, implica spesso l’analisi di zone grigie, in cui prendere una posizione non è semplice: è etico investire in crittografia per proteggere la privacy di tutti pur sapendo che, tra i tanti innocenti che vogliono solo comunicare privatamente, possono nascondersi criminali di ogni sorta? È giusto che le piccole aziende raccolgano quanti più dati riescono ad ottenere sugli utenti di Internet perché la pubblicità personalizzata è alla base dell’unico modello di business che consente loro di sopravvivere sul mercato? È giusto che le grandi aziende facciano altrettanto perché offrono in cambio servizi gratuiti, come i social network o i motori di ricerca?

Sono molte le domande di etica e di responsabilità digitale che sorgono riguardo alle nuove tecnologie, e richiedono profonda riflessione: ciò che è giusto per alcuni può non esserlo per altri, ed avere il coraggio di infastidire una parte dell’azionariato o della clientela non è mai decisione scontata. Ciò non significa che non vada affrontata.

Bibliografia

Lobschat, L., Mueller, B., Eggers, F., Brandimarte, L., Diefenbach, S., Kroschke, M., & Wirtz, J. (2021). Corporate Digital Responsibility. Journal of Business Research, 122, 875-888.

McGee, H., Hsieh, N., & Mcara, S. (2017). Apple: Privacy vs. Safety (A), Harvard Business School, Case 9-316-069.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3