scenari

L’IA nell’arte ha mille possibilità: non freniamola con le nostre ansie



Indirizzo copiato

L’IA sta dimostrando la capacità di generare opere d’arte originali, sia visive che musicali, ma le opere che ne implicano qualsivoglia impiego suscitano dibattiti sulla creatività, sull’entità del vero artista e sulla qualità estetica dei risultati. Forse, più che su queste ansie dovremmo concentrarci sui benefici dell’IA nella preservazione e accessibilità dei beni culturali

Pubblicato il 13 set 2023

Fabio De Felice

Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

Luca Papi

CNR Roma

Antonella Petrillo

Università degli Studi di Napoli “Parthenope”



ai e arte

A fine 2018 un evento inaspettato si verifica presso la prestigiosa casa d’aste Christie’s. Per la prima volta viene battuta, con grande successo, un’opera d’arte creata da un gruppo di artisti e ricercatori conosciuti con il nome di Obvious che ha utilizzato un algoritmo di intelligenza artificiale chiamato Generative Adversarial Network (GAN). Si tratta dell’opera “Portrait of Edmond de Belamy”. L’opera d’arte è stata venduta all’asta presso la casa d’aste Christie’s per circa 432.500 dollari. La domanda di fondo è: che cosa è la creatività? Le macchine possono essere creative oppure la creatività è solo una caratteristica umana?

Ritorno alle origini

L’IA sta dimostrando la capacità di generare opere d’arte originali, sia visive che musicali. Attraverso algoritmi di apprendimento automatico è possibile analizzare una vasta quantità di dati artistici esistenti e creare nuove opere che rispecchiano lo stile, il tema o le caratteristiche desiderate. Questo approccio ha portato a risultati sorprendenti, con opere d’arte generate dall’IA che sono state esposte in mostre e gallerie d’arte. L’intelligenza artificiale (IA) sta rivoluzionando, in definitiva, molteplici settori della nostra società, aprendo nuovi orizzonti creativi, migliorato l’accessibilità, apportando nuove modalità di fruizione dell’arte. Nell’atteggiamento generale, tuttavia, si avverte un’ansia riguardo alla tecnologia ed al modo in cui la tecnologia sta iniziando a influenzare le nostre vite.

Uscito recentemente, il 12 luglio 2023 nelle sale cinematografice italiane“Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One” affronta tematiche attuali toccando i pericoli dell’IA. Ethan Hunt (Tom Cruise), spalleggiato dal suo team IMF (Impossible Mission Force), deve vedersela con un antagonista sui generis, vale a dire un’intelligenza artificiale divenuta senziente e pronta a difendersi. Il film crea un’avventura elaborata da sfumature sociopolitiche che intende dare l’allarme ai pericoli dell’intelligenza artificiale, alla post-verità, alla dipendenza dal digitale, tema attuale e sul quale sembra essere sempre più necessaria una riflessione. È un film che rivendica l’importanza dell’analogico: un analogico che è ideologico oltre che fisico.

Tuttavia, il messaggio racchiuso nel film non è certamente una paura verso le nuove tecnologie ed un ritorno ad un Medioevo digitale.

Dobbiamo recuperare un’esperienza autentica dell’essere, riconnettendoci con la nostra essenza e aprendoci alla possibilità di un’autentica esistenza così come affermava Martin Heidegger nella sua opera “L’abbandono”, sua considerevole opera che, sebbene risalga al lontano 1959, sembra fotografare un dilemma che riguarda il nostro futuro prossimo, poiché incentrata su uno dei temi più importanti con i quali l’umanità dovrà, suo malgrado, confrontarsi. Vale a dire il rapporto tra noi uomini del tempo contemporaneo e la tecnica che, sebbene razionalmente noi continuiamo a pensarla quale strumento a nostra disposizione, sembra possibile che in un futuro sarà la tecnica stessa “a pensarci”. Prospettiva che appare quanto mai accreditata dinanzi alle frontiere percorribili dell’intelligenza artificiale.

Il dibattito è aperto e vi partecipano protagonisti mondiali dell’innovazione, da Elon Musk a Geoffrey Hinton, che riflettono sui rischi di un passaggio epocale che consegna alla tecnica non solo il compito di rendere più agevoli talune operatività, ma le affida totalmente compiti cognitivi in sostituzione del pensiero umano. Al momento la meditazione è attività limitata al ragionamento di specialisti, quasi come se all’uomo comune fosse preclusa ogni concreta possibilità di intervento su tematiche tanto peculiari.

Alcuni osservatori hanno stabilito un parallelo tra il dilemma attuale che riguarda i “confini” entro cui permettere alla intelligenza artificiale di sprigionare le sue potenzialità e quello che negli anni Cinquanta e Sessanta si affermò come questione epocale, ossia l’utilizzo dell’energia nucleare. Anche allora si ragionava sull’alternativa tra utilizzo positivo dell’atomo a beneficio di una umanità alla ricerca – ieri come oggi – di una fonte energetica inesauribile e a costo preferibilmente zero e, al contrario, il suo utilizzo ai fini bellici con effetti tali da compromettere l’habitat e la sopravvivenza del genere umano.

Creazione di esperienze artistiche: tra musei e arte

E tuttavia, abbiamo il dovere di evidenziare gli straordinari benefici legati all’utilizzo dell’intelligenza artificiale che aprono nuove opportunità nei settori della salute, della mobilità e della sostenibilità. Ma è nel settore della cultura e dell’arte che si possono ottenere performance di cui ancora non si ha sufficiente consapevolezza. L’integrazione delle tecnologie basate sull’intelligenza artificiale con le competenze e relative esperienze dei vari esperti può supportare tutte le attività finalizzate alla tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale declinando sia i beni culturali sia i beni paesaggistici, rispettando tutte le questioni etiche, di proprietà intellettuale e garantendo un controllo umano considerando tutte le possibili implicazioni morali che tali tecnologie possono apportare in questo contesto culturale.

Oggi l’IA può contribuire, per esempio alla preservazione e all’accessibilità dei beni culturali digitalizzando e catalogando collezioni, consentendo di conservare e condividere opere d’arte e manufatti storici in modo più ampio e accessibile, può aiutare nel restauro e nella conservazione di opere d’arte danneggiate, oppure può arricchire l’esperienza degli utenti nei musei. Un esempio in tal senso è il Museo Archeologico Virtuale (MAV) di Ercolano (Figura 1).

Ma tra le applicazioni più entusiasmanti vi è sicuramente la realizzazione di opere d’arte generative. Gli artisti possono utilizzare le reti generative avversarie (GAN) per esplorare nuovi stili, generare opere originali o persino combinare elementi di opere d’arte esistenti per creare collage o reinterpretazioni uniche. Le GAN possono anche essere utilizzate per creare opere d’arte interattive, coinvolgendo gli spettatori nella generazione o nella modifica delle opere d’arte stesse. Tuttavia, l’utilizzo delle GAN nell’arte solleva anche questioni riguardo all’autenticità, all’originalità e al ruolo dell’artista umano.

Ci sono diversi esempi di opere d’arte che sono state modificate utilizzando l’intelligenza artificiale, oltre al già menzionato “Portrait of Edmond de Belamy” di seguito sono riportati alcuni esempi notevoli:

  • Starry Night AI”, una reinterpretazione dell’iconico dipinto “Notte stellata” di Vincent van Gogh creata dall’artista e programmatore Mario Klingemann utilizzando algoritmi di intelligenza artificiale. L’IA ha ricreato lo stile distintivo di van Gogh, creando una versione unica dell’opera.
  • Mona Lisa, Reimagined”, una reinterpretazione dell’iconico ritratto di Leonardo da Vinci, la “Gioconda” o “Mona Lisa”. L’artista e ricercatore Mario Klingemann ha utilizzato algoritmi di intelligenza artificiale per creare una versione alternativa dell’opera, che combina elementi dell’originale con nuovi dettagli generati dall’IA, creando un’interpretazione unica.
  • The Persistence of Anachronism”, modifica dell’opera di Salvador Dalí, “La persistenza della memoria”. L’artista e programmatore Memo Akten ha utilizzato l’intelligenza artificiale per manipolare digitalmente l’opera originale, creando un’animazione in cui gli orologi fusi di Dalí sono stati distorti e trasformati in forme fluide e in continua evoluzione.

Nei casi citati, l’intelligenza artificiale è stata utilizzata per reinterpretare e modificare le opere d’arte originali, offrendo nuove prospettive e creando versioni uniche che combinano elementi dell’originale con dettagli generati dall’IA. Questi esempi mostrano come l’IA possa essere utilizzata per esplorare e sfidare la concezione tradizionale dell’arte, aprendo nuovi orizzonti creativi.

Casi applicativi dell’IA nell’arte e nei beni culturali

Esistono diversi algoritmi di intelligenza artificiale text to image, capaci di generare immagini in base a delle istruzioni di testo. Il fenomeno non è nuovo. Già da tempo esistono esempi di algoritmi creati ed addestrati per “apprendere” lo stile di determinati artisti come per esempio “The Next Rembrandt”, progetto realizzato nel 2016 da un team di ricercatori e artisti, in collaborazione con un’azienda di tecnologia e una banca olandese. he mirava a creare un nuovo dipinto nello stile del famoso pittore olandese Rembrandt Harmenszoon van Rijn.

Mentre, AICAN (Artificial Intelligence Creative Adversarial Network) è un algoritmo di intelligenza artificiale creato da Ahmed Elgammal, sviluppato con l’obiettivo di generare opere d’arte originali e uniche utilizzando l’IA. A differenza di molti algoritmi di generazione di immagini, AICAN non si basa su modelli preesistenti o dataset specifici. Invece, l’algoritmo apprende da un ampio corpus di opere d’arte, esplorando e sintetizzando diversi stili e concetti artistici. L’obiettivo di AICAN è quello di creare nuove opere d’arte che non siano semplici riproduzioni di opere esistenti, ma che siano uniche e inedite.

È bene precisare che l’obiettivo di questi algoritmi non è quello di sostituire l’arte o l’abilità umana, ma piuttosto di esplorare le possibilità offerte dall’IA nella creazione artistica e nell’interpretazione di uno stile artistico noto. Questo principio è alla base anche di un di “The Next Picasso”, altra applicazione dell’IA nel campo dell’arte sviluppata da una startup chiamata Cambridge Consultants. Questa IA può analizzare il tratto di disegno di un artista e completare automaticamente i suoi schizzi, creando un’opera d’arte finale che mantiene lo stile e l’intenzione dell’artista.

Negli ultimi anni si sono diffuse molte numerose piattaforme (Vedere Tabella 1) che consentono di sperimentare l’utilizzo di AI come per esempio Midjourney Art che sfrutta le capacità dell’IA per analizzare grandi quantità di dati artistici, come opere d’arte, stili e movimenti artistici. Attraverso l’apprendimento automatico, l’IA può riconoscere modelli, caratteristiche e tratti distintivi delle opere d’arte, fornendo così input per la creazione di nuove opere d’arte. Midjourney cerca di stimolare la creatività e l’innovazione nell’ambito artistico. Infatti, il risultato che si ottiene è legato essenzialmente a come viene interrogato algoritmo.

Tabella 1: Algoritim di AI per text to image

AlgoritmoNascitaCreatoreEsempi di ApplicazioneVantaggiSvantaggi
Midjourney2022Midjourney ArtCreazione di esperienze artistiche unicheEsplorazione dell’intersezione tra arte e intelligenza artificiale. Stimolazione della creatività artisticaSpecifici vantaggi e svantaggi dipendono dall’implementazione specifica e dal contesto artistico di Midjourney Art
DALL-E2020OpenAIGenerazione di immagini basate su descrizioni testualiCapacità di generare immagini dettagliate e complesse. Flessibilità nel generare immagini basate su testiRichiede una grande quantità di dati per l’addestramento. Tempo di generazione delle immagini potenzialmente lungo
AttnGAN2017Tao Xu, Pengchuan Zhang, et al.Generazione di immagini dettagliate e realisticheProduce immagini di alta qualità con dettagli precisi. Gestione accurata del contesto e dei dettagli delle immaginiPuò essere sensibile alla qualità delle descrizioni testuali. Possibilità di generare immagini inconsistenti
StackGAN++2017Han Zhang, Tao Xu, et al.Generazione di immagini in alta risoluzioneCapacità di generare immagini ad alta risoluzione con dettagli precisi. Utilizzo di più stadi per migliorare la qualitàRequisiti computazionali elevati per l’addestramento. Possibilità di generare immagini con artefatti
MirrorGAN2019Lei Mao, et al.Generazione di immagini a specchioCreazione di immagini creative e sorprendenti. Possibilità di esplorare simmetrie e composizioni interessantiAlcune immagini generate possono apparire distorte o poco realistiche. Richiede dati di addestramento appropriati
T2F2018Scott Reed, et al.Trasformazione del testo in immagini faccialiGenerazione di immagini facciali realistiche basate su descrizioni testuali. Controllo del volto generatoDipendenza da una corrispondenza accurata tra testo e immagini. Possibilità di generare immagini incoerenti
VQ-VAE-22017Aaron van den Oord, Oriol Vinyals, et al.Generazione di immagini in stile vettorialeProduzione di immagini con stili vettoriali interessanti e distintivi. Possibilità di manipolare lo stile delle immaginiRichiede una fase di addestramento iniziale lunga. Possibilità di generare immagini di qualità variabile
Pix2PixHD2018Ting-Chun Wang, et al.Conversione di immagini in alta risoluzioneGenerazione di immagini ad alta risoluzione e dettagliate. Controllo preciso sulla conversione delle immaginiRequisiti computazionali elevati per l’addestramento. Possibilità di generare immagini con artefatti

A titolo esemplificativo abbiamo provato ad interrogare algoritmo, partendo dalla famosa opera di Van Gogh “Notte stellata” utilizzato i seguenti prompt (Figura 2):

  • Prompt “starry night by van gogh”
  • Prompt “starry night van gogh style”
  • Prompt “starry night with trees, river and full moon. Painted style”
  • Prompt “starry night with trees, river and full moon. oleograph style on canvas”

Il risultato che si ottiene è una sorta ti “reinterpretazione” stilistica o di “fusioni” artistiche. Ovviamente i risultati possono variare a seconda delle specifiche dell’opera, delle preferenze dell’artista e delle configurazioni utilizzate nell’algoritmo.

Bias e discriminazione nell’IA artistica

Le opere che implicano qualsivoglia impiego dell’intelligenza artificiale suscitano dibattiti sulla creatività, sull’entità del vero artista e sulla qualità estetica dei risultati. In questo momento filosofi, esperti di science ed esponenti del mondo dell’arte devono affrontare interrogativi di grande complessità: Il processo generativo di un’intelligenza artificiale può essere definito creativo? Se lasciamo da parte gli argomenti filosofici, secondo la psicologa Margaret Boden, la creatività è un processo che coinvolge la generazione di nuove idee, l’associazione di concetti distanti e la capacità di apportare trasformazioni significative. Oggi siamo riusciti ad addrestrare macchine e ad elaborare processi creativi che, per usare la terminologia della Boden, possiedono la “capacità di creare idee nuove e dotate di valore”.

Sicuramente però una differenza sostanziale che esiste tra immagini generate dalla macchine e da essere umani consiste nello stimolo visivo. I nostri occhi vedono costantemente all’interno di un mondo virtuale in cui viviamo ed in cui ci muoviamo e che è destinato a rimanere l’origine delle arte visive. Le macchine ricevono dati numerici e viene addestrata riguardo alla vista umana ad un livello astratto. In sostanza, insegniamo alla macchina – in un linguaggio astratto e numerico – il modo di elaborare la natura impiegato dal nostro cervello.

L’arte generata dalle intelligenze artificiali non deve proporsi obiettivi impossibili: non è umana in termini di esperienze. È l’essere umano che cerca di trasferire la propria esperienza alla “macchina”. Pertanto, quando ci riferiamo all’intelligenza artificiale artistica, i bias cognitivi possono influire sulle opere d’arte generate dall’algoritmo. Se i dati di addestramento utilizzati per l’algoritmo contengono pregiudizi o rappresentazioni sbilanciate, l’IA potrebbe produrre opere d’arte che riflettono tali pregiudizi o discriminazioni (bias di selezione dei dati). L’IA può essere influenzata dai bias culturali presenti nella società da cui provengono i dati di addestramento. Ciò può portare a opere d’arte che favoriscono o riflettono determinati aspetti culturali a discapito di altri. Se i dati di addestramento presentano uno squilibrio di rappresentanza tra i generi, l’IA potrebbe riflettere tale squilibrio nelle opere d’arte prodotte. Ciò potrebbe portare a opere d’arte che perpetuano stereotipi di genere o rappresentazioni discriminatorie (bias di genere). O ancora l’IA può essere influenzata da preferenze estetiche predefinite, sia dei creatori dell’algoritmo che dei dati di addestramento. Ciò può portare a una produzione di opere d’arte che si allineano a determinati canoni estetici predefiniti, limitando la diversità e l’innovazione artistica (bias estetici).

Riprendendo l’esempio di Mission Impossible abbiamo provato ad elaborare alcuni prompt con Midjourney. Risulta evidente che la qualità delle immagini in termini di risultato che si vuole ottenere è strettamente legato agli input che vengono “trasferiti” all’algoritmo di intelligenza artificiale (Figura 2).

Figura 2: Mission Impossible 7 utilizzando Midjourney (elaborazione degli autori)

< tom cruise mission impossible movie Dead Reckoning artwork

< tom cruise mission impossible movie Dead Reckoning artwork in Italy

< tom cruise mission impossible movie Dead Reckoning artwork in Italy and 500 yellow fiat

< tom cruise mission impossible movie Dead Reckoning artwork in Italy and car 500 yellow fiat

Per mitigare i bias cognitivi nell’intelligenza artificiale artistica, è importante adottare approcci etici e inclusivi nell’addestramento e nell’implementazione degli algoritmi.

Il futuro sarà una questione di sviluppo, rifinitura costante esplorazione e trasformazione. Come fruitori umani dell’arte, la scelta di apprezzare o respingere l’arte generata delle intelligenze artificiali è nostra.

Conclusioni

Le applicazioni dell’AI sono tutte molto entusiasmanti e promettenti. L’AI è uno dei motori della modernizzazione svolgendo molteplici ruoli nel benessere in senso lato. Tuttavia, non possiamo non tenere in considerazione le conseguenze di un uso non regolamentato. L’AI deve essere utilizzata come supporto decisionale al fine di integrare l’approccio antropico – tecnologico e preservare le competenze umane finalizzate a tutelare, conservare e valorizzare i luoghi della cultura.

Ed è in questo solco, che dal punto di vista filosofico è tracciato da Platone, Tommaso d’Aquino, Kant, Herder, Schopenhauer, Nietzsche, Bergson, che vanno iscritte aspirazioni e attese che riguardano lo sviluppo fenomenico dell’IA. Semmai ciò che va regolato e governato è la tendenza di trasformare la tecnica da strumento nelle mani dell’uomo per dominare la natura, ad ambiente angusto in cui le facoltà umane sono ridotte allorché non esita a subordinare le esigenze dell’uomo alle esigenze dell’apparato tecnico. L’utilizzo dell’AI nella tutela e nella gestione del patrimonio culturale riconduce la tecnica nel suo alveo più appropriato, evitando che essa da mezzo divenga fine.

Bibliografia

A. Barale. Arte e intelligenza artificiale. Ed. Jaca Book, Milano, 2020.

F. Antonelli, Tecnocrazia e democrazia – L’egemonia al tempo della società digitale, Ed. L’asino d’oro edizioni, 2019

F. De Felice, A. Petrillo. Effetto digitale. Visioni d’impresa e Industria 5.0. Ed. McGraw-Hill Education, Milano, 2021.

F. Ferrari. L’intelligenza artificiale non esiste: Nessun senso salverà le macchine. Ed. Il Sole 24 Ore, Milano, 2023

L. Floridi. Etica dell’intelligenza artificiale. Sviluppi, opportunità, sfide. Ed. Raffaello Cortina Editore, Milano, 2022

M. Boden. L’intelligenza artificiale. Ed. Il Mulino, Bologna, 2019.

M. Chiriatti. Incoscienza artificiale. Come fanno le macchine a prevedere per noi. Ed. Luiss University Press, Roma, 2021.

M. Heidegger. L’abbandono. Ed. Il Nuovo Melangolo, Genova, 1995.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2