società digitale

Licenziamenti via Whatsapp, il problema non è il digitale: tutti gli errori delle aziende

Quali sono i limiti della comunicazione digitale? È il digitale il problema della comunicazione, o è il modo in cui esso viene usato? A partire da un episodio accaduto a New York e dagli ultimi casi italiani, riflettiamo su come utilizzare gli strumenti digitali

17 Gen 2022
Laura Cavallaro

Partner P4I

Beatrice Medved

Consultant di P4I-Partners4Innovation

licenziamento whatsapp

A inizio dicembre 2021 il CEO di un’azienda americana, Better.com, ha licenziato 900 dipendenti con una videocall di due minuti e mezzo su Zoom.

Vishal Garg, l’amministratore delegato, ha annunciato che l’azienda avrebbe lasciato a casa poco prima delle feste di fine anno circa il 9% della sua forza lavoro, e lo ha fatto con una chiamata di gruppo in remoto.

A questo punto sorgono spontanee diverse domande: si può fare? Com’è la situazione in Italia riguardo a questa tipologia di licenziamenti? E soprattutto, il problema in questo caso è solo il canale utilizzato?

Licenziare con WhatsApp è legittimo: ecco le norme e la giurisprudenza in materia

La situazione in Italia

Che sia via WhatsApp o via Teams, in Italia alcuni questi casi sono già successi; basti pensare alla Caterpillar di Jesi o alla Yazaki di Torino.
Lo ha confermato anche il ministro del Lavoro Andrea Orlando, che ha ribadito quanto per lui un licenziamento di questo tipo non sia corretto.

WEBINAR
12 Ottobre 2022 - 11:00
5 best practice per un cloud journey di successo!
Cloud
Datacenter

Infatti, la linea del governo a ora è cambiata e l’obiettivo che è stato prefissato è quello di vietare questa modalità di licenziamenti nel nuovo decreto sulle delocalizzazioni. Si richiederà quindi una maggiore responsabilità sociale delle imprese e un maggior coinvolgimento del territorio.

Il problema è veramente il digitale?

Come afferma Mariano Corso, Member of the Scientific Board at Osservatori Digital Innovation Polimi, Scientific Director at P4I, “Vorrei sottolineare che il problema non è la distanza né il media in sé. Bensì la modalità o l’approccio adottati. Meglio una video conferenza di una raccomandata di licenziamento classico: c’è uno scambio tra datore e dipendente, possibilità di spiegare e fare domande. Metterci la faccia più importante, meglio ancora forse sarebbe farlo in presenza, ma la distanza non aliena la correttezza dei rapporti”.

Allo stesso tempo, è importante stimolare un ragionamento ulteriore: è davvero il digitale il problema centrale della questione? O è l’utilizzo che ne viene fatto? La modalità con cui si comunica?
Il digitale può essere un grande facilitatore, ma anche causa di problematiche più ampie.

Ogni problema nelle organizzazioni è di per sé un problema di comunicazione, e i problemi comunicativi intermediati da strumenti digitali possono avere conseguenze ancora peggiori.
Comunicazione è empatia (o dovrebbe esserlo): anche nel mondo fisico non sempre accade che si ponga la giusta attenzione al tono della comunicazione e all’intenzione ad esso collegata.
Quando la stessa situazione avviene nel mondo digitale, il problema diventa esponenzialmente più grande e la colpa ricade sul mezzo utilizzato.

Ci sono alcuni storici e filosofi che hanno riflettuto su come le tecnologie aiutano anche a eliminare la normale empatia umana e quindi favorire la ricerca del profitto capitalistica e perfino la guerra.
Ma forse non sono la tecnologia, la digitalizzazione e il progresso in generale la “causa di tutti i mali”.

L’importanza di una corretta comunicazione aziendale

Questo dibattito ha quindi un merito: quello di sollevare il tema dell’importanza di una corretta comunicazione aziendale, troppo a lungo sottovalutata. E non solo: in un momento storico in cui il bisogno di digitalizzazione sta diventando sempre più centrale per le organizzazioni, la comunicazione aziendale deve essere migliorata, potenziata e adattata agli strumenti che favoriscono la collaborazione.

La riflessione che sicuramente scaturisce da questo episodio è la seguente: forse questo è il momento per differenziarci dalla tecnologia, usare a nostro vantaggio ciò che in primis ci distingue dagli strumenti digitali: il linguaggio e l’empatia.
Non è necessaria la demonizzazione del canale digitale, bensì è necessario un ripensamento della comunicazione, dei processi, dei messaggi e del communication journey aziendale.

Le organizzazioni possono risolvere questo gap tra comunicazione empatica e comunicazione digitale in diversi modi.
Prima di tutto, dovrebbero ragionare sui singoli messaggi. Le considerazioni in questo caso dovrebbero riguardare:

  • il canale più adeguato a seconda del contenuto del messaggio: esistono diversi canali anche tra gli strumenti digitali e bisogna individuare quelli più adatti;
  • il tono e lo stile del messaggio: a ogni contenuto corrisponde un tono e uno stile specifico;
  • il target del messaggio: a seconda che la mia comunicazione sia rivolta a tutta la popolazione aziendale, ad un gruppo o a una singola persona, il messaggio cambierà;
  • lo scopo del messaggio: lo scopo può essere informativo, ingaggiante, istituzionale a seconda della comunicazione specifica;
  • l’importanza dei valori aziendali: ogni organizzazione presenta nella propria vision anche dei valori che la contraddistinguono. Se questi valori non trovano una corrispondenza nelle comunicazioni, si verifica una dissonanza tra l’obiettivo e l’azione concreta.

Inoltre, le organizzazioni dovrebbero ripensare alle azioni concrete da mettere in campo per superare le lacune empatiche del digitale.
Oltre alle classiche attività di engagement, come attività di team building e caffè virtuali, dei percorsi di mentoring e di coaching svolti dai leader aziendali, ad esempio, possono essere uno stimolo e rappresentare un avvicinamento emotivo e personale: questo tipo di attività infatti non risponde soltanto alle necessità di adattamento all’evoluzione dell’azienda, bensì anche all’esigenza individuale, accentuata dalla pandemia, di un contatto umano, di conversazioni e di una spinta alla motivazione e alla crescita.

Conclusioni

Ricordiamoci che il digitale ci deve potenziare e non limitare: questo valeva nella vita privata con lo sviluppo di social network e piattaforme per ampliare le nostre conoscenze, ma vale anche ora nel mondo professionale.
Le organizzazioni non devono soltanto investire nel digitale soltanto in termini di produttività, ma anche di capitale umano, di employee experience e di retention.
La parola d’ordine è: creare relazioni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati