L'analisi

L’Intelligenza artificiale generativa in azienda: ecco le aree di utilizzo

Dalla produttività personale alla comunicazione aziendale, dal marketing allo sviluppo informatico: sono molte le aree in cui l’IA generativa apre scenari inediti e interessanti. Ecco con quali implicazioni

Pubblicato il 09 Mar 2023

Andrea Boscaro

Partner The Vortex

chatgpt open ai

L’avvento di ChatGPT e degli strumenti equivalenti ha incontrato fin da subito tanto una buona dose di sorpresa quanto un certo, progressivo disincanto: la consapevolezza dei limiti dei modelli linguistici che ne sono alla base non deve però esimere dal riconoscerne le potenzialità e comprenderne i possibili ambiti di adozione nelle sfere della produttività personale, della comunicazione aziendale e dello sviluppo informatico. Così come è necessario sottolineare anche i rischi legati a un uso illecito o spregiudicato di tali strumenti.

Licenziano autori per Chatgpt, ma è un grave errore: ecco perché

Le aree di utilizzo dell’Intelligenza Artificiale generativa

La sperimentazione ed un successivo impiego maturo dei tool può in particolare riguardare le seguenti attività:

  • l’accesso alle informazioni;
  • l’efficienza nell’elaborazione di dati;
  • la comunicazione aziendale;
  • il marketing digitale e l’e-commerce;
  • lo sviluppo informatico.

La AI per la produttività personale

In procinto, dopo la fase di test ristretta ad un numero limitato di utenti, di assistere all’integrazione dell’Intelligenza Artificiale in Bing come servizio “co-pilota” della ricerca sul Web e ancor più in attesa di capire la risposta costituita dal lancio di Google Bard, Chat GPT ha dimostrato di essere molto efficace nel permettere un accesso più veloce e immediato alle informazioni costituendo una sorta di parafrasi delle risorse che la Rete è in grado di mettere a disposizione. i 75 Terabyte di libri, pagine web e pagine Wikipedia, in inglese e in altre lingue, che costituiscono il suo patrimonio informativo non solo offrono una inesauribile biblioteca a cui attingere, ma hanno anche il pregio di avere addestrato una tecnologia capace di permettere a qualunque utente di fare domande in linguaggio umano ed approfondire il reperimento delle informazioni grazie a domande successive. Da notare in particolare il fatto che tali richieste possono essere formulate in modo da:

  • ottenere risultati in formato tabellare;
  • differenziare il livello di familiarità con l’argomento che deve essere considerato nella risposta;
  • differenziare il tipo di risposta a seconda di aspetti quali la tipologia di destinatario che il bot deve considerare e il tono da adottare;
  • ottenere risultati più pertinenti grazie all’utilizzo di schemi di istruzioni codificati (“prompt”).

Chi ha provato la versione a pagamento di ChatGPT non ha potuto poi solo verificare la possibilità di servirsene anche in momenti di “capacity” del sistema, ma ha anche potuto apprezzare la maggior velocità e la più puntuale granularità delle risposte.

Attivare Chat GPT all’interno di servizi esistenti

Come se non bastasse, la disponibilità di estensioni con cui è possibile attivare ChatGPT all’interno di servizi esistenti abilita ad usi ancora più immediati e, ad esempio, consente:

  • in Google Sheet – e, a tendere, in Excel, di compilare in modo automatico tabelle attingendo ad informazioni presenti nel suo database e di pulire dataset da celle sporche, che includono segni di interpunzione e altri elementi non rilevanti ai fini dell’elaborazione dei dati;
  • con tool come Akkio di interrogare in linguaggio umano set di dati e foglio di calcolo estraendone significati e ottenendone rielaborazioni;
  • in Google Docs di tradurre, riassumere e ottenere versioni alternative di testi;
  • in Gmail di confezionare risposte in modo rapido e di avere un aiuto nella predisposizione di mail e comunicazioni;
  • in YouTube di avere un’immediata trascrizione di video ed un successivo riassunto della stessa;
  • grazie a Whisper, la funzionalità speech-to-text di OpenAI, di sbobinare audio;
  • con tool come Synthesia di sperimentare la validità della sua tecnologia text-to-speech in ciò preludendo alla maggior raffinatezza di cui daranno prova i prossimi chatbot.

Tanti sono gli impieghi di AI nell’ambito della produttività personale che la conoscenza delle funzionalità e dei prompt più efficaci può permettere un accesso più immediato alle informazioni e una maggiore produttività del lavoro laddove, al contrario, una superficiale conoscenza degli strumenti rischia di banalizzarne la comprensione ed offre un limitato impatto sul lavoro quotidiano.

L’AI per la comunicazione aziendale

Se ChatGPT, grazie alla capacità di fornire versioni differenti di un testo, risulta immediatamente utilizzabile da chi deve creare cataloghi, blog, siti web e newsletter, la conoscenza di editor come Copy.ai o Rytr.me permette di impostare in modo più attento il formato di comunicazione coinvolto (e-mail, blog, sito, social media …) e il tono da adottare per generare un semi-lavorato da sottoporre al successivo intervento di un professionista.

In più, le funzionalità basate su AI che consentono di ritoccare, migliorare e differenziare immagini come Dall E, Midjourney e Stable Diffusion risultano molto utili per l’ampliamento e l’ottimizzazione delle immagini in siti, cataloghi, marketplace e social media ma forse è con Flair che emerge la qualità con cui un’azienda può ad esempio modificare la narrazione di un prodotto attraverso, il cambiamento dello sfondo su cui un oggetto può essere riprodotto. Point E infine consente di ottenere modelli 3D e supporta le attività di rendering di progetti e prototipi.

Di fronte a strumenti che permettono di massimizzare la creazione di testi e immagini, è opportuno però tenere in considerare la risposta che Google ha dato quanto al valore che il suo standard di qualità attribuisce ai contenuti generati in tale modo e al loro impatto in termini di presenza sui risultati della ricerca. Di fronte all’avvento di Chat GPT, Google, forse a sorpresa, ha precisato che la sua interpretazione del contenuto rimane invariata: il suo obiettivo è premiare i contenuti di alta qualità, indipendentemente da come vengono prodotti. Non è dunque vietato integrare testi e immagini generati dall’intelligenza artificiale e le pagine web che le contengono possono essere indicizzate e rese oggetto di un’attività di posizionamento. Al contempo, Google consiglia però di fare riferimento alle sue comunicazioni sulla qualità dei contenuti, in particolare sul suo concetto “EEAT”: competenza, esperienza, autorevolezza e affidabilità che rimangono i criteri da soddisfare nella produzione di testi per l’informazione e la comunicazione. Tale approccio meriterà in ogni caso di essere verificato alla luce dell’evoluzione dei metodi con cui identificare i contenuti creati con Ai così da trasmetterne con trasparenza l’origine agli utenti finali.

Del resto, Google si avvale da anni dell’intelligenza artificiale nel comprendere le ricerche che vengono fatte e nel vagliare i risultati da mettere a disposizione e dichiara che “l’intelligenza artificiale ha la capacità […] di fungere da strumento essenziale per aiutare le persone a creare contenuti di qualità per il Web” e continuerà “ad adottare un approccio responsabile, mantenendo standard elevati per la qualità delle informazioni e l’utilità dei contenuti“. In questa comunicazione il motore di ricerca ha poi ricordato che “Google ha molti anni di esperienza nel campo dell’automazione utilizzata per cercare di vanificare i risultati delle ricerche. I nostri sforzi anti-spam, compreso lo sviluppo del nostro sistema SpamBrain, continueranno, indipendentemente da come viene prodotto lo spam”.

La AI per il marketing digitale e l’e-commerce

La differenziazione dei contenuti e dei testi permessa da strumenti come quelli elencati precedentemente coniugata con l’automazione permessa da tecnologie già esistenti e accresciuta da ChatGPT stessa si prestano infine ad aiutare le imprese in molte aree che attengono al marketing digitale e all’e-commerce. Ad esempio, le funzionalità basate su AI permettono di:

  • produrre delle bozze di schede prodotto da perfezionare manualmente così da pubblicarle su siti web, negozi online e ulteriori canali di comunicazione digitali;
  • creare variazioni e perfezionamenti di immagini per poi servirsene sul sito e nella sottoposizione ai motori di ricerca per immagini;
  • differenziare le informazioni da distribuire sui marketplace e sui siti online dei partner commerciali;
  • accrescere la granularità con cui generare copy e landing page da sottoporre ad iniziative di A/B testing nelle campagne pubblicitarie online;
  • produrre bozze di contenuti da utilizzare per la comunicazione sui social media e nelle newsletter;
  • massimizzare le risposte che, in formato testuale, possono arricchire le aree di customer service e costituire la base per realizzare chabot di assistenza al cliente.

Anche prima dell’avvento di ChatGPT, notevoli erano gli impieghi di AI nel marketing digitale e nell’e-commerce, sia nel supportare la generazione di contenuti sulla base di database di schede informative sia nel rendere efficienti le attività di performance marketing, ma di certo risulta oggi più ampia la possibilità anche per aziende meno strutturate di accedere a tecniche e strumenti utili per gestire professionalmente la presenza online.

L’AI per lo sviluppo informatico

Il filosofo Cosimo Accoto sostiene che viviamo già nell’Era della Simulazione dove oggetti come sedie, gioielli e macchinari sono progettati come file digitali prima di essere oggetti “reali” e non vi è dunque alcun dubbio che l’Intelligenza Artificiale possa intervenire nel migliorare le funzionalità che i software di progettazione offrono. La dimensione codificata, standardizzata, senza sfumature dei linguaggi di programmazione si presta poi nella misura più convincente a servirsi di ChatGPT per assistere i programmatori nelle attività più routinarie ed a minor valore aggiunto.

Allo stesso modo, è grazie all’Intelligenza Artificiale che stanno prendendo piede le cosiddette applicazioni “no-code”, strumenti di sviluppo software che consentono agli utenti di creare applicazioni informatiche senza dover scrivere codice. Questi strumenti utilizzano interfacce visive e modalità di istruzione drag-and-drop per creare componenti e definire i servizi offerti, eliminando la necessità di conoscenze di programmazione avanzate. Le applicazioni no-code possono essere utilizzate per creare siti web, app mobile e software aziendali.

Conclusioni

Ancor più su questo fronte dunque Chat GPT e gli altri strumenti basati su IA possono estendere la possibilità, per i singoli individui, per le imprese e per le organizzazioni, di accedere ad opportunità che finora, per ragioni di tempi e costi, non sono state contemplate. Sul fronte della ricerca, della comunicazione, della programmazione, dell’assistenza al cliente si tratta dunque di un orizzonte nuovo e affascinante. Se verrà vissuto come un modo per ridurre i costi del personale, anziché come un’occasione per averne una produttività più elevata, allora non sarà una tecnologia sostenibile tanto più che inevitabilmente essa sarà impiegata, e con grande professionalità, anche da chi opera in attività illegali come la contraffazione, gli attacchi informatici, il phishing e la produzione di recensioni false.

Dopo anni in cui si è pensato che l’automazione avrebbe avuto un impatto solo sul lavoro manuale, oggi si capisce che anche il lavoro intellettuale non può esserne esente. Tale lavoro ne sarà vittima se non sarà dunque formato per avvalersene con perizia, per verificarne l’apporto, per subordinarlo ad obiettivi concreti ed efficaci.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3