diritti digitali

Se India stacca internet: una tecnica di regime controversa



Indirizzo copiato

Il progetto “Digital India” ha trasformato l’India in un paese altamente connesso, ma l’uso frequente delle interruzioni di Internet per ragioni di sicurezza interna solleva questioni sulla libertà d’informazione e sul rispetto dei diritti fondamentali

Pubblicato il 10 nov 2023

Mario Di Giulio

Professore a contratto di Law of Developing Countries, Università Campus Bio-Medico Avvocato, Partner Studio Legale Pavia e Ansaldo



Digital,Data,Flow,On,Road,With,Motion,Blur,To,Create

In una nazione che conta quasi 1,4 miliardi di persone, Internet è divenuto lo strumento essenziale per l’accesso ai servizi di carattere sociale prestati dal governo. Sin dal 2015, il premier Modi ha lanciato l’iniziativa “Digital India”, ovvero la creazione delle infrastrutture digitali per connettere le aree rurali e creare nuove opportunità di lavoro.

Internet shutdown e sicurezza: i dubbi sulla strategia indiana

Internet è però uno strumento che consente anche la diffusione delle informazioni che, in un Paese che presenta forti differenze etniche e religiose, può prestarsi a una distorsione delle informazioni, con il proliferare di false notizie e messaggi d’incitamento all’odio ed è, pertanto, considerato potenzialmente pericoloso quando le tensioni nascono o si acuiscono.

Di fatto, tra i paesi asiatici, l’India appare essere la nazione che fa più spesso ricorso all’interruzione dell’accesso a Internet per ragioni di sicurezza interna.

Un dato di fatto che contrasta con la dichiarata natura democratica della nazione.

Bastano pochi dati a rendere la situazione: in base a quanto riportato da Internet Freedom Foundation e Human Rights Watch, almeno 18 stati indiani (sui 28 che costituiscono la federazione, oltre a otto territori) hanno interrotto l’accesso a Internet almeno una vola nel triennio 2020-2022; le ragioni vanno dalla prevenzione o repressione di proteste (57 casi), al tentativo di impedire imbrogli in esami scolastici o concorsi pubblici (37 casi), al prevenire violenze comuni (18 casi) e altre esigenze di carattere sociale (altri 18 casi). Nei territori, che includono – tra gli altri – anche il Jammu e il Kashmir, la situazione appare anche peggiore (Fonte: Industan Times del 15 giugno 2023). Nei due territori, infatti, si contano la sospensione dell’accesso a Internet per ben 550 giorni nel periodo che va da agosto 2019 a febbraio 2021 (Fonte: Human Rights Watch).

Deve essere notato che non tutti gli stati della federazione rendono ufficiali le interruzioni né ne rendono pubbliche le motivazioni.

Le interruzioni sono operate perlopiù sulla rete della telefonia mobile, che costituisce la maggiore parte dell’infrastruttura d’accesso a Internet (circa il 96% della popolazione in base ai dati resi noti da Human Rights Watch).

Il quadro legale

La possibilità di ricorrere alle interruzioni di Internet è consentita dalla normativa indiana in tema di telecomunicazioni, che prevede quali autorità possano imporre tale interruzione a livello di governo federale o locale.

A giudizio degli osservatori, appare invece molto lasca la determinazione delle fattispecie che ne consentono l’esercizio. In effetti, da una lettura della normativa emerge che si stabilisce soltanto chi può adottare il provvedimento, senza stabilire le relative limitazioni di carattere oggettivo o temporale; le motivazioni sono genericamente fatte rientrare in ipotesi di emergenza pubblica o d’interesse di pubblica sicurezza (incluso il mantenimento della pace con nazioni amiche o per evitare l’incitamento alla commissione di violenze).

La Corte suprema è intervenuta nel 2020 con una sentenza fondamentale (Anuradha Bhasin v. Union of India e Ghulam Nabi Azad v. Union of India) stabilendo che le interruzioni di Internet sono misure drastiche, che dovrebbero essere adottate solo quando non appaiono perseguibili rimedi meno intrusivi.

Confermando l’assenza di criteri chiari nella normativa, la Corte ha anche stabilito che le autorità debbano rendere pubbliche le interruzioni, che devono essere proporzionate e limitate nel tempo.

I danni collaterali delle interruzioni

A prescindere dalla fondatezza delle motivazioni che possono condurre alla sospensione dell’accesso a Internet, le ricadute negative sono le più varie.

Non solo l’impatto sui mezzi d’informazione e l’impossibilità di conoscere le notizie, creando un limbo che può esacerbare la diffusione d’informazioni false che passano di bocca in bocca, difficili da potere essere riscontrate e quindi contrastate, rendendo il rimedio peggiore del male, ma anche danni al processo educativo, privando di fatto gli studenti della possibilità di accedere a libri di testo e, altresì, danni alle varie imprese che si basano su sistemi digitali. Non ultimo, poi, l’impatto sui sistemi di pagamento ampiamenti digitalizzati ai più vari livelli.

Senza volere considerare che sempre più l’accesso ai servizi assistenziali è legato a Internet. Fra i tanti, basta citare NREGA (Mahatma Gandhi National Rural Employment Guarantee Act) che assicura forme d’impiego per almeno 100 giorni l’anno nell’India rurale: il governo indiano, a partire da quest’anno, chiede quale presupposto per il pagamento del sussidio la geolocalizzazione dei lavoratori; va da sé che l’interruzione di Internet rende impossibile il controllo e quindi l’erogazione delle retribuzioni (Fonte: Human Rights Watch).

Un altro esempio rende evidente l’impatto delle interruzioni: lo shutdown in Kashmir, in base alla Camera di commercio locale avrebbe provocato la perdita di 500.000 posti di lavoro.

Altri paesi nel mondo che ricorrono all’interruzione di internet

L’India non è la sola nazione a fare ricorso alla sospensione dell’accesso a Internet quale strumento di pubblica sicurezza.

Rimanendo in Asia, numerose sono le nazioni che vi fanno ricorso, a partire da quelle più scontate quali Cina e Myanmar, ma anche Cambogia, Bangladesh, Filippine e Sri Lanka tra le altre.

Cambiando continente, in Africa paesi quali La Repubblica del Congo, il Niger, l’Uganda e lo Zambia vi hanno fatto ricorso negli ultimi due anni (Fonte: Carnegie Endowment for international Peace, How Africans can preparare for Internet shutdowns del 25 aprile 2023).

Abbiamo però anche esempi positivi, quali il Kenya, che si è guardato dal farvi ricorso durante le elezioni tenutesi nel 2022 sebbene vi fossero forti tensioni che avrebbero potuto giustificarlo. Il Kenya è tra l’altro tra i pochi stati africani (con Capo Verde, Niger e Senegal) che hanno firmato la “Dichiarazione per il Futuro d’Internet”, sostenuta dagli Stati Uniti e volta a ostacolare gli autoritarismi digitali, che ha raccolto la sottoscrizione da almeno sessanta stati (Fonte: The East African del 29 aprile 2022).

Per ironia della sorte, è opportuno sottolineare che la sottoscrizione della dichiarazione non ha comunque escluso il Niger tra gli stati che hanno fatto ricorso alle interruzioni secondo il summenzionato report della Carnegie Endowment for International Peace.

Conclusioni

L’equilibrio tra rispetto delle libertà fondamentali e la tutela della sicurezza pubblica non è sempre semplice da raggiungere, basti pensare a quante voci si sono sollevate in Occidente quando sono state prese misure restrittive durante l’epidemia di Covid-19, che ancora non si sono sopite. Nei paesi nei quali inoltre vi sono spesso tensioni interne che possono sfociare facilmente in atti di violenza collettiva, il contemperamento dei diversi interessi può essere ancora più difficoltoso.

Rimane il fatto che in un sistema democratico, l’interruzione dell’accesso all’informazione dovrebbe essere davvero un ultimo rimedio e adottato nei limiti imposti dalla legge: in India, purtroppo, la legge appare troppo lasca nelle sue previsioni e spesso le indicazioni date dalla Corte suprema non risultano rispettate, violando non solo libertà fondamentali quali il diritto a comunicare e informarsi, ma anche provocando un grave pregiudizio su ampie fasce della popolazione, sia in termini economici che di accesso ai servizi di carattere sociale ed educativo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2