scenario 2018

Nanni (Wind Tre): “5G e digital skills pilastri per la quarta rivoluzione industriale”

Nel focus dell’operatore l’industria 4.0 e nuove opportunità per IoT, Big Data e IA grazie soprattutto a investimenti su infrastrutture. Wind Tre ha avviato sperimentazioni per il 5G, sta lavorando a rete unica ma per concretizzare l’Agenda Digitale necessario investire anche su digital skills

21 Dic 2017
Paolo Nanni

Direttore Business & Wholesale di Wind Tre

innovation_378597358

Il 2017 ha visto le imprese italiane e la Pubblica Amministrazione accelerare finalmente sul percorso della Trasformazione Digitale. L’Industria 4.0 non è più solo un modello teorico, ma si sta iniziando ad affermare nelle aziende con molteplici opportunità grazie all’Internet of Things (IoT), ai Big Data e all’Intelligenza Artificiale. Un cambiamento sostenuto dalle importanti evoluzioni che riguardano le infrastrutture di comunicazione: i progressi nella diffusione e nello sviluppo della banda ultra larga sono innegabili, come significativi sono i traguardi raggiunti e gli obiettivi prefissati.

Nelle scorse settimane, grazie all’assegnazione del bando di gara, indetto dal MISE, hanno preso il via le sperimentazioni sui servizi 5G in cinque città italiane. Wind Tre, in particolare, ha aperto i cantieri dell’infrastruttura di quinta generazione a Prato e a L’Aquila. Un progetto ambizioso che vede il coinvolgimento di Open Fiber e di diversi altri partner come Università, aziende ICT, startup, enti nazionali, oltre alle imprese del territorio, con una collaborazione proficua tra aziende ed enti pubblici, che porta ad auspicare un sostegno sempre maggiore all’innovazione da parte delle istituzioni anche nel 2018, rafforzando il modello vincente della co-innovation.

Wind Tre sta lavorando anche all’integrazione del proprio network in un’unica rete, un traguardo già raggiunto pochi giorni fa a Trieste, che garantisce numerosi vantaggi ai clienti consumer e business di Wind e di 3, grazie ad elevate performance per copertura, qualità del servizio e velocità di connessione, con un incremento, in 4G, fino al 250%, oltre a una migliore ‘user experience’. Il consolidamento della rete Wind Tre è già in fase avanzata in città come Roma, Milano, Agrigento, Ascoli Piceno, Bologna e Caserta e durerà per tutto il 2018, per realizzare un’infrastruttura capillare ed estesa, con oltre 21mila siti di trasmissione sull’intero territorio italiano.

[personaggi id=15500]

Gli investimenti e gli sforzi intrapresi in ambito infrastrutturale offrono la possibilità di avviare e accelerare lo sviluppo in anteprima di alcuni servizi dell’ecosistema di quinta generazione come, ad esempio, l’IoT per le smart city, che promette di evolvere ulteriormente la vita quotidiana delle famiglie e i modelli di lavoro delle aziende e della Pubblica Amministrazione, migliorando produttività, efficienza, sicurezza e vivibilità degli ambienti urbani.  Le possibilità sono potenzialmente infinite, già a partire dai prossimi mesi, i servizi IoT potranno essere applicati a settori come, ad esempio, l’energia, la logistica, la viabilità, l’agricoltura o l’ambiente. Anche le famiglie toccheranno con mano le possibilità offerte dall’IoT negli ecosistemi della mobilità, della sicurezza, dell’educazione o del turismo e questo sortirà l’effetto, non di secondo piano, di avvicinare cittadini e istituzioni.

Oltre che sulle infrastrutture, nel 2018 l’attenzione di aziende ed enti pubblici dovrà continuare a focalizzarsi sul tema centrale delle skills e delle competenze, come più volte sottolineato dal nostro amministratore delegato, Jeffrey Hedberg, perché siano adeguate al nuovo ecosistema produttivo e alle richieste delle aziende. Un punto sollevato recentemente anche dall’OCSE che, nel rapporto “Getting Skills Right: Italy” ha evidenziato la necessità di creare sinergie tra le imprese e il mondo dell’educazione, per stimolare lo sviluppo delle competenze più ricercate, come quelle legate alle nuove tecnologie digitali. Un fenomeno che riguarda soprattutto le grandi aziende, ma che, auspicabilmente, in futuro potrà coinvolgere, con un impatto sempre maggiore, anche le PMI, di cui è ricco il nostro territorio.

Con il brand Wind Tre Business percorriamo questa strada, accompagnando le aziende e la Pubblica Amministrazione verso la trasformazione digitale. Un ruolo di partner di fiducia che richiede la capacità d’ascolto e di individuare le necessità degli imprenditori per diffondere la cultura dell’innovazione e favorire la digitalizzazione dei processi produttivi anche nelle realtà più piccole, che spesso non dispongono di strutture dedicate all’ICT. Oltre a fornire servizi ad alta tecnologia, come le soluzioni per lo Smart Working, Data Center e Cloud di ultima generazione, Wind Tre Business svolge il ruolo di consulente a 360°, per aiutare gli imprenditori italiani a migliorare il proprio Business e, al tempo stesso, a cogliere le opportunità offerte da nuovi mercati.

Innovare significa anche guardare al di fuori della propria azienda con l’Open Innovation, una pratica ormai consolidata in diverse imprese e destinata a crescere nei prossimi mesi. Una ricerca degli Osservatori Digital Transformation Academy e Startup Intelligence del Politecnico di Milano afferma, infatti, che la percentuale di imprese che adotta sistematicamente l’Open Innovation è solo del 28%, ma chi ha intrapreso questo percorso si dichiara molto soddisfatto e, inoltre, un buon 32% di aziende è intenzionato ad adottare progetti in merito. Anche Wind Tre supporta con convinzione l’Open Innovation, anche per contribuire a orientare la crescita della giovane imprenditoria italiana. In questo contesto, è molto importante Wind Tre Business Factor, una delle più grandi business community in Italia che raccoglie oltre 37mila imprenditori e innovatori, più di 5mila tra idee e Startup iscritte e circa 300 video tutorial formativi. Perché, secondo la nostra azienda, la crescita dell’economia italiana non potrà prescindere dalla diffusione delle Digital Skills e delle competenze, fondamentali, insieme a infrastrutture e servizi evoluti, per concretizzare appieno l’Agenda Digitale ed entrare con successo, da protagonisti, nell’era della quarta rivoluzione industriale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati