l'analisi

Nuova governance Agenda digitale, ecco tutti i rischi di flop

Ci sono ostacoli e incognite nel progetto del Governo per una nuova governance della Pa e Agenda digitale, con una uova SpA pubblica con budget di 5 milioni l’anno per gestire e sviluppare PagoPA, io.italia.it e piattaforma digitale nazionale dati, e dal 2020, poteri al PdC o Ministro delegato. Vediamo i problemi

07 Feb 2019
Paolo Coppola

Professore associato di informatica, Università di Udine, consulente Governo per progetti di digitalizzazione della PA

digitale_635038487

Le importanti novità in tema di governance dell’ICT pubblica introdotte dall’articolo 8 del decreto-legge semplificazione, modificato al Senato ed ora in discussione alla Camera, potrebbero davvero essere funzionali per la trasformazione digitale della nostra pubblica amministrazione.

Ci sono però alcune criticità che occorre inevitabilmente considerare per evitare di fallire, ancora una volta, l’obiettivo. Riguardano, tra le altre cose, il tema sempre centrale delle competenze, la gestione del budget, la concentrazione del potere nella figura del presidente del consiglio o del ministro delegato.

Ma partiamo dalle novità.

Il premier acquisisce i poteri sul digitale (dal 2020): vantaggi e rischi

Le modifiche alla governance dell’ICT

L’articolo 8 del decreto-legge semplificazione ha introdotto modifiche consistenti alla governance dell’ICT pubblica. Per prima cosa, la gestione e i compiti della piattaforma dei pagamenti elettronici verso la Pubblica Amministrazione, PagoPA, passano da AgID alla Presidenza del Consiglio dei Ministri che si avvale del Commissario straordinario.

WHITEPAPER
Intelligent Enterprise: come usare i dati e l’AI per creare la CX perfetta e omnicanale
Competenze Digitali

Il mandato del Commissario e l’operatività della struttura di supporto sono prorogati al 31 dicembre 2019, mentre a partire dal primo gennaio 2020 i compiti e i poteri del Commissario passeranno al Presidente del Consiglio o al Ministro delegato.

Per i nuovi compiti il Presidente del Consiglio o il Ministro si avvarranno di un contingente di esperti che verranno nominati. Il numero, le qualifiche richieste e i compensi saranno definiti con DPCM, ma già vengono destinati 6 milioni di euro l’anno a partire dal 2020.

Il decreto prevede anche la costituzione entro aprile 2019 di una nuova SpA interamente partecipata dallo Stato e che aiuterà il Presidente del Consiglio a diffondere PagoPA, sviluppare io.italia.it, il punto di accesso telematico dei servizi online della PA previsto dall’art. 64-bis del CAD, nonché la piattaforma digitale nazionale dati, prevista all’articolo 50-ter del CAD che permetterà di estrarre conoscenza dai big data della PA. Anche per questa nuova SpA sono previste spese per 5 milioni di euro all’anno fino al 2021.

Ricapitolando e semplificando, quindi, da aprile: nuova SpA pubblica con budget di 5 milioni l’anno per gestire e sviluppare PagoPA, io.italia.it e “big data della PA”, proroga del Commissario fino a fine anno e poi, dal 2020, poteri al PdC o Ministro delegato e nuovo gruppo di esperti nominati con budget di 6 milioni l’anno.

Le criticità della nuova governance

Rispetto alle architetture di governance sono sempre stato abbastanza laico. Non credo che esista la bacchetta magica e credo che esistano molti strumenti diversi che possano raggiungere il risultato. Quello scelto ora può avere successo? Sicuramente sì, anche se non è scontato, e quindi mi limito a prendere nota e a verificare in seguito.

Mi permetto, però, di segnalare un paio di dimenticanze (nessuno pare ricordarsi della piattaforma prevista dall’articolo 40-ter né di quanto previsto dall’articolo 60 del dlgs 179/2016) e alcuni rischi:

  • raramente il legislatore ha la competenza necessaria a individuare con esattezza un esecutore che può realizzare in sistema informatico, una piattaforma o un servizio. In passato ci sono stati vari esempi di fallimento, che abbiamo evidenziato nel lavoro della commissione d’inchiesta sul livello di digitalizzazione. Sarebbe meglio che la legge definisse gli obiettivi e nella realizzazione si lasciasse maggiore elasticità. In particolare, non mi è chiaro perché per la gestione del sistema di pagamenti elettronici non si può far ricorso al mercato e, in particolare a SIA S.p.A., che ha come mission “Fornire le migliori piattaforme per tutti i pagamenti digitali di istituzioni, cittadini, imprese” ed è partecipata per quasi il 50% da CDP. Non dico che possa essere la migliore soluzione, ma non capisco perché il legislatore debba escludere a priori l’affidamento con gara a società che hanno un know how specifico.
  • Come è stata determinata la somma di 5 milioni di euro all’anno di costo? Capisco la necessità di procedere con una certa velocità, ma il rischio che, magari con un futuro Governo meno attento a queste tematiche, ci sia uno spreco è alto. Il Legislatore dovrebbe prevedere meccanismi efficienti senza basarsi sul presupposto che verranno usati solo da persone perbene, come sicuramente sono le persone che li useranno ora. Ma domani? Chissà. Come verranno selezionate le persone che entreranno a far parte della nuova società? Come verranno scelti i fornitori? Tutte criticità che vanno affrontate con la massima trasparenza.
  • Analogo discorso vale per il contingente di esperti. Il Commissario straordinario e la sua struttura erano pensati a termine. È ancora così o si è deciso di rendere la struttura permanente? Perché nel secondo caso sarebbe necessario allestire dei concorsi.
  • Infine, una nota riguardo ai poteri del Commissario che passano al Presidente del Consiglio o al Ministro delegato. Quei poteri erano pensati per una fase transitoria e comunque prevedevano un bilanciamento. In particolare, quelli sostitutivi previsti dal comma 4 vedevano l’azione concorde di due soggetti, Commissario e Presidente del Consiglio. Ora, invece, nel caso non vi sia un Ministro delegato, il potere è completamente in mano al Presidente del Consiglio. Sicuramente un aumento di efficienza, ma un rischio da tenere sotto controllo (sempre nel caso di governi futuri, s’intende).

Il nodo delle competenze

Concludo con una considerazione: la trasformazione digitale della PA ha bisogno di competenze manageriali. Fino a quando il legislatore non si renderà conto dell’importanza del capitale umano e del fatto che serve assumere nuovi dirigenti o promuovere quelli che hanno le competenze giuste, difficilmente potremo vedere miglioramenti apprezzabili.

Le piattaforme e le leve tecnologiche possono aiutare un poco, ma la vera sfida è nella gestione del capitale umano e su quella, purtroppo, non vedo ancora sufficiente determinazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link