il bilancio

Oversight Board, chi controlla il controllore? Tutti i dubbi sul “tribunale supremo” di Facebook

Più che un tribunale in difesa degli utenti, l’Oversight Board di Facebook sembra un tribunale interno di supervisione del lavoro dei moderatori di contenuti e, soprattutto, delle agenzie esterne che lavorano come fornitori dei servizi di moderazione del social. Tutti gli interrogativi sollevati dalle prime sentenze

Pubblicato il 06 Apr 2021

Jacopo Franchi

Web content strategist, scrittore, autore del blog “Umanesimo Digitale”

facebook

Le prime sentenze dell’Oversight Board, “tribunale supremo” di Facebook, hanno evidenziato tutti gli errori commessi abitualmente dai moderatori di contenuti che lavorano per il social media pur essendo impiegati per lo più presso agenzie esterne che forniscono servizi di moderazione.

Le decisioni hanno contestato le mancate spiegazioni sulle decisioni che portano alla rimozione di un contenuto (nel caso di un post di un cittadino armeno che rivolgeva parole ingiuriose alle persone di origine azera), hanno contestato la superficialità delle decisioni stesse (nel caso di un utente birmano che criticava le reazioni differenti di una comunità di fedeli rispetto ad alcuni fatti di cronaca recente), hanno criticato l’arbitrarietà nell’interpretazione delle policy di rimozione (nel caso di un utente che aveva condiviso una citazione erroneamente attribuita a Goebbels) e hanno contestato la sproporzione tra la violazione commessa dagli utenti e la rimozione integrale dei contenuti in luogo dell’utilizzo di forme di moderazione più “soft” ed educative (nel caso di un utente che invitava le autorità sanitarie a valutare l’uso dell’idrossiclorichina contro il covid-19).

Un primo bilancio dell’oversight board Facebook

Più che un tribunale in difesa degli utenti, la struttura e l’organizzazione dell’Oversight Board di Facebook sembrano quindi essere quelle di un tribunale interno di supervisione del lavoro dei moderatori di contenuti e, soprattutto, delle agenzie esterne che lavorano come fornitori dei servizi di moderazione del social.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: trasforma i dati dei comportamenti dei tuoi clienti in azioni di marketing
Big Data
CRM

Moderatori social, lavoratori “obsoleti” ma indispensabili: chi sono gli invisibili della rete

Facendo un primo bilancio, dunque, le prime sentenze dell’Oversight Board sottolineano, ancora una volta, i principali limiti del processo di moderazione di Facebook: opaco, contradditorio, superficiale. Questo perché:

  • Solo Facebook è in grado di ricondurre un “errore” di moderazione di contenuti sanzionato dal Board a uno specifico moderatore o team di moderazione attivo sulla piattaforma.
  • Solo Facebook può introdurre cambiamenti strutturali in seguito a una sentenza dell’Oversight Board nel proprio processo di moderazione di contenuti e nelle proprie policy.
  • Le sentenze del Board possono quindi essere usate da Facebook per valutare l’operato delle società terze che forniscono i servizi di moderazione, ed eventualmente rimodulare i contratti sulla base di una sentenza definitiva e “neutrale” rispetto al social media stesso.
  • Questa interpretazione del ruolo dell’Oversight Board all’interno dell’ecosistema di Facebook non deve oscurare il suo ruolo nel più ampio contesto della relazione tra piattaforme digitali e Stati.

L’Oversight Board uno strumento di pressione nelle mani di Facebook?

Opacità, superficialità, arbitrarietà nell’interpretazione delle policy di rimozione, uso sproporzionato della forza di repressione: sono bastate le prime quattro sentenze su cinque per riassumere tutte le critiche che nel corso degli ultimi anni sono state mosse a più riprese nei confronti del sistema di moderazione di contenuti adottato da Facebook (e simile sotto molti aspetti a quello utilizzato da altre piattaforme digitali, come ho ricostruito nel mio libro “Gli obsoleti. Il lavoro impossibile dei moderatori di contenuti”, Agenzia X Edizioni, 2021). L’Oversight Board, “tribunale supremo” voluto e organizzato da Facebook tramite una fondazione finanziata dalla stessa azienda di Menlo Park, non ha tuttavia alcun potere che non sia quello di ordinare la ripubblicazione dei contenuti che sono stati rimossi da Facebook e riabilitati dai giudici del Board stesso: le sue sentenze non si traducono in nuove regole di policy della piattaforma, né tantomeno possono modificare in senso più ampio le modalità di lavoro dei moderatori di contenuti che hanno portato questi ultimi a commettere errori più o meno gravi. Solo Facebook ha il potere di trasformare le sentenze del Board in un intervento strutturale più ampio sui propri processi e regole interne.

Facebook Oversight Board, che succede ora? Ecco perché può essere un’arma a doppio taglio

Che cosa succede al moderatore di contenuti la cui decisione è stata invalidata dalla decisione del Board? Non è dato saperlo, ma non è difficile immaginare le possibili conseguenze: solo Facebook è in grado di ricondurre ogni singolo caso esaminato dal Board a uno specifico moderatore di contenuti o a uno specifico team di moderazione. Dal momento che la maggior parte de moderatori lavora per società esterne a Facebook stessa, che forniscono a quest’ultima servizi di moderazione in subappalto, è plausibile che le decisioni del Board possano essere usate da Facebook per valutare l’operato di quelle società a cui il social ha delegato il potere di decidere quali contenuti e quali utenti hanno il diritto di rimanere sulla sua piattaforma: per rinegoziare al ribasso i contratti di fornitura, per individuare i fornitori meno “affidabili”, per mettere sotto pressione ulteriormente i moderatori che lavorano per Facebook ma senza esserne a tutti gli effetti dipendenti e controllati direttamente dalla società. L’Oversight Board, fino a prova contraria, sembra essere più uno strumento utile a Facebook per controllare l’operato dei suoi fornitori – e ottenere sentenze inoppugnabili al fine di stralciare o rimodulare i contratti – che non un’istituzione al servizio degli utenti stessi.

Facebook ha sempre l’ultima parola su quali contenuti saranno oggetto di valutazione effettiva

A sollevare numerosi dubbi sull’ambiguità del ruolo dell’Oversight Board e del suo stretto rapporto con Facebook ci ha pensato un lungo articolo di Kate Klonick apparso poche settimane fa sul New Yorker Magazine: Klonick, che ha seguito i 18 mesi di selezione e formazione dei “giudici” del Board, ha riassunto efficacemente i limiti stringenti imposti da Facebook nei confronti del Board fin dai suoi primi giorni di operatività. Limiti che sembrano essere pensati per venire incontro più alle necessità (di business) di Facebook che non ai bisogni dei suoi utenti: divieto di valutare i contenuti che non sono stati eliminati dalla piattaforma ma segnalati dagli utenti, divieto di valutare l’operato degli algoritmi, divieto di imporre un cambiamento delle policy. Solo Facebook, inoltre, può decidere quali appelli degli utenti possono essere valutati dai giudici del Board su un totale di 200.000 contenuti ammissibili ogni giorno: non è insensato domandarsi quali siano i criteri seguiti dall’azienda di Menlo Park nel selezionare i contenuti da sottoporre ai giudici del Board, e se tra questi criteri non vi sia il legame tra un determinato appello degli utenti e un determinato moderatore di contenuti di uno specifico fornitore, al fine di servirsi delle sentenze del Board per rivalutare i contratti di fornitura in seguito a errori macroscopici commessi dai fornitori stessi.

Il “caso” Trump

Questa ipotesi, tuttavia, sembra venire meno di fronte alla prossima sentenza a cui è chiamato l’Oversight Board: la riabilitazione o il “ban” definitivo di Donald Trump da Facebook e Instagram, una decisione che non è stata di certo presa in autonomia da un moderatore esterno alla piattaforma ma deciso a livello centrale. Eppure, anche in questo caso, una conseguenza importante della decisione del Board non sarà solo quella relativa al plausibile (secondo Bloomberg) ritorno sulla scena pubblica digitale dell’ex presidente degli Stati Uniti, quanto una sentenza destinata a influenzare il lavoro delle agenzie di moderazione di contenuti nei confronti dei personaggi pubblici politici di qualsiasi livello: un monito, un precedente, per far sì che i fornitori di Facebook possano avere una linea guida da seguire in caso di moderazione di contenuti relativi ai politici locali e internazionali, e che Facebook stessa possa usare per valutare l’operato dei propri fornitori sulla base di una sentenza di rilievo mondiale eseguita da un tribunale “terzo” e apparentemente neutrale. L’Oversight Board, anche in questo senso, sembra essere uno strumento funzionale al regolamento di conti e al ribilanciamento dei rapporti di forza tra Facebook e i propri fornitori dei servizi di moderazione, che nel corso degli anni hanno acquisito un ruolo e una voce di costo crescente nei bilanci del social media.

Tra Stati e piattaforme: il ruolo dell’Oversight Board nella “istituzionalizzazione” di Facebook

Se, fino a prova contraria, il ruolo dell’Oversight Board può essere valutato alla luce delle necessità di un’azienda privata come Facebook di contenere i costi e ribilanciare i rapporti di forza con i propri fornitori di servizi (di moderazione), allo stesso modo non deve essere sottovalutato il ruolo del Board all’interno del più ampio scenario che vede Facebook scontrarsi a più riprese con il potere locale degli Stati e delle Comunità sovranazionali: un aspetto sottolineato, tra gli altri, da Ginevra Cerrina Ferroni, vice presidente del Garante italiano per la protezione dei dati personali, che ricorda in un articolo come “Facebook e il Comitato per il controllo che ne costituisce l’Authority di garanzia si stiano affermando come una vera e propria nuova tipologia di istituzione sociale che si pone come una realtà privatistica alternativa al modulo Stato, tanto da poter parlare persino di una “privatizzazione della giustizia digitale su scala globale”, dai contorni ancora incerti, pertanto rischiosa e da seguire pertanto con la massima attenzione”. Un aspetto, quest’ultimo, che solleva ulteriori interrogativi sulle reali intenzioni di Facebook nei confronti del “suo” Oversight Board: “controllore” indipendente, ma finanziato e costruito su misura dal suo imprevedibile “controllato”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3