Autoritarismo digitale

Repressione digitale, mano invisibile degli Stati autoritari nel mondo

Il lato oscuro dell’autoritarismo digitale comincia a sfociare anche in pericolose forme di sorveglianza extraterritoriale e repressione globale degli Stati a discapito di oppositori politici, dissidenti e attivisti. In pericolo l’esercizio delle libertà fondamentali in una vera e propria “guerra emotiva” parallela

15 Lug 2022
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

privacy

Può la repressione digitale superare i confini nazionali dello Stato che la dispone per perseguitare gli avversari politici e attivisti in ogni luogo su scala globale con pervasivi effetti ubiquitari, anche quando le persone in pericolo nei propri Paesi di origine riescono a fuggire altrove? Pare proprio di sì.

Si tratta, anzi, di un fenomeno in costante crescita che, alla luce dei dati forniti da Forensic Architecture (riportati all’interno dell’articolo di un recente approfondimento a cura del MIT – Technology Review) ha raggiunto 326 casi tra il 2019 e il 2021, rispetto ai 105 riscontrati tra il 2017 e il 2019.

Autoritarismo digitale, cresce la lista dei i “tecnoregimi” con velleità censorie: cosa rischiamo tutti

La repressione prende la forma di una cruenta coercizione psico-fisica: praticamente una condanna perpetua che proietta gli attivisti anti-regime in un vero e proprio limbo di minacce continue ad effetti permanenti grazie ai minori costi economici e organizzativi necessari per pianificare le “molestie digitali” rispetto alle corrispondenti azioni “analogiche”.

La repressione transnazionale digitale

L’articolo del MIT approfondisce, al riguardo, il tema della cosiddetta “repressione transazionale digitale” per indicare un eterogeneo insieme di aggressioni virtuali poste in essere mediante il ricorso ad attacchi di:

WEBINAR
12 Dicembre 2022 - 12:00
Nuovi modelli e strumenti di lavoro per accelerare vendite e marketing
Manifatturiero/Produzione
Marketing
  • phishing,
  • spyware,
  • rimozione di pagine di social media (dopo hackeraggio di account),
  • hackeraggio di schede SIM
  • cyberbullismo
  • falsi inviti a conferenze.

Secondo uno studio a cura di Citizen Lab, i Paesi in cui si registrano i più elevati livelli di “repressione transnazionale digitale” sono Afghanistan, Cina, Iran, Yemen, Ruanda e Siria, ove si progettano svariate tecniche di controllo repressivo particolarmente invasive in grado di fornire alle autorità statali una conoscenza completa sui movimenti degli attivisti e dissidenti, nonché sulla loro vita quotidiana, grazie al costante accesso a dispositivi personali, inclusi fotocamera, microfono, e-mail e messaggi contenuti persino in applicazioni di chat crittografate. Risultano, inoltre, particolarmente insidiose, mediante l’impiego di un vero e proprio “esercito virtuale”, le campagne mirate di incitamento all’odio, al pari degli attacchi alla credibilità personale che si diffondono a seguito della pubblicazione di informazioni personali volte a prendere di mira la vittima (cd. “doxxing”).

La Cina fa tendenza

Ancora una volta, la Cina, come ormai risulta costantemente fotografato negli ultimi anni dai rapporti periodici di Freedom on the Net, sembra fare tendenza nel panorama globale, perfezionando la propria capacità di elaborare raffinate strategie comunicative mediante l’utilizzo di sofisticati strumenti in grado non solo di assicurare il mantenimento di un costante clima interno di censura generale, ma al contempo di rafforzare la propaganda “pro-Pechino”. Ciò avviene grazie alla pubblicazione di post automatici generati da bot che inondano le piattaforme social riuscendo, al contempo, a controllare, con impercettibili tecniche di supervisione, gli avversari politici oppositori, scrupolosamente monitorati dal prodigioso sistema “Great Firewall”, anche persino quando si tratta di attivisti che vivono all’estero, costretti a rimuovere i post incriminati per evitare il rischio di minacce rivolte a se stessi e ai familiari residenti in Cina. Può ritenersi al riguardo emblematico altresì il recente arresto di cinque cittadini cinesi accusati dal Dipartimento di Giustizia USA di collaborare con il Ministero della Sicurezza di Stato agli ordini di Xi Jinping per lo svolgimento di attività di sorveglianza effettuata nei confronti di dissidenti politici di Pechino residenti a New York.

Le contromisure Usa

Anche per tale ragione, nel tentativo di arginare la lesività di tali attacchi che rappresentano un pericolo non solo per le persone destinatarie (nella qualità di dirette vittime coinvolte), ma soprattutto, come sofisticata tecnica di controspionaggio, per la stabilità interna del Paese, gli USA stanno passando alle necessarie contromisure. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, in collaborazione con l’FBI (si segnala, al riguardo, la parallela iniziativa elaborata per combattere la “repressione transnazionale digitale”) ha inserito svariate società di sorveglianza nella sua “Entity List”, che limita il relativo flusso di affari ove pregiudizievole alla sicurezza nazionale e/o agli interessi di politica estera degli Stati Uniti. In attuazione di una corposa regolamentazione vigente in materia, la cd. “Entity List” contiene un elenco di persone fisiche e giuridiche straniere (comprensivo di imprese, istituti di ricerca, organizzazioni governative e private) che sono soggette a stringenti restrizioni per l’esportazione e il trasferimento di beni e prodotti.

Il fenomeno del cyber mercenarismo

Peraltro, nonostante la rilevanza che sta assumendo tale fenomeno e l’impegno politico a prevenirne le insidiose ripercussioni, la repressione digitale ubiquitaria sembra ancora manifestare dimensioni verosimilmente sottostimate a fronte di un generale “lato oscuro” destinato a trovare terreno fertile nell’ambiente digitale.

In Rete prolifera, infatti, il cosiddetto “cyber-mercenarismo” volto al reclutamento massivo di compagini militari private, composte da combattenti stranieri qualificati ed esperti professionisti provenienti da varie parti del mondo, in grado di fornire anche un’ampia gamma di servizi di sicurezza, nonché effettuare sofisticate operazioni informatiche a distanza – offensive o difensive – mediante l’uso di spyware, malware, strumenti di intelligenza artificiale e di sorveglianza per scopi illeciti, compresa la raccolta di dati e lo spionaggio, al fine di combattere in contesti ibridi di “cyberwar” e destabilizzare l’equilibrio politico dei Paesi presi di mira. Una recente inchiesta pubblicata sempre dal MIT – Tecnhology Review, avrebbe scoperto l’esistenza di almeno 50.000 utenti presi di mira su Facebook da mercenari informatici arruolati nell’ambito del cd. “l’hacking su commissione” che consente di compiere intrusioni sulla vita delle persone, prendendo di mira le vittime (aziende, dirigenti, attivisti, giornalisti e personaggi pubblici).

I “cyber-mercenari” nuova insidia dell’ambiente digitale: chi sono e i rischi che corriamo

Potrebbe anche esprimere la medesima “ratio” destabilizzatrice la misteriosa “Sindrome dell’Avana” che, nel recente passato, ha colpito circa 200 funzionari statunitensi in servizio presso varie strutture diplomatiche USA, a causa di uno strano disturbo neurologico presumibilmente provocato da “effetti dell’energia a radiofrequenza diretta e pulsata” in grado di causare alternazioni invisibili del sistema nervoso esposto a processi degenerativi di danneggiamento, senza lasciare traccia nel tempo, talvolta culminanti anche in lesioni cerebrali traumatiche permanenti, al punto da indurre il governo degli USA ad emanare la legge “Havana Act”, (“Helping American Victims Afflicted by Neurological Attacks Act”), approvata lo scorso ottobre 2021 proprio per rafforzare il supporto medico riservato ai pazienti colpiti da tale malattia, allertando contestualmente la National Security Agency per i dovuti consequenziali approfondimenti.

Non vi è dubbio che il dilagante lato oscuro del cosiddetto “autoritarismo digitale” sta cominciando anche a sfociare in pericolose forme di sorveglianza extraterritoriale e repressione globale ben oltre i confini nazionali degli Stati a discapito di oppositori politici, dissidenti e attivisti presi di mira e facilmente localizzabili in qualsiasi momento dai regimi autoritari, senza più la possibilità di assicurare spazi di protezione al riparo dagli attacchi dei Paesi ostili.

A tali generali pericoli cui risulta esposto l’esercizio delle libertà fondamentali (come garanzia di tutela configurabile nell’interesse della collettività complessivamente considerata) si aggiungono ulteriori ripercussioni sociali e psicologiche che si manifestano, a livello individuale, nella vita delle vittime, le quali subiscono gli effetti di una vera e propria “guerra emotiva” parallela dalle preoccupanti implicazioni, aggravate da uno stato di autocensura e isolamento personale destinato ad incidere sul benessere psico-fisico, sulla salute individuale e sulle prospettive professionali configurabili nel medio-lungo termine, come rileva un recente studio di Citizen Lab.

Repressione digitale mondiale, mano invisibile del potere autoritario

La “repressione transnazionale digitale” può essere quindi considerata la “mano invisibile” negli spazi transnazionali, delle politiche di censura in grado di mettere in pericolo su scala planetaria la tutela dei diritti umani.

Un’interessante ricognizione di FreedomHouse descrive la portata concreta che la “repressione transnazionale digitale” sta assumendo, segnalando, come episodi che vengono percepiti come sempre più “normali”, frequenti casi di scomparse misteriose e improvvise, omicidi irrisolti, rapimenti organizzati nonostante la notevole distanza del luogo in cui si trova la vittima, frequenti minacce telefoniche, a dimostrazione del perfezionamento di tecniche aggressive per consentire agli Stati di esercitare un costante controllo sui propri cittadini a prescindere dalla loro residenza geografica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4