La proposta di Direttiva

Risarcibilità dei danni dell’intelligenza artificiale, la svolta è vicina in Europa

Il 28 settembre la Ue ha pubblicato la proposta di Direttiva sulla responsabilità derivante da sistemi di IA: l’AI Liability Directive. Dovrebbe servire innanzitutto a garantire una maggiore certezza del diritto per le imprese, ma anche e soprattutto a dare garanzia di una tutela effettiva dei danneggiati. Vediamo come

20 Ott 2022
Marco Martorana

avvocato, studio legale Martorana, Presidente Assodata, DPO Certificato UNI 11697:2017

Zakaria Sichi

Avvocato praticante, ‎Studio Legale Martorana

intelligenza artificiale pregiudizio

La risarcibilità dei danni derivanti dall’utilizzo di dispositivi di intelligenza artificiale è uno dei temi più controversi nel campo delle nuove tecnologie, tra lacune, inapplicabilità delle norme vigenti e problematiche interpretative. Ma una recente proposta della Commissione europea potrebbe condurre a una svolta.

The existing legal framework on civil liability (Anna Italiano)

Intelligenza artificiale e adeguamento delle regole

Prendiamo il caso di un soggetto che acquista un dispositivo casalingo basato sull’intelligenza artificiale, e che questo provochi dei danni più o meno importanti all’impianto elettrico, ai mobili, ad altri elettrodomestici, e così via. Le normative vigenti sono idonee a coprire i consumatori dai danni causati dai dispositivi di intelligenza artificiale? Oppure dobbiamo prendere atto della necessità di aggiornare le nostre regole in modo da renderle adeguate allo scopo?

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

Bisogna partire dal principio per cui lo sviluppo tecnologico implica l’adeguamento delle regole a contesti in evoluzione, dove le norme del passato non sono sempre più insufficienti per governare il futuro.

Soprattutto in materia di tutela risarcitoria del consumatore per danni cagionati dall’AI, fino ad oggi si è cercato – con scarso successo – di reperire una disciplina applicabile tra le regole vigenti.

Le norme in tema di responsabilità civile nascono infatti per regolamentare le conseguenze del comportamento umano, di soggetti sensienti e capaci di prendere decisioni pienamente autonome. L’intelligenza artificiale è invece un oggetto, certamente molto avanzato, ma comunque uno strumento il cui funzionamento si basa sull’elaborazione grandi quantità di dati immessi dall’esterno. Pertanto, non solo presenta caratteristiche uniche e inedite, ma il ruolo dell’uomo è a vario titolo imprescindibile.

Oggi risulta quindi difficile imputare all’intelligenza artificiale una responsabilità giuridica per danni, rendendosi necessario individuare altre strade, con le relative ed inevitabili forzature.

Direttiva eu su responsabilità per danni da intelligenza artificiale: passo necessario per l’Europa

L’ipotesi del Parlamento europeo

Un primo tentativo di individuare una disciplina applicabile alla tutela risarcitoria per i danni cagionati dall’AI è arrivato dal Parlamento europeo con la Risoluzione del 20 ottobre 2020, con la quale è stata prospettata la possibilità di ricorrere alla Direttiva 85/374/CEE.

La menzionata normativa prevede la cosiddetta responsabilità oggettiva del produttore, che scatta in presenza di un difetto riscontrato sul prodotto e dal quale derivi, quale conseguenza diretta ed immediata, un danno a una persona fisica o a una cosa.

Tuttavia, ai fini del risarcimento, il soggetto danneggiato dovrebbe fornire la prova del danno, del difetto e del nesso di causalità, ossia che il primo è conseguenza del secondo.

Nell’ipotesi in cui il danneggiato sia in grado di dare dimostrazione della sussistenza di tutti gli elementi sopra indicati, questo risulterebbe sufficiente ai fini dell’obbligo di risarcimento posto in capo al fabbricante.

Al contempo, a titolo di prova liberatoria, il produttore deve invece dimostrare, in base al cosiddetto rischio di sviluppo, l’imprevedibilità del difetto al momento della messa in circolazione o la sua sopravvenienza.

Il fabbricante non è però soltanto colui il quale realizza materialmente il prodotto ma, in tale categoria, sono inclusi, oltre all’importatore in UE, tutti coloro i quali appongono il proprio marchio o altri segni distintivi sul prodotto, in modo tale da indurre i consumatori a ritenere che detto prodotto sia riconducibile a tali soggetti.

Secondo l’art. 6 della Direttiva 85/374/CEE, poi, “un prodotto è difettoso quando non offre la sicurezza che ci si può legittimamente attendere tenuto conto di tutte le circostanze, tra cui: a) la presentazione del prodotto, b) l’uso al quale il prodotto può essere ragionevol­mente destinato, c) il momento della messa in circolazione del prodotto”.

Ora, benché il tentativo sia apprezzabile, presenta un problema di fondo molto rilevante.

Il primo risiede nell’onere della prova imposto al consumatore ai fini della tutela risarcitoria. Infatti, è abbastanza improbabile che l’utente comune possa fornire la prova della difettosità, del danno e del nesso causale per prodotti tecnologicamente così complessi come i dispositivi basati sugli algoritmi. Una impostazione di questo tipo sarebbe anche difficile da combinare con il futuro Regolamento europeo sull’AI, che mette al centro della tutela la persona e che soprattutto mira ad accrescere la fiducia degli utenti nei confronti delle nuove tecnologie, missione quasi impossibile imponendo un onere probatorio così arduo a carico del consumatore finale.

L’EDPB aveva già le idee chiare

Altre indicazioni in merito alla tutela risarcitoria dei danni causati dall’AI è arrivata il 22 febbraio 2022 dall’European Data Protection Board che, tenendo conto della proposta di Regolamento, ha scritto una lettera diretta all’On. Didier Reynders, commissario europeo della giustizia nella Commissione, per rivolgere all’esecutivo comunitario una serie di raccomandazioni, richiamando anche il precedente parere congiunto redatto con l’European Data Protection Supervisor.

Dal testo si evince che l’Autorità accoglie con favore e positività l’iniziativa, ciononostante il Comitato evidenzia alcuni aspetti. Due in particolare.

In primo luogo, viene evidenziato un elemento problematico, che riguarda la distinzione tra le figure coinvolte. Più precisamente, l’EDPB sottolinea la necessità di chiarire bene i ruoli dei produttori e dei fornitori di sistemi di intelligenza artificiale, così da consentire una corretta attribuzione di responsabilità sia in termini di protezione dei dati sia in termini di responsabilità civile.

L’EDPB, secondariamente, evidenzia l’opportunità di assicurare agli utenti la maggiore trasparenza possibile riguardo all’impiego di sistemi di AI attraverso idonee informazioni sui meccanismi di elaborazione dei dati. Questo – benché complesso – avrebbe l’utilità di consentire al consumatore comune di avere maggiore contezza del funzionamento delle tecnologie, in modo tale da saper anche distinguere tra eventuali malfunzionamenti dovuti a suoi errori, e malfunzionamenti dovuti a un difetto di produzione.

Infine, l’aspetto forse più rilevante. L’EDPB sottolinea anche che la nuova normativa sulla responsabilità civile dovrebbe essere a sé stante, dotata di una propria autonomia, senza cioè renderla una mera appendice del Regolamento sull’AI, ma un vero e proprio corpus distaccato da esso.

La proposta di Direttiva della Commissione: svolta vicina?

La normativa autonoma di cui parlava l’EDPB nella sua lettera, ha iniziato il suo iter il 28 settembre scorso, quando la Commissione ha pubblicato la proposta di Direttiva sulla responsabilità derivante da sistemi di IA, nota come AI Liability Directive. La proposta, formata da 33 Considerando e 9 articoli, arriva oltre un anno dopo la precedente proposta di Regolamento sull’AI, l’Artificial intelligence Act, che però non contempla una disciplina diretta della responsabilità civile.

Come dichiarato dalla stessa Commissione, la Direttiva mira in prima battuta ad un ammodernamento delle regole vigenti. Questo dovrebbe servire innanzi tutto a garantire una maggiore certezza del diritto per le imprese, le quali avranno quindi una base di norme più chiara e solida che possa orientare la loro attività. Dall’altro lato, lo scopo è anche e soprattutto la garanzia di una tutela effettiva dei danneggiati, i quali potranno ottenere un equo risarcimento per i danni causati da prodotti difettosi.

In secondo luogo, l’altro obiettivo è quello di un’armonizzazione mirata delle norme nazionali in materia di responsabilità aquiliana.

Tuttavia, come precisato dal Considerando n. 10, l’armonizzazione non toccherà gli aspetti generali della responsabilità civile regolata in modo differente nei vari Stati membri come, per esempio, la definizione di colpa o i differenti tipi di danno.

Quanto alla sostanza della normativa, nonché vero e concreto cambiamento, questa muove dalla indispensabile presa di coscienza circa l’inadeguatezza delle regole odierne. Questo è chiaramente espresso dal Considerando n. 3, dove si prende atto del fatto che quando un danneggiato chiede il risarcimento del danno subito, i regimi generali degli Stati membri in materia di responsabilità civile richiedono che questi provi la condotta colposa del presunto responsabile del danno, che quest’ultimo si è realizzato, e infine la prova del nesso di causalità tra detta condotta e detto danno. Tuttavia, precisa il Considerando, quando l’IA si pone tra l’atto o l’omissione di una persona e il danno, le caratteristiche specifiche di alcuni sistemi di IA, come l’opacità, il comportamento autonomo e la complessità, possono rendere eccessivamente difficile, se non impossibile, per la parte lesa adempiere a questo onere di prova. In particolare, può essere eccessivamente difficile provare che uno specifico dato inserito dal potenziale responsabile abbia fatto produrre al sistema di IA un risultato specifico che ha causato il danno in questione. In altri termini, sono le stesse osservazioni fatte in relazione all’applicazione della Direttiva 85/374/CEE.

Il fulcro della normativa si rinviene quindi nella disciplina dell’onere della prova.

A tal proposito, l’articolo 3 della proposta, con riferimento ai c.d. sistemi di intelligenza artificiale “ad alto rischio”, prevede che gli Stati debbano attuare meccanismi procedurali per consentire ai giudici di ordinare al produttore di fornire gli elementi di prova strettamente necessari nel caso in cui vi sia il sospetto che tale sistema ad alto rischio abbia causato il danno asserito da un determinato consumatore. Sarebbero poi previste anche varie accortezze per la conservazione di tali prove. Dopodiché, se il produttore non dovesse rispettare tale ordine, il Giudice dovrebbe considerare provata la colpa.

Una presunzione di causalità in favore del consumatore danneggiato

Ma la principale novità prevista dalla proposta riguarda l’introduzione di una presunzione di causalità in favore del consumatore danneggiato. Ciò significa che il giudice potrà presumere il nesso di causalità tra la colpa del convenuto e il risultato dannoso prodotto dal sistema di AI quando sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni: l’attore ha dimostrato o il giudice ha presunto, ai sensi dell’articolo 3, comma 5 (ossia il produttore ha essenzialmente rifiutato di conservare o divulgare gli elementi di prova detenuti), la colpa del convenuto o di una persona il cui comportamento ricade sotto la sua responsabilità, consistente nella violazione di un dovere di diligenza previsto dalla legge dell’Unione o legge nazionale diretta a tutelare direttamente dal danno verificatosi; si può ritenere ragionevolmente probabile, tenuto conto delle circostanze del caso, che la colpa abbia influenzato il “comportamento” del sistema di IA o l’incapacità del sistema di IA di produrre un esito; il ricorrente ha dimostrato che il risultato del sistema di IA o il mancato risultato del sistema di IA ha causato il danno. Un aspetto non trascurabile, però, è che saranno previste regole diverse a seconda che il convenuto sia un produttore o un fornitore, dove per quest’ultimo sarà adottato un approccio diverso, meno stringente.

In ogni caso, è chiaro che il convenuto potrà sempre fornire una prova liberatoria ed esonerarsi da responsabilità, anche se possiamo già essere certi che, con la futura Direttiva, l’onere probatorio più rigido spetterà al soggetto convenuto al fine di tutelare maggiormente il consumatore, cercando soprattutto di evitagli l’adempimento di oneri che non può legittimamente sopportare.

Conclusioni

Come annunciato dalla Commissione stessa, la proposta di Direttiva dovrà ora essere adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

Inoltre, si stabilisce che, cinque anni dopo l’entrata in vigore della Direttiva sulla responsabilità da intelligenza artificiale, la Commissione valuterà l’adozione di altre norme in materia di responsabilità oggettiva per le azioni connesse all’IA, se necessario.

Quest’ultimo aspetto sembra marginale, ma in realtà non lo è. Si parla infatti di analizzare gli effetti della Direttiva a distanza di 5 anni dall’entrata in vigore, con l’ipotesi, addirittura, di riaggiornarla.

Possiamo dire che si tratta di una buona notizia, specialmente dopo che si era ipotizzato di regolamentare la responsabilità civile per danni causati dall’IA con una Direttiva del 1985. Basti pensare che, pochissimo tempo prima dell’entrata in vigore di quella normativa l’ex CEO di Apple Steve Jobs presentava il primo Macintosh. Era il lontano 24 gennaio 1984. Insomma, non servirebbe nemmeno la conoscenza approfondita di quella Direttiva per dedurne la probabile inadeguatezza. La proposta della Commissione, quindi, unita alla prospettiva di un monitoraggio dei risultati, sono un ottimo punto da cui partire. Nell’attesa, naturalmente, dei prossimi sviluppi.

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3