Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

lo studio

Servizi PA, Polimi: “Questi i due assi dell’Italia per superare il ritardo digitale”

28 Nov 2017

Michele Benedetti

Giuliano Noci

Politecnico di Milano


Le performance negative dell’Italia nell’eGovernment- come risulta dal nuovo rapporto UE –  sono frutto di una combinazione di condizioni di contesto sfavorevoli, come si evince dall’esercizio sul Benchlearning descritto nel report dove l’Italia è notevolmente sotto la media su 3 dei 5 macroindicatori definiti (Digital Skills, ICT usage, Quality and Connectivity), e delle difficoltà a gestire in modo coordinato il processo di innovazione e cambiamento della PA anche a causa della frammentazione delle autonomie che sino ad oggi ha significato anche frammentazione dell’offerta di servizi.

Il futuro però fa ben sperare perché oggi stiamo assistendo a due fenomeni che vanno nella stessa direzione.

Da una parte il Centro, con il Team Digitale e l’AgID, che ha dato segnali tangibili della volontà di coordinare e sostenere il processo di innovazione della PA attraverso azioni concrete quali lo sviluppo di piattaforme centralizzate e il supporto alla loro adozione. Dall’altra, un’azione dal basso, promossa e alimentata dal Pon Metro e dal Pon Governance, che sta portando sempre più le Regioni e gli Enti Locali a trovare meccanismi di coordinamento per utilizzare in modo più efficace ed efficiente le risorse, non solo economiche, a propria disposizione. L’Italia, che parte quindi svantaggiata rispetto alla gran parte dei Paesi europei, sembra quindi stia trovando la sua strada per recuperare il gap con l’Europa.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link