L'approfondimento

Siamo tutti più smemorati, colpa degli smartphone? Gli studi

Secondo alcuni studi scientifici, la nostra propensione a delegare parte della memoria a dispositivi digitali esterni sta causando un fenomeno che gli esperti definiscono amnesia digitale. Ecco cosa succede a fare eccessivo affidamento su smartphone e alert per ricordarci quali attività dobbiamo svolgere

15 Lug 2022
Mirella Castigli

ScenariDigitali.info

Fenomeno amnesia digitale

L’amnesia digitale sta dilagando. “Non ricordo più nulla” è la frase che ricorre più spesso nelle conversazioni con amici e conoscenti. Secondo alcuni studi scientifici, la nostra propensione a delegare parte della nostra memoria a dispositivi digitali esterni sta erodendo le nostre capacità mnemoniche.

A fare eccessivo affidamento sullo smartphone e alert per ricordarci quali attività dobbiamo svolgere, stiamo alimentando quel fenomeno che gli esperti definiscono amnesia digitale ovvero il modo in cui i nostri ricordi funzionano. Ecco di cosa si tratta il nuovo sintomo da smartphone-addiction.

“Sta emergendo che il telefono cellulare ci toglie l’attenzione”, commenta Giuseppe Riva, ordinario di Psicologia della comunicazione all’Università Cattolica di Milano.

L’oggetto plusgodere: da dove vengono i sintomi dell’era tecnologica

Il rischio di amnesia digitale

E “l’attenzione è fondamentale per il consolidamento nella memoria episodica delle nostre esperienze quotidiane: senza attenzione quello che facciamo ci scivola via e non ci rimane niente”, dice Riva.

WHITEPAPER
Migliora le performance del tuo business online con una Multi-CDN: Scarica il White Paper
Marketing
Networking

“Da questo punto di vista”, aggiunge l’esperto, “il rischio più grande è il continuo multitasking in cui l’uso del cellulare si accompagna ad altre attività, come per esempio il saggio di fine d’anno del figlio o la riunione di lavoro. L’attenzione sul telefono e i suoi contenuti non ci permette di focalizzare l’attenzione su quello che sta avvenendo contemporaneamente, svuotandolo di senso. Il rischio è quello di giornate che ci sembrano sempre più vuote e poco rilevanti”.

In questo scenario, il collasso della memoria, il fenomeno dell’amnesia digitale ci appaiono come una giustificazione alla nostra eccessiva inclinazione a delegare alla tecnologia. Inoltre, ci sembra di avere più memoria in tasca, dentro la Ram del nostro smartphone, che nel nostro cervello.

Stiamo dunque perdendo le nostre capacità mnemoniche per affidarci troppo agli smartphone? Eppure, fino a dieci anni fa, tutti sapevamo a memoria i numeri di familiari ed amici e non ci saremmo aspettati di chiedere a un dispositivo digitale di fare ciò che eravamo in grado di fare alla perfezione. La nostra mappa cognitiva, costruita nel tempo ci consentiva di navigare, ma la bussola è svanita nell’era degli smartphone e della nostra device-addiction.

Gli studi scientifici su smartphone e memoria

I nostri cervelli e i nostri smartphone formano una complessa rete di interazioni. Ma l’impatto degli smartphone sulla vita, cominciato dagli anni 2000, si è intensificato nel corso della pandemia. Come l’uso di Internet e di app ha accelerato nei lockdown, anche questo fenomeno ha messo il turbo.

Inoltre, prolungati periodi di stress, isolamento ed esaurimento, la percezione di sentirsi esausti, hanno avuto un impatto forte sulla nostra memoria.

Da una ricerca del 2021 a firma di Catherine Loveday, ricercatrice della memoria, emerge che l’80% afferma che la memoria è uscita peggiorata dalla pandemia. Siamo tutti in frantumi non solo a causa del Covid-19, ma anche a causa delle notizie che arrivano dal mondo.

Inoltre, in molti usiamo le distrazioni come i social media come rimedi anti-stress. Dunque, quello scrolling infinito, a volte, crea angoscia, mentre le notifiche degli smartphone e le nostre auto-interruzioni a caccia di notifiche, hanno un impatto su cosa, come e se ricordiamo.

Persino, l’uso degli smartphone potrebbe modificare il cervello, secondo lo studio ABCD condotto su oltre 10 mila bambini americani fino all’età adulta. “C’è una relazione fra l’uso della tecnologia e l’assottigliamento corticale” spiega Larry Rosen che studia social media, tecnologia e cervello. “I giovani più tecnologici hanno una corteccia più sottile, simile alla terza età”, infatti è associata alle malattie degenerative come Parkinson e Alzheimer.

Neuroscienziati divisi sull’amnesia digitale

Chris Bird, professore di neuroscienze cognitive nella School of Psychology dell’University of Sussex, a capo
di una ricerca dell’Episodic Memory Group, afferma che “da sempre scarichiamo cose su dispositivi esterni, come la scrittura di annotazioni, e ciò aiuta done e uomini a vivere vite complesse”. Dunque “non ho un problema ad usare dispositivi esterni per aumentare i processi mentali o mnemonici”.

“Lo facciamo di più, tuttavia questa attitudine ci libera tempo per concentrarci, focalizzarci e ricordare altre cose”. In effetti, le cose da memorizzare che affidiamo ai telefoni sono cose difficili da ricordare per la maggior parte degli esseri umani. “Fotografo il mio biglietto del parcheggio per ricordami dove ho posteggiato: un’informazione arbitraria. I nostri cervelli non sono evoluti per ricordare informazioni altamente specifiche e usa-e-getta. Prima dell’era degli smartphone, compivamo uno sforzo per ricordarci come tornare all’auto”.

Oliver Hardt, che studia la neurobiologia della memoria alla McGill University di Montreal, esprime invece maggiore cautela: “Una volta che cessiamo ad usare la memoria, peggiora”, rendendoci ancora più schiavi dei nostri device. “Li utilizziamo per ogni cosa. Se cerchiamo una ricetta, basta cliccare su un pulsante per ricevere l’elenco degli ingredienti sullo smartphone. Dunque, è conveniente, ma la convenienza ha un prezzo. Sarebbe meglio che continuassimo a fare alcune cose da soli.”

Il caso del GPS e dei processi cognitivi

Hardt afferma che “prevediamo che l’utilizzo prolungato del GPS ridurrà la densità della materia grigia nell’ ippocampo. La sua riduzione di densità in quest’area provoca una varietà di sintomi come il rischio di depression ed altre psicopatologie, ma perfino forme di demenza”.

I sistemi dei navigatori basati sul GPS non ci richiedono di formare complessa mappa geografica. Invece, ci dicono solo come orientarci, con istruzioni come ‘Gira a sinistra al prossimo semaforo’. Queste risposte comportamentali semplici (‘Gura a sinistra’) a certi stimoli (al ‘semaforo’) sono comportamenti spaziali che non coinvolgono molto l’ippocampo, a differenza delle strategie spaziali che richiedono la conoscenza di una mappa geografica, in cui collocare ogni punto, arrivando da ogni direzione: richiede cioè computazioni cognitivamente complesse.

Quando esploriamo le capacità spaziali di persone che usano il GPS a lungo, osserviamo menomazioni nelle capacità della memoria spaziale che affliggono l’ippocampo. Leggere una mappa è difficile affidarsi ai dispositivo è comodo. Ma fare cose difficili ci fa bene, perché coinvolge processi cognitivi e strutture cerebrali che hanno altri effetti sul generale funzionamento cognitivo”.

Il rischio di demenza è elevato

Hardt non ha ancora i dati, ma crede che “i costi potrebbero essere elevatissimi: è enorme l’aumento del rischio di demenza. Meno usiamo la nostra mente, meno utilizziamo i sistemi responsabili di complicati processi come la memoria episodica o flessibilità cognitiva, dunque più aumenta il rischio di sviluppare la demenza”

“Esistono studi che per esempio mostrano come raramente si sviluppa la demenza per un professore universitario e la motivazione non è che sono più intelligenti, ma che anche da anziani compiono attività che richiedono l’uso della mente”. Tuttavia, sono in disaccordo altri scienziati come Daniel Schacter, psicologo di Harvard che ha scritto i “Seven Sins Of Memory: How The Mind Forgets and Remembers”, che ritiene che solo il GPS sono “task specific”.

Occorre prestare attenzione per ricordare ed evitare l’amnesia digitale

Mentre gli smartphone aprono le porte a nuove opportunità di conoscenza, ci allontanano dal vivere il presente come una giornata bellissima, di cui non abbiamo esperenza a causa del capo chino sul display. Quando non facciamo un’esperienza, non riusciamo a ricordarla e ciò potrebbe limitare la nostra capacità di avere nuove idee ed essere creativi.

Neuroscienziati e ricercatori della memoria come Wendy Suzuki hanno parlato di questi temi nel podcast di neuroscienza dell’Huberman Lab: “Se non ricordiamo cosa abbiamo fatto, le informazioni acquisite dagli eventi ci cambiano… [La parte del cervello che ricorda] davvero definisce le nostre storie personali e dunque chi siamo”.

Catherine Price, autrice scientifica e del libro “How to Break Up With Your Phone” aggiunge: “Ciò a cui prestiamo attenzione nel momento si aggiunge alla nostra vita. I nostri cervelli non sono multitask, anche se crediamo l’opposto. Ma anche quando il multitasking sembra avere successo è solo perché una delle attività, in cui eravamo impegnati, non richiedeva attività cognitive come fare la lavatrice o ascoltare la radio. Quando prestiamo attenzione allo smartphone, rinunciamo a tutto il resto. Dunque ricorderemo solo ciò cui prestiamo attenzione, mentre non ricorderemo il resto”.

La neuroscienziata di Cambridge Barbara Sahakian ha dimostrato questi concetti in un esperimento del 2010, in cui tre differenti gruppi erano dediti alla lettura: uno aveva usato l’instant messaging prima di iniziare, uno durante la lettura e un altro aveva evitato l’instant messaging. Al ‘comprehension test’ risultò che chi utilizzava l’instant message non ricordava nulla di ciò che aveva letto”.

Price esprime preoccupazione per la distrazione indotta da smartphone: viviamo un una “continua attenzione parziale” secondo l’esperta Linda Stone. Del resto, nessuno usa il tempo liberato dalle app di mobile banking per scrivere poesie, ma ci limitiamo a consumare passivamente storie e post su Instagram. Se Benjamin Franklin fosse stato su Twitter, non avrebbe scoperto nulla”, afferma Stone.

“Le distrazioni costanti causate dai device invece potrebbero avere un impatto sulla nostra capacità di accumulare ricordi e trasferirli in uno storage a lungo termine, ostacolando il pensiero profondo e i pensieri interessanti: le continue notifiche distraggono e producono modifiche fisiche che impattano sulla memoria”.

Price teme dunque che gli smartphone possano danneggiare la creatività intellettuale, perché essere creativi necessita la presenza di materiale grezzo nel cervello, ed è come non poter fare una ricetta senza gli ingredienti. Non ci sarà insight senza materiale nel cervello e senza ricordi a lungo termine”.

Il 92enne Premio Nobel, il neuroscienziato e bio-chimico Eric Kandel supporta questa tesi. Infatti ha studiato come le distrazioni affliggono la memoria. Lo psicologo Larry Rosen, co-autore con la neuro-scienziata Adam Gazzaley di “The Distracted Mind: Ancient Brains in a High-Tech World,” aggiunge infatti che le “distrazioni continue impediscono di codificare informazioni nella memoria”.

Conclusioni

Gli smartphone dirottano la nostra attenzione. Per Oliver Hardt, sono una vulnerabilità nella nostra biologia, dal momento che gli esseri umani sono animali molto vulnerabili e l’unico motivo per cui non ci siamo estinti è il nostro cervello superiore, che ci ha evitato di incontrare predatori e ci aiuta a trovare cibo, prestando grande attenzione all’ambiente in cui viviamo”

Non possiamo fare multitask. Quando ci focalizziamo su qualcosa è un meccanismo di sopravvivenza, una reazione a un breve stress che attiva il sistema nervoso simpatico. Ottimizza le capacità cognitive e ci prepara a ciò che ci aspetta, come nella giungla”. Ma 30 mila anni dopo, non è più così utile e le notifiche sono un segnale nella foresta.

Nessuno vuole vietare gli smartphone, ma forse dovremmo preoccuparci del loro impatto sulla memoria.
Rosen propone come possibile soluzione per evitare questi rischi cognitivi, i “tech break”: non usare il telefonino per un minuto e poi impiegarlo per altri 15 minuti. Silenziarlo e non guardare il display nel minuto di tech break e continuare così alzando i 15 minuti a 20, fino a raggiungere i 60 minuti.

Ognuno di noi deve trovare uno “screen/life balance per gestire lo smartphone e non lasciarci fagocitare dal telefonino. Per il bene della nostra memoria e la nostra salute mentale.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: cos'è e perché apre una nuova era per i marketer
Big Data
CRM
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3