tecnologie e società

Smartphone “pigliatutto”: i rischi che sottovalutiamo

Con lo smartphone abbiamo tutto nel palmo di una mano, dai soldi al badge per entrare a lavoro fino (negli Usa) alla patente di guida. Un vantaggio non da poco, ma non scordiamoci la privacy

27 Set 2021
Maurizio Stochino

Consulente ICT - Esperto di Sicurezza Informatica

social smartphone

L’impossibilità di contatto umano cui, negli ultimi tempi, ci ha costretti la pandemia, ha reso necessarie numerose misure atte a garantire comunque la comunicazione e lo scambio interpersonale e ha fatto sì che processi già in atto da tempo abbiano subito una drastica accelerazione per venire incontro alla crescente domanda di interazione a distanza.

È qui che lo smartphone è diventato il vero re delle nostre giornate, unico filtro tra noi e il resto del mondo. La possibilità di adoperare un oggetto che già si tiene sempre in mano anche per altre funzionalità, oltre la “semplice” comunicazione, non ha trovato molti oppositori, anzi ha trovato terreno fertile in chi preferisce avere sottomano, letteralmente, tutto ciò di cui ha bisogno, senza dover cambiare device o ricordarsi di prendere qualcosa in particolare prima di uscire di casa.

Attenti a quell’app: se la salute a portata di smartphone ci “cronicizza” la vita

Uno dei vantaggi di questo approccio è, appunto, quello di avere tutto nel palmo di una mano, senza il bisogno di ricordarselo volta per volta quando se ne ha la necessità. Oltre a questo, il vantaggio di inglobare altre funzioni, per così dire, serie, all’interno di qualcosa che si associa spesso allo svago (vedi social, giochi, passatempi), aiuta ad evitare il rischio di dimenticare o smarrire qualcosa. Aggiungiamoci il fatto che lo smartphone è un dispositivo elettronico che possiede delle caratteristiche che sono in grado di localizzarlo qualora venisse perso, o di bloccarne l’utilizzo qualora venisse rubato, ed ecco che ci si trova di fronte a qualcosa che appare più sicuro di qualsiasi altro supporto analogico.

Il concetto di wallet

In inglese il termine wallet significa letteralmente portafoglio. L’associazione tra smartphone e portafoglio nasce proprio dal fatto che i primi tentativi di digitalizzazione hanno riguardato proprio ciò che normalmente si tiene all’interno. Si è partiti con i soldi: una delle loro caratteristiche è che sono sempre al centro di tutto, e negli anni sono sempre stati i primi ad essere interessati dalle novità.

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP

A partire dall’invenzione della carta moneta, fino a quella delle carte di credito, l’inventiva umana ha sempre puntato in primis alla gestione e soprattutto alla circolazione dei soldi. Tra le prime cose che si sono trasferite dall’analogico al digitale sono state le operazioni bancarie: comode sia per l’istituto di credito che per il cliente, hanno subito preso piede tra gli utenti, tanto da permettere di ridurre drasticamente i contatti personali per lo sbrigo di pratiche di routine bancarie.

Lo stesso approccio è stato usato anche dopo, puntando sempre di più verso una moneta elettronica che soppiantasse quasi totalmente il contante attraverso le carte di credito; carte di credito che ormai si stanno tutte trasferendo direttamente all’interno degli smartphone smaterializzando non solo il contante, ma qualsiasi associazione tra denaro ed oggetti fisici.

Ma il concetto di wallet si può ampliare ormai. Già all’interno di un normale portafoglio troviamo altro oltre i soldi, come ad esempio i documenti personali quali carta di identità e patente di guida, oppure certificati e documenti. Ma il concetto si sta ulteriormente allargando, tanto che il termine wallet ormai appare superato viste le potenzialità di gestione e contenimento che hanno gli smartphone. Tutto ciò che può essere digitalizzato, cioè ogni tipo di documento, ogni cosa che necessita di un supporto cartaceo, oggi può essere trasformato in formato digitale ed essere contenuto all’interno di uno smartphone.
Quindi il termine wallet ormai racchiude all’interno una rosa di cose che non può più essere associato al semplice portafoglio.

Lo smartphone e il denaro

Come si è detto, la prima cosa tra gli oggetti quotidiani ad essere stata digitalizzata sono stati i soldi. Questo è successo per un motivo molto pragmatico e soprattutto ambivalente: chi desidera che i soldi che abbiamo in tasca vengano spesi ha notato che spendere soldi, almeno all’inizio di questo concetto, senza toccarli materialmente, è più semplice e quindi ne spendiamo di più; chi possiede quei soldi ha notato che è più comodo gestirli così piuttosto che avere dei contanti limitati sempre in tasca.

Ma già questo era evidente con l’avvento delle carte di credito, o meglio del bancomat, che permetteva di gestire i soldi già in un formato non più analogico e che permetteva di averli sempre a disposizione.

L’ulteriore salto è stato fatto grazie agli smartphone: già usati per l’internet banking, si è deciso di usarli anche come surrogati della carta di credito. Inoltre, man mano che l’e-commerce ha preso sempre più piede, la popolazione si è abituata a spendere attraverso il cellulare e attraverso internet ed il passo è stato breve.

Ne è un esempio la Cina: soprattutto nelle metropoli, i portafogli sono ormai un retaggio di un’altra epoca e le carte di credito vengono esse stesse viste come obsolete. La quasi totalità della popolazione, grazie anche ai vantaggi in termini di sicurezza assicurati agli esercenti, paga tutto attraverso app all’interno del proprio smartphone: la famosa Alipay, ma soprattutto WeChat, app che contiene all’interno sia una piattaforma di messaggistica istantanea (tipo Whatsapp) sia una piattaforma per i pagamenti, che permette agli utenti di imparare ed usare una sola app per due delle cose più comuni che le persone fanno ogni giorno.

Anche in occidente ormai questo tipo di pagamento sta prendendo piede, grazie ad Apple e a Google, che attraverso convenzioni con i circuiti tradizionali di pagamento, permettono di fare transazioni veloci solamente appoggiando lo smartphone sopra il ricevitore, senza dover digitare codici da imparare a memoria.

Nuove prospettive di utilizzo: driver license e work id

Oltre a questi modi di utilizzare lo smartphone, ormai dati per acquisiti all’interno della popolazione, ne stanno nascendo anche altri, sempre più integrati con la vita civile e che riguardano aspetti ufficiali dell’esistenza delle persone.
Con alterne vicende, già dal 2019 alcuni stati degli Stati Uniti d’America, hanno iniziato ad implementare le patenti di guida all’interno di app per lo smartphone. Adesso la Apple ha rilasciato, per la versione 15 di iOS, una funzionalità per la patente di guida, e in otto stati, a partire dall’Arizona e dalla Georgia, è possibile usare legalmente questa funzionalità.

Negli stati che lo consentono, è possibile scansionare la propria patente nel formato fisico all’interno del proprio iPhone’s Wallet. Per la verifica di corrispondenza tra patente ed intestatario viene chiesto di scattarsi un selfie che verrà inviato per la validazione. Viene chiesto di muovere il capo ed il viso per avere una panoramica completa e se il procedimento va a buon fine, la patente verrà caricata nel proprio Wallet digitale ed avrà validità come quella cartacea. Durante la procedura verranno autenticati anche i dati biometrici ottenuti tramite FaceId e TouchId, in modo da accoppiarli con la patente stessa.

Qualcuno si è posto il dubbio di cosa succede quando la patente deve essere esibita ad un poliziotto o al supermercato quando bisogna dimostrare la propria età. Le autorità hanno risposto che, benché in digitale non ci sia una rappresentazione visiva di quella che era la patente fisica, da questa si possono comunque tratte tutte le informazioni necessarie, ed essendo state validate con dei criteri definiti dalle autorità statali, saranno sufficienti per non incorrere in nessun tipo di problema.
Tuttavia, per quei casi in cui è prevista una lettura automatica di questo tipo di documento, bisognerà che tutti i dispositivi per la lettura vengano via via messi in grado di leggere anche il formato digitale, come ad esempio negli aeroporti. Si stima che per il 2022 questo sarà possibile; fino al allora si consiglia, in casi particolari come questo, di continuare a portare con se anche la patente in formato cartaceo.

Anche per i work-id, meglio conosciuti come badge, la transizione è in atto. Spesso capita che qualche dipendente dimentichi il proprio badge, o lo smarrisca, con conseguente impossibilità di accedere al posto di lavoro e noie burocratiche per farsene rilasciare un altro. La soluzione qui sembra molto più scontata. Sono già in fase di rilascio diverse app da parte di Apple e Android che sono in grado di fare lo stesso compito dei badge usando la connettività Bluetooth o NFC, in grado di comunicare facilmente con i dispositivi aziendali, diminuendo drasticamente i casi di smarrimento o dimenticanza. Inoltre una soluzione del genere, integrata dalla raccolta di elementi biometrici del personale, può aiutare ad eliminare il fenomeno dell’assenteismo, dove grazie al cartellino timbrato da un collega si riusciva a risultare sul posto di lavoro anche quando si era assenti.

Criticità

Come ogni cambiamento importante tra le abitudini umane, anche l’uso dello smartphone per così tanti compiti, può comportare delle criticità, almeno nelle prime fasi. Una delle più gravose, ma che è pressoché risolta, è quella della perdita dei dati. Possibile come quella che riguarda i documenti cartacei, questa problematica è stata ormai risolta grazie all’uso del cloud: letteralmente nuvola, questo procedimento permette di salvare ogni dato che entra all’interno dello smartphone in un luogo virtuale, che conserva questi documenti anche nel caso che la memoria fisica dello smartphone venga danneggiata, cancellata o distrutta.

Altro problema di più difficile soluzione è che l’uso di questi dati digitali è legato al funzionamento dello smartphone, che in alcuni momenti potrebbe risultare scarico e quindi non consentire l’accesso al suo interno e alle sue funzionalità. Tuttavia, è raro trovare un luogo in cui bisogna interagire con uno smartphone e che sia privo di una presa di energia, anche solo per un uso emergenziale. Inoltre, in commercio ormai si trovano svariati power bank, vere batterie portatiti, anche di piccole dimensioni, facilmente utilizzabili in situazioni del genere.

La privacy è anche un grande tema: la paura di essere derubati dei propri dati, specie se sensibili, è normale e non va sottovalutata. Molto spesso i problemi di privacy derivano da un uso non congruo di internet e dello smartphone. A volte basta un po’ di attenzione all’attendibilità di alcuni siti, evitando di accedervi e di inserire dei dati personali, per stare al sicuro. Inoltre, ormai esiste un mercato molto florido per la sicurezza informatica, in grado di garantire protezione per tutte le esigenze: antivirus, vpn, ecc. Come ogni ambito della vita, anche il mondo digitale necessita di accortezza e prudenza per essere usato al meglio.

Conclusioni

Come ogni cambiamento nella società, anche questo non può essere fermato o accelerato. Va per la sua strada sulla scia delle esigenze degli utenti, che in base alle circostanze saranno più o meno inclini ad accoglierlo o a respingerlo. Sicuramente ci sono delle cose da correggere, come in ogni cosa che presenti carattere di novità, ma la sensazione è che il cambiamento può essere utile e semplificare la vita. Un mondo più digitale e con meno carta, forse non è nemmeno una cattiva notizia per l’ambiente, tutto sommato.

WHITEPAPER
Come costruire l'ufficio tecnologico del futuro senza investimento iniziale
CIO
Cloud
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati