dipendenze

Social e salute mentale, come tutelare i ragazzi: verso un digitale psicologicamente virtuoso

Sono sempre più numerosi gli studi che riportano correlazioni certe o presumibili tra abuso dei social e l’acuizione di problematiche psicologiche, fisiche, esistenziali, soprattutto in fase adolescenziale. Ma cresce anche la consapevolezza che bisogna intervenire, anche sfruttando gli stessi strumenti digitali. Ecco come

05 Ago 2022
Luca Bernardelli

Psicologo, Autore del libro "Guida Psicologica alla Rivoluzione Digitale", CEO di BECOME. Augmented Life, Cofounder di BOWMAN - Data Matter

pixel tracking

Prima Facebook con l’hate speech, il cyberbullismo e le fake news, poi Instagram con il body shaming, Twitter con il FOMO (Fear of Missing Out), Snapchat con la dismorfia da filtri, Whatsapp con l’ansia da disconnessione, YouTube con l’insonnia digitale e ora TikTok con i tic.

L’abuso delle piattaforme social – come del resto ogni tipo di eccesso – si sta rivelando sempre più dannoso per la salute mentale delle persone, soprattutto dei più giovani.

La consapevolezza dei pericoli insiti in questo rapporto complesso sta portando alla crescente diffusione di app e videogame con obiettivi dichiaratamente terapeutici, spesso regolamentati da specifiche normative che consentono di definirli “terapie digitali, come, per esempio, avviene negli Stati Uniti e in Germania.

Social e salute mentale degli adolescenti: perché le nuove misure Instagram non convincono

Grazie all’attenzione rivolta a questo fenomeno di molti studi che andremo a esaminare, si profilano all’orizzonte oggetti e progetti digitali psicologicamente più virtuosi.

Social e salute mentale, cosa dicono gli studi

I social media garantiscono una connessione costante con i momenti più o meno importanti di amici e parenti, relazioni con individui di tutto il mondo, aggiornamenti su notizie, eventi, attività, prodotti, interessi, professioni, ma stanno altresì manifestando un lato oscuro crescente, preoccupante e raramente ben gestito, perché poco conosciuto e, di conseguenza, sottovalutato.

WEBINAR
13 Dicembre 2022 - 12:00
Un caso virtuoso di Digital Marketing nel Manufacturing: KPI e obiettivi - WEBINAR
Digital Transformation
Manifatturiero/Produzione

Sono ormai migliaia le ricerche a livello globale che riportano correlazioni certe o presumibili tra abuso dei social – e in generale di smartphone e Internet — e l’acuizione di problematiche psicologiche, fisiche, esistenziali. L’impatto negativo dell’inquinamento digitale crescente (“Digital Pollution”, Agrawal, 2021) sulle interazioni familiari e sociali si manifesta ogni mese di più.

Una nuova indagine pubblicata nel 2022 su Nature Communications condotta su più di 84.000 soggetti del Regno Unito ha riportato che le ragazze 11-13enni e i ragazzi 14-15enni che hanno trascorso più tempo sui social media sono meno soddisfatti della propria vita. In quelle età, i ricercatori sospettano che possano esserci “finestre di vulnerabilità” che si aprono in momenti diversi per maschi e femmine, con queste ultime più sensibili al condizionamento dei social rispetto ai coetanei, effetto probabilmente dovuto ai più precoci processi di maturazione, ma non solo.

Il report “The Mental State of the World” di Sapien Lab del 2021 – condotto in 34 Nazioni – riporta che la crescita dell’uso degli smartphone e dei social media e l’aumento dell’isolamento indicano un calo della salute mentale collettiva, soprattutto nei giovani adulti di età compresa tra 18 e 24 anni. Una media tra le 7 e le 10 ore trascorse online lascia poco tempo all’impegno sociale di persona. Prima di Internet, si stima che, all’alba dei 18 anni, un individuo avrebbe già trascorso da 15.000 a 25.000 ore interagendo “dal vivo” con i coetanei e la famiglia, mentre oggi l’intervallo potrebbe essersi drammaticamente ridotto a 1.500-5.000 ore. L’interazione diretta, però, è cruciale per uno sviluppo sano, individuale e relazionale, anche perché ci insegna a leggere il linguaggio del corpo, comprendere le espressioni facciali, interpretare le risposte emotive e molto altro.

Il calo della salute mentale tra i giovani adulti

Il calo della salute mentale, in particolare tra i giovani adulti di età compresa tra 18 e 24 anni, esacerba una tendenza che esisteva già prima della pandemia, ma che è iniziata dopo il 2010, insieme alla crescita dell’uso degli smartphone e dei social media. Prima del 2010, gli studi hanno dimostrato che i giovani adulti avevano livelli di benessere psicologico più alti, ma, da allora, la tendenza si è invertita. I sintomi includono scarsa immagine di sé, bassa autostima e fiducia nel futuro, sentimenti di distacco dalla realtà, pensieri suicidi, paura, ansia, sentimenti di tristezza, angoscia e disperazione.

L’educazione che serve contro i vizi della cultura ipertecnologica

Insomma, il legame tra l’uso dei social e il benessere mentale è sicuramente molto complesso e ancora da esplorare, soprattutto in una fase così delicata come quella adolescenziale, in cui si manifestano importantissimi cambiamenti fisici, cognitivi, emotivi e relazionali, ma è piuttosto evidente che il problema esiste ed è imponente per diffusione e radicamento.

In ogni caso, si sta comprendendo che non è solo l’uso dei social media ad avere un impatto negativo sul benessere, ma una minor soddisfazione verso la propria vita può portare a un maggiore utilizzo dei social, seppur non tutti i giovani sviluppino relazioni malsane con queste piattaforme.

L’attaccamento ansioso ai social

Un altro interessante contributo recente suggerisce che le persone che hanno più difficoltà a regolare l’uso dei social media nella quotidianità tendono a essere anche quelle che non hanno creato legami sicuri di fiducia con una figura di riferimento nelle prime fasi della vita, trovando in queste app un “parziale surrogato”, che evidentemente non può sostituire una relazione così profonda. In questi casi, ansia e solitudine percepite aumenterebbero l’uso dei social, che, a sua volta, accrescerebbe ansia e solitudine, attivando uno spiacevole circolo vizioso.

Inoltre, un’ulteriore ricerca condotta su oltre 300 studenti universitari che usano Facebook quotidianamente, conferma che le persone con una bassa autostima nelle relazioni sono più sensibili ai segni di rifiuto e abbandono, ricercando così forme eterogenee di approvazione e trovando nelle “Vanity Metrics” – il numero di follower e di like – una rapida rassicurazione, seppur illusoria. Difatti, gli studenti che hanno dichiarato di avere maggiori difficoltà a gestire l’uso dei social media hanno anche ottenuto i punteggi più alti nello spettro dell’attaccamento ansioso.

Le abitudini digitali di tutti noi possono trasformarsi progressivamente in vere e proprie (tecno)dipendenze fonte di stress e disagi di vari tipo. Per questo motivo, è importante ascoltare i potenziali campanelli d’allarme, possibilmente facendosi aiutare da un professionista della salute mentale preparato su queste nuove problematiche psicologiche.

La “tiktokenizzazione” del cervello

Il Wall Street Journal ha recentemente pubblicato un interessante articolo legato al funzionamento di un cervello che fruisce costantemente di contenuti su TikTok.

Sembrerebbe, infatti, che le scariche di dopamina – il cosiddetto “neurotrasmettitore del piacere” che viene rilasciato quando si aspetta una ricompensa e che rafforza il desiderio di qualcosa di piacevole – legate alla incessante fruizione di brevi video che rientrano nelle preferenze personali, alla lunga, possano rendere difficile per i giovani spettatori sia mantenere l’attenzione su contenuti più lunghi (es.: un film), sia dedicare concentrazione su compiti che lo richiedono (es.: ascoltare una lezione, leggere un libro, scrivere un tema, risolvere un problema matematico).

Come sappiamo, l’ambiente di TikTok non richiede un’attenzione prolungata. Le incessanti abbuffate di video personalizzati da 15 secondi portano i ragazzini a cambi repentini dai ritmi incalzanti. Questa modalità non abitua i loro cervelli ad attività non digitali, in cui le cose non si muovono così velocemente. I centri di ricompensa del cervello continuano così a ricevere gratificazioni immediate e costanti, in una spirale dal funzionamento molto simile agli esperimenti condotti nelle “gabbie di Skinner”.

In uno studio della Zhejiang University, le scansioni cerebrali di studenti cinesi hanno mostrato che le aree coinvolte nella dipendenza erano altamente attivate in coloro che guardavano video personalizzati. Alcuni soggetti faticavano a smettere di guardarli, facendo ipotizzare che i ragazzi con una minor capacità di autocontrollo avessero più problemi a spostare l’attenzione verso altre attività.

In genere, bambini e adolescenti hanno più difficoltà perché la corteccia prefrontale non è completamente sviluppata fino ai 25 anni. Più la corteccia prefrontale è matura, infatti, più migliora il controllo degli impulsi, l’attenzione diretta, la capacità di inibire le distrazioni e, più in generale, i processi decisionali e la pianificazione delle priorità.

Nel suo ultimo libro “Rewired: Protecting Your Brain in the Digital Age” (2022), lo psichiatra e neuroscienziato Carl Marci parla di un’era di distrazioni digitali che sta alterando i meccanismi del cervello. Stiamo vivendo il paradosso di una connessione costante che ci fa sentire sempre più disconnessi dai rapporti che ci sostengono e ci mantengono sani, a favore di legami più fragili ed effimeri. Si tratta di una condizione in cui il nostro bisogno di formare forti relazioni sociali è stato dirottato verso una sovrastimolazione dei meccanismi neurochimici della ricompensa, che sta snaturando l’attenzione, la memoria, l’elaborazione delle informazioni, le emozioni e, appunto, il modo di comunicare e relazionarsi.

Il pediatra John Hutton afferma che TikTok è una “macchina per la dopamina” ed è molto probabile – ma non ancora inequivocabile – che quando il cervello elabora ripetutamente contenuti rapidi e gratificanti, la sua capacità di elaborare cose meno rapide e meno gratificanti può cambiare o addirittura essere danneggiata.

Infine, il tecnologo James Williams utilizza una chiara metafora: è come se i bambini vivessero dentro a un “negozio di caramelle”, in un flusso infinito di piaceri immediati che non ha precedenti nella storia dell’umanità.

L’era delle app e degli influencer di salute mentale

In una situazione così compromessa, è comunque consigliabile per le figure di riferimento (es.: genitori, insegnanti, professionisti sanitari) non imporre l’azzeramento dell’accesso ai dispositivi digitali, ma sicuramente di ridurlo e compensarlo con attività emotivamente e cognitivamente rilevanti quali il gioco libero, l’esercizio fisico, lo sport, le gite in famiglia, che, oltre a essere auspicabili per un maggior benessere e una miglior socialità, permettono al cervello di focalizzarsi e sviluppare l’attenzione.

Inoltre, ci si può esercitare a stoppare periodicamente la fruizione dei social, così da rafforzare le capacità cerebrali che permettono di abituarsi a pause digitali, magari programmando momenti quotidiani in cui non si usa la tecnologia, come ad esempio a tavola e negli spazi famigliari, fissando dei limiti di tempo alle sessioni sullo schermo e sfruttando le nuove funzionalità di stand-by messe a disposizione sia dalle piattaforme social, sia dai sistemi operativi degli smartphone.

C’è un altro importante fattore essenziale per favorire la concentrazione e l’attenzione, ovvero un sonno salutare, spesso alterato dai dispositivi, che dovrebbero essere tenuti fuori dalla camera da letto e spenti durante la notte.

Le terapie digitali

Davanti a un flusso negativo così impetuoso, ce n’è uno di segno opposto che sta emergendo esponenzialmente con decisione e ingenti investimenti. In tante nazioni, infatti, si stanno moltiplicando app e videogame con obiettivi dichiaratamente terapeutici, spesso regolamentati da specifiche normative che consentono di definirli “terapie digitali, come, per esempio, avviene negli Stati Uniti e in Germania.

La competizione benefica appena conclusa “The Mental Health Game Jam”, organizzata da DeepWell Digital Therapeutics in collaborazione con Global Game Jam, ha riunito una comunità di sviluppatori globali per creare esperienze terapeutiche attraverso l’uso dei videogiochi, promuovendo un supporto per le persone che affrontano problemi di salute mentale.

Il vincitore del concorso è stato il videogame “Inner Room”, un gioco in cui si assume il ruolo di una persona che affronta la depressione, mentre al terzo posto si è classificato “Fumble”, un puzzle game che racconta la storia di un individuo che soffre di ansia sociale senza rendersene conto, offrendo una possibile rappresentazione di come ci si sente a vivere questa particolare condizione.

Inoltre, i social sono progressivamente presidiati da nuovi professionisti della salute mentale – medici, psicologi e neuroscienziati – che stanno diventando dei veri e propri influencer. Questi specialisti sanno parlare di disagi psicologici, dalla solitudine all’ansia, di disturbi psicopatologici, dai disturbi alimentari alla depressione, di psicofarmaci e relativi effetti collaterali, di diversità, utilizzando tecniche comunicative social-specifiche, attraverso forme di psicoeducazione capaci, per loro natura, di ridurre l’effetto negativo dei sempre presenti, annosi pregiudizi.

Tipicamente, sono personaggi in grado di produrre contenuti autorevoli, ma ingaggianti e accattivanti, capaci così di attirare l’attenzione di pubblici ampi e diversificati e, allo stesso tempo, di aiutare le persone bisognose a comprendere che non sono sole né incurabili, ma vivono problematiche che appartengono a molte altre persone e che possono essere superate se conosciute e gestite anche grazie all’accompagnamento di professionisti affidabili.

Salute mentale, i governi contro le Big Tech: approcci e strumenti per limitare i danni

Conclusioni

A questo punto, dato che il digitale si frappone sempre più prepotentemente tra noi, il nostro tempo libero e le nostre relazioni, la controffensiva verso l’aggressione digitale delle “economie della dopamina e dell’attenzione” dovrebbe essere triplice.

In primis, educativa, per informare continuamente ed estesamente giovani e adulti sulla gamma di problemi comportamentali in cui potrebbero incorrere.

Poi terapeutica, per invertire l’attuale paradigma tecno-insalubre e valorizzare il digitale come promotore della salute psicologica.

Infine normativa, per imporre alle Big Tech di superare il “modello captlogico” dell’ingegneria comportamentale orientata a condizionare il cervello, come peraltro sta già avvenendo in alcuni Paesi come gli Stati Uniti e la Cina. Infatti, i dati provenienti dalle varie ricerche potrebbero orientare sia gli upgrade delle piattaforme esistenti e future, sia la fabbricazione dei nuovi modelli di smartphone, inaugurando così oggetti e progetti digitali psicologicamente più virtuosi.

Insomma, app, videogiochi e social media del domani dovrebbero essere concepiti con una attenzione verso il benessere psicofisico e il cambiamento positivo delle persone, ma ci vorrà (tanto) tempo, consapevolezza e generazioni di politici, manager e professionisti in grado di guidare con coscienza la prossima trasformazione digitale.

WHITEPAPER
Perchè dovresti sfruttare il CRM per un marketing basato sull'esperienza
CRM
Marketing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4