videogame culture

Stray, tutto il bello del videogame che vi farà diventare “gattari”

Un contesto post-apocalittico, in cui sono rimasti solo robot e, oltre ai gatti, gli unici viventi sono degli orsetti d’acqua che impediscono l’uscita dalla città. Ma non è il solito videogame perché il punto di vista questa volta è quello del gatto. Un gioco che ancor di più ci fa capire che videogiocare non è diseducativo

19 Set 2022
Lorenza Saettone

Filosofa specializzata in Epistemologia e Cognitivismo, PhD Student in Robotics and Intelligent Machines for Healthcare and Wellness of Persons

word-image-148644-2

Da gattara non potevo lasciarmi scappare Stray, un indie molto speciale, tra il platform, l’avventura e il puzzle game, sviluppato da Blue Twelve Studio e pubblicato da Annapurna Interactive, editore già noto per titoli straordinari come Kentucky Route Zero, What Remains of Edith Finch o Outer Wilds.

Il gioco si finisce in meno di dieci ore e devo dire che la valutazione estremamente positiva degli utenti online per ogni aspetto del gioco (storia, game play, grafica, musiche e personaggi) è pienamente confermata anche dalla sottoscritta.

Stray - State of Play June 2022 Trailer | PS5 & PS4 Games

Stray: una bella storia e una grafica eccellente

Il contesto è post-apocalittico, sono rimasti solo robot e, oltre ai gatti, gli unici viventi sembrano essere degli orsetti d’acqua che impediscono l’uscita dalla città (in effetti chi oltre ai gatti e ai tardigradi potrebbe sopravvivere?). Insomma, nulla di nuovo fino a qui, tranne che il punto di vista questa volta è quello di un gatto. Capirete che da “cat mom” non avrei potuto attendere oltre: dovevo giocare e testare l’accuratezza della personalità del felino. A maggior ragione che la mia amica olandese, gattara quanto me e nerd, mi aveva mandato un messaggio in cui mi faceva sapere che aveva comprato il gioco (con biasimo) mi diceva, poi, che avrei dovuto spicciarmi a fare altrettanto, altrimenti lo spoiler sarebbe stato inevitabile.

WHITEPAPER
Una guida al deep learning: cos’è, come funziona e quali sono i casi di applicazione
Intelligenza Artificiale
Robotica

Incomincio la partita e da subito apprezzo la prima scelta degli sviluppatori. Insomma, non poteva essere più appropriato il fatto che, per proseguire oltre, il gatto non dovesse “fare cose”, come esplorare o trovare meccanismi particolari, ma addormentarsi tra gli altri compagni della colonia, in quello che per ora sembra un contesto verdeggiante e salubre. Una volta svegli ci si muove tra tubi, cascate, saltando qui e là come in un platform. Attenzione, non aspettatevi una meccanica complessa come quella di un videogioco costruito intorno a questo unico scopo. L’obiettivo in questo caso è integrare una bella storia e una grafica eccellente con sfide che non siano esageratamente complicate. Anche i puzzle hanno il giusto grado di difficoltà per non costringere il gamer a convogliare tutta l’attenzione su queste challenge, alterando il bilanciamento complessivo dell’avventura. Spesso ci verrà chiesto di pensare altrimenti, senza mai trasformare il percorso in tappe costruite attorno a rompicapi tanto difficili da poterci bloccare.

Gli sviluppatori sanno bene di non essere una tripla A: il budget e le risorse tecniche sono da indie; perciò, la decisione di non proporre un open world e di non includere meccaniche che sarebbero risultate eccessive e forse piene di bug è apprezzabile. Si sono mantenuti in una sorta di comfort zone e il risultato finale è purrfetto: divertimento ed emozione garantiti.

La storia dopo pochi minuti prosegue nei bassifondi di una città di cui non si conosce il passato. Il gatto, difatti, dopo essere capitombolato giù nelle fogne, riemerge, zoppicante (lo ammetto, ho dovuto dare dei bacini consolatori alla zampa della mia Vaniglia), in un’ambientazione completamente diversa, scura e fluorescente, piena di tetti da scalare e robot sulle cui facce compaiono, a pixel, una serie di emoji, per dare quella vena di umanità e cartoon alle macchine, come l’ergonomia cognitiva suggerisce.

Si incontrano personaggi curiosi nel proprio cammino, tra cui un drone dotato di intelligenza artificiale e altri optional con cui fare squadra durante il viaggio. Il suo nome è B-12 e devo ammettere che capitolo dopo capitolo si finisce per affezionarcisi. La memoria del robottino è stata resettata, perciò tra gli obiettivi collaterali c’è anche quello di recuperare i ricordi perduti. Il drone ci seguirà da una cintura zainetto allacciata attorno alla pancia del micio. Ci aiuterà ad aprire porte, a tradurre i gorgoglii meccanici dei robot, a decifrare le scritte che riempiono gli anfratti di questa strana città.

Per dare l’idea di robotico e futuristico di solito vengono feticizzati elementi dell’estremo oriente e infatti anche in questo caso le scritte richiamano i disegni dell’alfabeto coreano hangul. Questo stratagemma permette di far calare immantinente il gamer nell’idea di cyberpunk costruita dalla cultura pop: novelle, film, videogiochi, anime. Pensateci, anche per rendere l’idea di Medioevo quasi mai viene utilizzata la storia, al contrario si pesca a piene mani dal concetto di Medioevo che è stato edificato durante i secoli successivi e soprattutto ultimamente con GDR e pellicole. A maggior ragione per descrivere un futuro tecnologico, dove non c’è modo di appellarsi alle fonti, l’unico modo è richiamarsi alle attese degli utenti: non sarebbe credibile un ambiente che sembrasse totalmente il nostro, non trovate?

Nulla è lasciato al caso

So che le scritte in simil-hangul di Stray sono state decifrate da Josh Wirtanen, quindi ottimo lavoro anche per la cura dei dettagli: nulla è lasciato al caso, perfino una stringa di simboli su un distributore random qui significa qualcosa.

Nei bassifondi troveremo robot che sferruzzano o annegati nell’alcol, robot guardiani in tenuta da monaco, con il kasa tradizionale giapponese. Troveremo un’azienda chiamata Neco, il cui suono si rifà chiaramente al nipponico Neko, gatto. Tra l’altro, qui e là nelle abitazioni in cui ci toccherà entrare e nelle botteghe da perlustrare troveremo tante statuette dorate di Maneki Neko: il gatto giapponese della fortuna intento a lavarsi dietro all’orecchio per attirare clienti (la tradizione popolare narra che quando un micio si passa la zampa in quel modo significa che fuori sta per piovere e allora le persone a spasso entreranno nei negozi per ripararsi e magari comprare qualcosa).

Tutto è perfettamente calibrato al fine di condurre il gamer verso un’esperienza di gioco carica di emozione, divertente, che farà diventare gattaro anche chi (azz!) non lo è ancora.

I ragazzi di Blue Twelve sono necessariamente cat people, altrimenti non si spiega una conoscenza così precisa (e amorevole) degli amici felini. Stray salta nelle scatole e nei secchi a mezz’aria, si arricciola intorno alle gambe dei robot, si fa le unghie su tappezzerie, tappeti, porte, ama buttare giù barattoli e oggetti, si accoccola per dormire su divanetti e cuscini e vibra di fusa. A volte farlo è solo un passatempo (si capisce perché il gatto si comporti così: anche noi, ammettiamolo, non abbiamo potuto fare a meno di fare dispetti senza finalità narrativa durante tutta l’avventura!), più spesso fa parte delle strategie del gioco ed è un modo per ottenere trofei. Ci sono “Il migliore amico del gatto” quando il gatto fa tanti “gobbolini” tra le gambe degli automi; “Giornata produttiva” se lasci dormire Stray per un’ora; “La curiosità uccise il gatto” se ti infili in una busta difficile da toglierti di dosso. Insomma, le chicche sono molte e se uno volesse platinare il gioco il divertimento sarebbe garantito.

L’obiettivo del gioco

Ad ogni modo l’obiettivo non è quello di proporre un walking simulator dentro una città buia, piuttosto la storia ci chiederà di aiutare un gruppo di robot che stanno provando a evadere dai bassifondi per raggiungere il fantomatico Oltre. C’è un gruppo, gli Oltraggiosi, che forse c’è riuscito. Questa sfida per il nostro amico rosso significherà tornare a casa, ricongiungendosi con gli altri fratelli.

Ci sarà da scappare dagli Zurk, specie di tardigradi capaci di appiccicarsi come sanguisughe e succhiare la vita di chi, troppo lento, non riesce a sfuggire dalla loro fame. Devo dire che durante il gioco più volte ho imprecato contro quelle bestiacce e i loro suoni e, finalmente, quando ho ricevuto lo strumento per farli esplodere per me è stato molto gratificante! Soprattutto, poi, dovremo confrontarci con le sentinelle e con strani droni che controlleranno maniacalmente i livelli superiori della città impedendo la fuga a chi ci stesse provando. Perfetta la scelta di usare un gatto per portare a termine questi obiettivi anti-sistema: non poteva che essere un felis catus l’anarchico difensore della libertà, colui che ama farsi beffe della sorveglianza, con i suoi gommini silenziosi e il disprezzo per ogni regola, domesticazione e logica da branco. Di nuovo sento che dietro agli sviluppatori ci sono autentici cat people!

Conclusioni

Insomma, il gioco è proprio bello da ogni punto di vista e sicuramente resterà un caposaldo intramontabile. Il finale mi ha lasciato un velo di tristezza, proprio perché nei vari capitoli è stato inevitabile affezionarsi ai personaggi, tutti caratterizzati in modo magistrale. Chiaramente avere oltre alla quarta parete dei gatti veri, che rispondevano ai vocalizzi del computer, è stato un valore aggiunto che mi ha garantito un’immedesimazione maggiore.

Stray ha saputo davvero toccare il cuore di tutti: molti fan hanno aiutato i rifugi felini con donazioni in denaro e Annapurna stessa ha contribuito a sostegno dei randagi. Questo ci aiuta di nuovo a capire che videogiocare non è una perdita di tempo diseducativa, una mera simulazione che finisce lì dove inizia, al contrario coinvolge la società su più livelli e seguendo modalità a volte impensabili.

Concludo l’articolo con il pulsante “B”, “Meow!”.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4