Economia e disuguaglianze

Superare il gender gap sul lavoro: cosa può fare lo stato, cosa fanno le aziende

L’ICT è un settore in crescita, ma spesso non per le donne: come favorire l’occupazione femminile in azienda, gli accordi per l’uguaglianza di genere, cosa può fare lo Stato, perché investire in formazione e cambiamento culturale

08 Lug 2022
Marie Chabanon

CTO Data4 Group

gender gap - diversity - imprese al femminile

Secondo un rapporto di The World Economic Forum, l’84% dei datori di lavoro sta accelerando i propri investimenti nel campo della digitalizzazione e automazione del lavoro, alimentando una tendenza all’avanguardia che nasconde tuttavia una realtà complessa.

Nonostante l’esigenza crescente da parte delle imprese di reclutare profili tecnici, ancora oggi le discipline STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) sono teatro di pregiudizi e stereotipizzazioni che precludono o non incoraggiano le donne a intraprendere la carriera in campo scientifico.

Come invertire questo divario?

La diversity rende: con la founder donna il Roi è più alto del 35%

 Accordi per l’uguaglianza: “Towards Zero gender gap” e “Women4Climate”

In particolare, il settore dei data center, e più in generale il settore ICT, soffre di una carenza di talenti in un momento storico in cui emerge, più forte che mai, la necessità di assumere per far fronte alle sfide di uno sviluppo economico sostenibile e responsabile. Ma per una donna, accedere a questo tipo di posizioni risulta ancora ostico.

In Italia, nel 2021, solo il 16,1% dei profili operanti nelle discipline STEM sono donne, anche se la situazione sta iniziando gradualmente a cambiare. Le statistiche Eurostat, infatti, sembrano dare qualche segnale incoraggiante: nel 2021, in Europa, quasi 74 milioni di persone sono occupate nel settore scientifico e tecnologico, con un aumento del 3% rispetto al 2020 e del 21% rispetto al 2011.

Le aziende leader del settore ICT hanno una grande responsabilità nel guidare questo cambiamento. L’azienda per cui lavoro, Data4, supporta fortemente la parità di genere nei ruoli chiave: quasi la metà delle posizioni senior della nostra organizzazione è occupato da donne.

Nel 2021, in occasione del G20 Women’s Forum di Milano, l’azienda ha sottoscritto gli impegni del documento “Towards Zero Gender Gap”, in base al quale, come organizzazione, adotteremo misure per assumere e promuovere le donne in modo equo sulla base delle conoscenze e dell’esperienza.

Il nostro Presidente ha firmato un impegno per l’uguaglianza tra donne e uomini, che comprende un altro aspetto molto importante, una retribuzione equa e paritaria. È importante capire che le donne giocheranno sempre più un ruolo di primo piano nel settore digitale: per questo, sono anche firmataria del Women’s Forum Climate Commitment Charter, “Women4Climate”, che promuove le donne in posizioni di leadership, e alla guida di progetti a favore dell’ambiente.

ICT e gender gap: cosa può fare lo Stato

Ma le aziende, da sole, non bastano. Oggi, un altro aspetto fondamentale per promuovere il cambiamento in Italia è la collaborazione tra pubblico e privato. Dobbiamo cambiare la visione della società per consentire alle donne di avere un impatto sull’ambiente che ci circonda, e per questo abbiamo bisogno della loro presenza e del loro impegno in posizioni di rilievo, sia nelle istituzioni pubbliche che in quelle private.

In quest’ottica, una soluzione importante è quella di perseguire una politica di parità tra donne e uomini: raggiungere il 20% di occupazione femminile nelle posizioni dirigenziali è essenziale per eliminare il cosiddetto “soffitto di cristallo”.

Lo Stato dovrebbe anche fornire adeguate tutele alle donne che vogliono affermarsi in più ruoli diversi nella vita, per cui sono necessarie norme giuridiche per proteggere le madri-lavoratrici: servono interventi atti a tutelare il posto di lavoro delle donne che scelgono di vivere l’esperienza della maternità e che vanno supportate con l’attuazione di programmi dedicati che permettano di continuare a lavorare rafforzando la fiducia nel fatto che ricoprire posizioni di responsabilità non può e non deve escludere lo sviluppo legittimo della sfera personale.

Per questo motivo sono molto soddisfatta nel leggere notizie come l’ultimo accordo europeo sulla direttiva relativa alle donne nei consigli di amministrazione delle società quotate: secondo la bozza, a partire dalla fine di giugno 2026, almeno il 40% dei membri del consiglio di amministrazione sarà costituito da donne. Queste iniziative ci danno modo di credere che la situazione delle donne nella società moderna cambierà.

ICT e gender gap: investire in formazione e cambiamento culturale

In quest’ottica, un aspetto che non può passare inosservato, riguarda anche la formazione: le attività didattiche e la creazione di progetti che aumentino l’interesse degli studenti per la tecnologia sono fondamentali. Il problema, infatti, non sta sempre e solo nel non avere accesso a posizioni di responsabilità nelle aziende tecnologiche, ma nel fatto che solitamente le donne devono investire più tempo e sforzi per arrivarci.

In Italia, così come in molti altri Paesi d’Europa, è ancora considerato naturale che il CEO, il CTO o il CIO dell’azienda sia un uomo. Questi pregiudizi sono presenti tanto nel mondo del lavoro quanto all’interno delle famiglie e nelle scuole. È questa forma mentis che genera un ostacolo prima di tutto culturale al raggiungimento delle ambizioni personali di molte donne che finiscono per essere sfiduciate rispetto alle prospettive professionali che il mercato offre.

Uno dei miei obiettivi personali, oltre che professionali, è quindi di far conoscere alle giovani donne tutte le possibilità formative a loro disposizione, dai programmi accademici alle borse di studio e stage, alle iniziative di alternanza scuola-lavoro, che sono oggi più che mai necessarie.

Conclusioni

Il mercato sta finalmente prendendo consapevolezza delle sfide che le giovani donne devono affrontare nelle professioni tecniche ed è fondamentale che il mondo dell’istruzione stia al passo, combattendo già durante gli anni della formazione l’approccio stereotipato alle professioni, che dovrebbero essere aperte a tutte le persone di talento e interessate, indipendentemente dal loro genere.

Per quanto mi riguarda, posso dire di conoscere bene il settore dei data center: so che in futuro crescerà ancora e genererà posti di lavoro interessanti. In quanto pilastri della trasformazione digitale, società leader come Data4 che operano nel settore, presentano oggi molte opportunità di sviluppo: se coinvolgiamo le donne nel processo di cambiamento fin dall’inizio, potremo procedere verso un mondo più equo, di cui anche l’industria ICT potrà beneficiare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3