La lettura

Come trovare benessere ed equilibrio nel metaverso: una nuova internet

Il Metaverso offrirà uno spazio collettivo e virtuale in cui le persone possono interagire a distanza e vivere esperienze multisensoriali: un cambiamento del Web che potrebbe avere risvolti rivoluzionari. Nel libro “Vivere il metaverso”, di Alessio Carciofi, una riflessione su presente e futuro della tecnologia

31 Ago 2022
Alessio Carciofi

Docente, Autore, Founder & Managing Director Digital Wellbeing

Le quattro dimensioni del Metaverso - metaverse - regolamentazione metaverso

Prima della fine di questo decennio, avremo convertito l’Internet mobile, i social network e l’intelligenza artificiale in un nuovo Internet, immersivo, onnipresente e persistente: il Metaverso. Ma davvero sarà un cambiamento rivoluzionario? Come ci siamo arrivati? E come lo vivremo?

Sarà metaverso in mille settori: ecco tutte le possibilità di business

Niente è più neutrale

Un malinteso comune è che la tecnologia sia neutrale. Non avrei mai pensato di sentire Tim Cook parlare di “determinismo tecnologico” in un evento pubblico, ma il ceo di Apple ha aperto il suo discorso allo IAPP Global Privacy Summit del 2022 con queste parole: “Sappiamo anche che la tecnologia non è né intrinsecamente buona né intrinsecamente cattiva; è ciò che ne facciamo. È uno specchio che riflette le ambizioni e le intenzioni delle persone che la usano, delle persone che la costruiscono e delle persone che la regolano.”

WHITEPAPER
Porta il tuo Contact Center ad un livello successivo con speech analytics e sentiment analysis
Intelligenza Artificiale
Marketing

La tecnologia, dunque, non sarà né buona né cattiva, ma non dobbiamo farci ingannare dall’idea che sia neutrale. Nel momento in cui interagiamo con una tecnologia, la tecnologia stessa ci plasma. Le nostre scelte cercano sempre di soddisfare alcuni dei nostri bisogni fondamentali, che si tratti di rafforzare l’autostima o di rinsaldare relazioni significative. Inoltre, siamo in costante cambiamento, influenzati in ogni momento da persone, ambienti ed eventi, in modi dei quali non siamo del tutto consapevoli. Spesso ci concentriamo – a volte troppo – su come siamo in grado di modificare il mondo che ci circonda; dovremmo, invece, dedicare maggiore consapevolezza ai modi in cui il contesto in cui ci troviamo modella noi.

Ognuno di noi vive seguendo una serie di valori, credenze, caratteristiche fisiche, risorse monetarie e altri presupposti che provengono dalla società, dall’istruzione, dalla famiglia e da altre esperienze. Quanti di questi fattori possono essere considerati frutto delle nostre scelte? Queste condizioni han- no influenzato – e a volte lo fanno tuttora – il modo in cui vediamo la realtà, e inquadrano lo spazio di possibilità per il nostro futuro.

I nostri valori e i nostri bisogni si manifestano chiaramente nel modo in cui condividiamo e utilizziamo la tecnologia.

Queste decisioni influenzano la qualità della vita delle persone. Per esempio, quando le organizzazioni sanitarie non danno la priorità alla visualizzazione mobile dei loro siti web, inavvertitamente rendono più difficile per coloro che dispongono solo di dispositivi mobili ottenere i servizi di cui hanno bisogno. Ci avevi mai pensato? Ciò che si sceglie di enfatizzare nella progettazione e nell’implementazione della tecnologia riflette i nostri valori e le nostre priorità.

Proprio come il design fisico di un edificio o il modo in cui è strutturata una città influenza la maniera in cui le persone si sentono e interagiscono negli spazi fisici, la tecnologia digitale influenza la nostra esperienza negli spazi digitali e fisici, sia individualmente sia collettivamente.

Per esempio, un ambiente di social media che enfatizza il coinvolgimento ci incentiva a pubblicare contenuti che inducono gli altri a reagire. E quelle reazioni successivamente modellano il modo in cui ci sentiamo riguardo a ciò che abbiamo pubblicato.

Siamo tutti operai 2.0

“Steve Jobs ci ha venduto i computer come biciclette per la mente. Quello che invece abbiamo ottenuto sono catene di montaggio per lo spirito” scrive il sociologo dei nuovi media Evgeny Morozov all’interno di un coinvolgente report sul capitalismo della sorveglianza di Shoshana Zuboff. Sono parole che colpiscono particolarmente in quanto siamo ormai – forse anche un po’ tristemente – abituati ad associare i dispositivi tecnologici a macchine di distrazione programmata più che a biciclette per la mente. Sono quasi certo che il collegamento con le catene di montaggio può sembrare, di primo acchito, un po’ esagerato, quasi distopico. Eppure, quando riceviamo una notifica ci attiviamo subito per rispondere, anzi siamo più reattivi di una sala di pronto intervento. Non siamo forse diventati tutti operai 2.0? E, accettando questo paragone, possiamo almeno chiederci a che tipo di produzione stiamo contribuendo.

Del resto, ogni utente con uno smartphone in mano è come se stesse sempre lavorando in un modo invisibile, gratuito ed estenuante. Una sorta di iper-lavoro frammentato e senza soste. Pensa al tempo che dedichiamo alla gestione della nostra agenda, quando fissiamo appuntamenti di lavoro e socialità incastrandoli tra vari impegni; oppure pensa a tutti quei compiti che appartengono al mondo delle pubbliche relazioni online, come rispondere alle email, aggiornare il nostro status sui social o controllare i like che riceviamo.

Il predominio degli algoritmi nella nostra società

Sulla questione interviene anche l’antropologa Mary L. Gray, la quale definisce la taskification come la frammentazione dei lavori e delle varie attività quotidiane in tanti piccoli, piccolissimi coriandoli di task, la somma dei quali porta con sé la promessa di raggiungere un obiettivo. Nella vita ai tempi delle piattaforme digitali tutto diventa un task, un’azione da ripetere per raggiungere l’obiettivo, spuntare una casellina e passare all’attività successiva. Proprio come una volta in fabbrica, oggi la macchina è l’algoritmo che regola il funzionamento delle piattaforme: non sostituisce il nostro lavoro, né rende più facile e organizzarci la vita, ma regola il nostro tempo, valuta le nostre prestazioni sociali e professionali e si nutre dei nostri input per ottimizzare prodotti e servizi delle aziende.

Qualcuno ha definito questo fenomeno “algocrazia” per indicare un sistema in cui il potere è affidato agli algoritmi. Secondo il professore di Ingegneria informatica Federico Cabitza, il termine “algocrazia”, sebbene ancora poco comune, è generalmente usato per indicare l’importanza degli algoritmi nella nostra società e le implicazioni, sempre più ampie, del loro utilizzo. Come però nota Lucia Francalanci, questo termine ha anche un significato più specifico, che denota una “forma di società dell’informazione, basata sul predominio degli algoritmi”. Ciò detto, sbaglieremmo a considerare l’algocrazia una “dittatura degli algoritmi”, intendendo questi come i soggetti, i creatori di questo sistema, perché in realtà sono gli strumenti, i mezzi utilizzati da chi esercita un potere.

L’avvocato ed esperto di etica americano Lawrence Lessig, in un suo articolo su Harvard Magazine, scrive: “La nostra è l’era del cyberspazio. Siamo così ossessionati dall’idea che libertà significhi ‘libertà dal governo’ che non vediamo nemmeno il regolamento in questo nuovo spazio. Non ve- diamo quindi la minaccia alla libertà che questo regolamento presenta.”

(…)

La fine di un ciclo o l’alba di un nuovo mondo?

Nel nuovo internet che verrà l’esperienza dell’utente avrà con ogni probabilità caratteristiche indistinguibili dalla magia, nella misura in cui il Metaverso introdurrà una nuova era: l’era dell’immaginazione. Dopo la pandemia, quante volte avrai sentito la frase “non si torna più indietro”; anzi, sembra che si stia avanzando ancora più velocemente. In questo vertiginoso contesto, non sorprende che gli sviluppi del Metaverso attirino l’attenzione sia delle organizzazioni che dei privati. Se continua a evolversi come previsto, il Metaverso offrirà uno spazio collettivo e virtuale condiviso in cui le persone possono interagire a distanza e vivere esperienze multisensoriali. Il Metaverso non è solamente una fantasia di un gruppo di ricchissimi e potenti cervelloni della Silicon Valley, come alcuni sostengono. Al contrario sarà – in qualsiasi forma si manifesterà – un inevitabile cambiamento del Web che potrebbe avere risvolti rilevanti, rivoluzionari. Ciò potrebbe riguardare trasversalmente vari aspetti della vita, e consentirà alle persone di studiare, interagire, la- vorare, giocare e rimanere in contatto 24 ore su 24, sette giorni su sette all’interno del mondo digitale: sarà proprio come fluttuare nello spazio. Il Metaverso, seppur immateriale, è un territorio che potrà essere acquistato, e sarà tutto da vivere, e in cui le Criptovalute e nft giocheranno ruoli significativi nel mondo dell’economia e della finanza come noi la intendiamo. Aprirà a nuovi scenari organizzativi, nuove professioni e aggiornerà quelle esistenti. Potrai comprare e vendere virtualmente in modo totalmente differente e dovrai interfacciarti con una nuova tipologia di creator: i virtual influencer e i meta influencer. Il Metaverso ti permetterà di fare dei workout virtuali, farti seguire da un personal trainer digitale o semplicemente fare una sessione di yoga o mindfulness nel deserto del Wadi Rum rimanendo seduto comodamente nel tuo salotto. Potresti giocare ai videogiochi come se ci fossi dentro, viverli in prima persona, con il tuo avatar. Anche il mondo sanitario ne sarà fortemente influenzato, così come quello dell’istruzione, caratterizzato dall’immersive learning. Ancor più del live streaming, il Metaverso farà vivere ai partecipanti un’esperienza immersiva e permetterà loro di accedere a eventi speciali, riservati esclusivamente ai fan. Potrai fare dei viaggi senza uscire di casa, visitare il Louvre, la Stazione Spaziale Internazionale e fare una passeggiata su Marte o su Nettuno. Ma come sarà possibile?

Conclusioni

Il Metaverso promette di essere la reinvenzione più radicale della tecnologia rivolta all’uomo in una generazione. Genererà interfacce uomo-macchina completamente nuove, esperienze sensoriali, dinamiche sociali e costrutti di mercato. Il design del Metaverso avrà quindi implicazioni radicali per tutto quello che riguarda il comportamento umano, e non solo. Molto dipenderà dalle scelte fatte da designer, progettisti, aziende e istituzioni. La sfida per le imprese, i governi e la società in generale sarà navigare con successo nella prossima epoca tecnologica e inaugurare la prossima frontiera dell’esperienza meta-umana.

Il cambiamento è inevitabile, ed è sempre costante. Non puoi continuare a resistere ai cambiamenti se vuoi fare la differenza sia a livello personale sia a livello professionale. Il Metaverso annuncerà un nuovo futuro e svelerà una nuova piattaforma necessaria per vivere nella società. Potrebbe esse- re il momento per tutti di salire a bordo, che ci piaccia o no.

Per approfondire: Vivere il Metaverso Di Alessio Carciofi

ROI Edizioni –  In libreria dal 31 agosto 2022

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4