Agenzia delle entrate, come funzionano i nuovi servizi web 2021 - Agenda Digitale

L'approfondimento

Agenzia delle entrate, come funzionano i nuovi servizi web 2021

Dichiarazione di successione via web, richiesta certificati di attribuzione del codice fiscale e della partita Iva, consegna di documenti da remoto: l’Agenzia delle entrate questa estate ha promosso tre nuovi servizi online per rendere più semplici le procedure agli utenti

07 Ott 2021
Rosario Farina

componente Forum fatturazione elettronica

Compilare in via guidata la dichiarazione di successione, richiedere online il certificato di attribuzione del codice fiscale o di partita Iva, consegnare documenti da remoto. L’Agenzia delle Entrate nel mese di luglio ha avviato tre nuovi servizi web verso l’obiettivo di un Fisco sempre più digitale: vengono stimati che oltre 1,2 milioni di consegne di documenti all’anno avverranno direttamente on line con la conseguenza che i contribuenti non saranno più obbligati a recarsi negli uffici dell’amministrazione finanziaria.

Certamente ci troviamo di fronte ad un ulteriore passo verso la digitalizzazione dei rapporti tra cittadini e Fisco che risulta ancora di maggiore valore nel contesto pandemico degli ultimi due anni in cui interagire da remoto risulta fondamentale.

I nuovi servizi web dell’Agenzia delle entrate

I nuovi servizi previsti consentono:

  • La richiesta on-line del certificato di attribuzione del codice fiscale e del certificato di attribuzione della partita Iva;
  • La compilazione guidata della dichiarazione di successione che è un adempimento obbligatorio attraverso il quale viene comunicato all’Agenzia delle Entrate il subentro degli eredi nel patrimonio del defunto entro 12 mesi dalla data di apertura della successione, che coincide, generalmente, con la data del decesso del contribuente;
  • La possibilità di consegnare documenti e istanze, da remoto e in via telematica, agli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Precompilata IVA, bene digitalizzare ma non ci si aspetti miracoli: ecco perché

Il contribuente, per fruire dei nuovi servizi messi a disposizione in rete dall’Amministrazione Finanziaria, non deve installare alcun software né scaricare app, deve solo accedere al proprio profilo sul sito istituzionale delle Entrate utilizzando le proprie credenziali Spid, la propria Carta d’Identità elettronica o la propria Carta Nazionale dei Servizi, oppure, le proprie credenziali Fisconline/Entratel.

WEBINAR
10 Novembre 2021 - 12:00
Business SPID, Digital Identity e altri nuovi canali digitali: vantaggi per clienti e aziende
Dematerializzazione
Risorse Umane/Organizzazione

I nuovi servizi web sono più facili da utilizzare, poiché danno la possibilità di accedere anche da smartphone e da tablet, e si possono anche personalizzare attraverso la selezione dei servizi più utilizzati e delle chiavi di ricerca che consentono di trovare in modo più veloce quanto risponde all’esigenze del contribuente.

Richiesta online dei certificati di attribuzione del codice fiscale e della partita Iva

Il primo servizio digitale riguarda una funzionalità dedicata al rilascio dei certificati di attribuzione del codice fiscale e di attribuzione della partita Iva, due certificazioni che fino ad oggi erano rilasciate solo in ufficio e che comportavano la gestione di 800mila richieste annue. Il servizio prevede il rilascio del certificato in pochi minuti, in formato originale e in copia conforme (eventualmente da stampare ed esibire). Si ricorda anche che in prossimità della scadenza, il Sistema Tessera Sanitaria emette automaticamente una nuova tessera sanitaria spedendola all’indirizzo di residenza del cittadino.

Nel caso in cui, invece, il cittadino abbia smarrito o subito il furto della tessera sanitaria in corso di validità, ha la possibilità di utilizzare i servizi telematici dell’Agenzia per chiedere una nuova tessera sanitaria. La Tessera Sanitaria con microchip, valida anche come Carta Nazionale dei Servizi (TS/CNS), può essere richiesta accedendo in area riservata con SPID, CIE o CNS oppure con le credenziali rilasciate dall’Agenzia. La Tessera Sanitaria senza microchip (TS) può essere richiesta tramite un servizio online senza necessità di autenticazione.

Successione web: come funziona

Il secondo servizio allarga la famiglia delle dichiarazioni precompilate che con Successione web consente ai contribuenti di essere assistiti in tempo reale sul corretto inserimento dei dati con la possibilità per l’utente di caricare direttamente le informazioni degli immobili già registrate nel Catasto. Più che di una vera e propria precompilata, dunque, si tratta di una compilazione assistita della dichiarazione di successione. Il contribuente una volta che si è autenticato per l’accesso al sito dell’Agenzia, sarà agevolato nella compilazione attraverso una seria di alert pronti ad attivarsi nel caso di errori nell’inserimento di ogni singola informazione richiesta dalla dichiarazione.

Anche questa opportuna permette di digitalizzare in modo sempre più efficace un numero elevato di pratiche verso l’Agenzia delle Entrate. Infatti, in base agli ultimi dati forniti dal Dipartimento delle Finanze le denunce di successione nel 2020 hanno toccato quota 500mila con una crescita del ricorso alle dichiarazioni telematiche che nei primi mesi del 2021 sono già oltre il 92 per cento.

Il servizio di consegna documenti da remoto

Il terzo servizio messo a disposizione riguarda il nuovo servizio di consegna documenti ed istanze, sempre accessibile tramite l’area riservata del sito, che permette di inviare direttamente online alcune tipologie di documenti ed istanze agli uffici delle Entrate, senza recarsi fisicamente ai front-office e senza dover necessariamente accedere a un ufficio territoriale dell’Agenzia.

Ad esempio con il nuovo servizio web “Consegna documenti e istanze”, gli utenti abilitati possono consegnare in modalità telematica documenti e istanze all’ufficio destinatario selezionato, sia a seguito di una specifica richiesta dell’Agenzia delle entrate sia di iniziativa per esigenze personali, e ottenerne la ricevuta di protocollazione. Questo servizio potrà essere utilizzato solo se la normativa o i provvedimenti del Direttore dell’Agenzia delle entrate non prevedono una specifica modalità di presentazione, trasmissione o comunicazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4