La guida

Dichiarazione IVA precompilata 2021, che cos’è e come funziona

Tutto sulla dichiarazione IVA precompilata 2021, l’iniziativa dell’Agenzia delle entrate la cui fase sperimentale è partita il primo gennaio: l’obiettivo è semplificare le procedure a vantaggio del contribuente

14 Gen 2021
Daniele Tumietto

Dottore commercialista

precompilata Iva 2021

La dichiarazione precompilata IVA 2021 ha iniziato l’attività, in via sperimentale, con le operazioni che sono effettuate a partire dal primo gennaio 2021. Infatti, ai sensi dell’art. 4 del decreto legislativo 127/2015, è disponibile in via sperimentale un programma di assistenza online, disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate all’interno dell’area riservata, che utilizzando i dati provenienti dalle fatture elettroniche, dalle operazioni transfrontaliere e dai corrispettivi telematici predisporrà in automatico le bozze dei Registri delle fatture emesse e ricevute (di cui agli art. 23 e 25 del DPR n.633 del 26 ottobre 1972) e le comunicazioni delle liquidazioni periodiche dell’IVA (cd. Lipe) di cui all’art. 21-bis del Decreto legge 78/2010.

Dichiarazione precompilata IVA 2021, che cos’è

In sostanza, si tratta di una dichiarazione precompilata IVA dall’Agenzia delle Entrate, che viene completata grazie ai dati raccolti dall’AE con la fatturazione elettronica, con i corrispettivi telematici e con i dati delle operazioni transfrontaliere che vengono inviate all’AE.

WHITEPAPER
Strategie e strumenti per il Digital Marketing del 2023 - la guida step by step
Dematerializzazione
Istruzione

Da sottolineare che per tutte le operazioni IVA 2021 sarà inoltre messa a disposizione anche la bozza della dichiarazione annuale dell’IVA. Quelle fornite dall’Agenzia delle Entrate saranno però bozze e richiederanno ai fini dell’invio la conferma del contribuente, come già avviene per il modello 730 precompilato. Date le molteplici eccezioni e particolarità in campo IVA tali dichiarazioni proposte in automatico saranno difficilmente prive di errori.

La normativa sull’Iva è infatti la più articolata nell’ambito fiscale: un manuale completo, che copra ogni casistica, supera tranquillamente le mille pagine, pertanto è timore diffuso tra gli addetti ai lavori che tale misura, adottata “in un’ottica di semplificazione fiscale”, secondo quanto dichiarato dal Legislatore, non sarà poi così efficace nel semplificare la vita del contribuente, che data la complessità della materia non sarà in grado senza il supporto di un professionista di valutare la correttezza della dichiarazione.

Un passo ulteriore verso la digitalizzazione che potrebbe avere effetti controproducenti in quanto una comunicazione non totalmente chiara nei confronti dei contribuenti potrebbe generare aspettative poi disattese, proprio come accaduto anche con il modello 730 precompilato, dove la sinteticità del messaggio veicolato attraverso i leader politici e le comunicazioni non specializzate, ha indotto i più a pensare che l’accettazione senza l’apporto di modifiche, esonerasse dai controlli sulle dichiarazioni sui redditi.

A chi è rivolta la nuova dichiarazione precompilata IVA 2021

Nonostante il decreto collegato alla legge di bilancio per il 2019 abbia modificato il comma 1 dell’art. 4 del decreto legislativo n. 127 del 5 agosto 2015, pubblicato sulla GU n.190 del 18 agosto 2015 entrata in vigore il 2 settembre dello stesso anno, il recente decreto non ha modificato il comma 2, che indica le categorie di soggetti per i quali sarà prevista la semplificazione. Quest’articolo derubricato “Riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili per specifiche categorie di soggetti” prevede che i soggetti ammessi al regime sono individuati con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, ossia saranno successivamente determinati in dettaglio. Viene inoltre espressamente prevista la possibilità di accedere a tale semplificazione anche per i soggetti non di minori dimensioni che intraprendono attività d’impresa, arte o professione anche se solo per il periodo in cui l’attività è iniziata e per i due successivi.

Alla luce di tale ultima previsione si evince che la misura non riguarderà le grandi società, caratterizzate da una contabilità più complessa, ma le partite Iva e le imprese di minori dimensioni (come commercianti, artigiani, professionisti, imprenditori individuali) che in Italia rappresentano la stragrande maggioranza dei contribuenti.

Cosa fornirà l’Agenzia delle Entrate:

  • Bozza della Lipe: ossia liquidazione Iva periodica (mensile o trimestrale) con determinazione del saldo a debito o a credito per il periodo,
  • Bozze dei registri obbligatori (registro fatture e registro acquisti): compilati a partire dalla Fatture elettroniche emesse e ricevute tramite Sdi
  • Bozza della dichiarazione IVA annuale: la dichiarazione con cui si effettua il calcolo annuo dell’Iva, con la presentazione dei differenti quadri di tutte le fattispecie avute nell’anno, sia per le detrazioni che nelle varie forme di imponibilità (reverse charge, split payment, immediata o differita, Iva per cassa, art 74, …etc)
  • Bozze dei modelli F24 di versamento: il saldo a debito o a credito emergente dalla dichiarazione Iva verrà riportato, in caso di debito in un F24 precompilato.

Precompilata IVA 2021, gli obiettivi

La “rivoluzione” che ha avuto inizio nel 2015 con l’arrivo della dichiarazione precompilata del 730, annunciata già il 31 ottobre del 2014, vuole modificare – migliorando, negli auspici dell’Agenzia, il servizio offerto e il rapporto tra contribuente e fisco in modo da diminuire ex ante i rischi di evasione ed elusione e aumentare il tasso di adempimento spontaneo. Questi profondi mutamenti possono essere visti in attuazione dell’art 6 dello Statuto dei diritti del contribuente (legge n. 212 del 2000) che sancisce la semplificazione come “principio informatore”, così come affermato dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Antonino Maggiore, nel corso dell’audizione di oggi presso la VI commissione Finanze e Tesoro del Senato nell’ambito dell’Indagine conoscitiva sul processo di semplificazione del sistema tributario e del rapporto tra contribuenti e fisco, l’11 giugno 2019.

Il cammino sta proseguendo ed è anche in quest’ottica che sono stati introdotti nuovi obblighi a carico dei contribuenti, prima con l’introduzione della fattura elettronica (2019) e successivamente con l’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi (tra 2019 e 2020, il cosiddetto scontrino elettronico), nonché tra gli ultimi provvedimenti le semplificazioni ad esempio del calcolo degli acconti Ires, Irap, Irpef in cui per chi effettua il pagamento in due rate gli importi, saranno pari alla metà dell’importo dovuto mentre per chi lo effettua in un’unica rata il dovuto sarà il totale dell’importo, almeno secondo le dichiarazioni del Ministero e dell’Agenzia.

Le funzionalità operative dei nuovi codici

A partire dal primo gennaio 2021 con il nuovo formato Xml e delle relative specifiche tecniche aggiornate con i nuovi codici e le nuove tipologie di documento per la fatturazione elettronica contenenti maggiori dettagli. Queste novità sono state introdotte semplificare l’attività che l’Agenzia delle Entrate deve porre in essere per la predisposizione della dichiarazione IVA precompilata e dei registri IVA precompilati.

Infatti i nuovi codici permettono di semplificare la gestione delle fatture in caso di reverse charge, fatture di vendita e note di credito.Per quanto riguarda la nuova Fase attiva (vendita) della fatturazione dal primo gennaio 2021 è obbligatoria la fatturazione per il ciclo attivo, mentre quello passivo sarà obbligatorio dal primo gennaio 2022, pertanto le integrazioni ai documenti esteri in caso di integrazione e auto fatturazione sono facoltative per il 2021. Il reverse charge “estero”, che da anni viene fatto in forma cartacea, adesso con le novità introdotte sarà possibile gestire in digitale tutta la fase del reverse charge, grazie all’istituzione dei tre nuovi codici del “tipo documento”, TD17, TD18 e TD19 da usare per il reverse charge relativo ai servizi acquistati da soggetti stranieri, sugli acquisti comunitari, e su acquisti di beni da soggetti stranieri. Grazie a queste novità, infine, sarà possibile eliminare l’Esterometro a partire dal 2022.

Ma le novità riguardano anche il “reverse charge interno” che trova una gestione analoga con l’istituzione del codice tipo documento “TD16” che è usato dal cessionario o committente di una operazione in reverse charge interno per inviare allo SdI il documento che sostituisce l’integrazione della copia cartacea della fattura del fornitore (casistiche rientranti in tale tipologia sono quelle delle attività di servizi di pulizia, subappalti edili, acquisto di rottami…).

Anche i nuovi codici iva, molto più numerosi ed tipi di ritenuta per fattura elettronica, consentiranno di ottenere una gestione più dettagliata delle casistiche IVA che permetteranno di avere una Dichiarazione precompilata IVA più completa. Non va dimenticato che la nuova struttura del formato Xml della fattura elettronica permetterà all’Agenzia delle Entrate di produrre automaticamente i registri IVA, le comunicazioni e la dichiarazione annuale IVA.

Saranno proprio queste novità a costituire un nuovo modello di dialogo con i contribuenti ai quali verranno messi a disposizione i registri e la dichiarazione precompilata che potranno confermare o integrare. Non va dimenticato nel corso del mese successivo a quello di riferimento, a partire dal quinto giorno e fino al quindicesimo, il contribuente potrà:

  • integrare il registro con i dati che non possono essere presenti, come le bollette doganali, le operazioni con l’estero, le fatture per prestazioni sanitarie, e le fatture cartacee,
  • convalidare i registri IVA prodotti e messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, in tempo per la liquidazione periodica dell’IVA.

Conclusione

In definitiva, per verificare se davvero la dichiarazione precompilata Iva 2021 si rivelerà una “semplificazione” per il cittadino, occorrerà attendere la prova dei fatti. Il digitale rappresenta sicuramente un’occasione di semplificazione per le procedure complicatissime del nostro Fisco e si spera un risparmio per le finanze pubbliche. Ad oggi, l’effettivo “ribaltamento” dei vantaggi in termini di semplificazione sul singolo Contribuente è, in gran parte, ancora da vedere.

Con la dichiarazione precompilata IVA, e tutte le novità tecniche ad essa collegate si è avviato un ulteriore processo di condivisione dei dati fiscali che può essere di aiuto ai fini delle attività di controllo ed accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, ma l’attuazione sembra si tradurrà in ulteriori adempimenti a carico di contribuenti e professionisti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4