semplificazioni

Digital Hub: la piattaforma per semplificare i rapporti tra imprese e PA



Indirizzo copiato

Il Digital Hub rappresenta una svolta nel rapporto tra imprese e Pubblica Amministrazione. Attraverso l’utilizzo di algoritmi aperti certificati e API, questa innovativa piattaforma promette di rendere più efficiente e trasparente la comunicazione tra i due attori, superando i limiti dell’autocertificazione

Pubblicato il 20 dic 2023

Marco Conte

Vice-Segretario Generale Unioncamere

Gabriele Da Rin

Responsabile Relazioni Istituzionali InfoCamere



Smart,Warehouse,Management,System,With,Innovative,Internet,Of,Things,Technology

È passata qualche era geologica, in termini di tecnologia, dall’introduzione nel nostro ordinamento di una delle norme a quel tempo più attese dagli italiani alle prese con la burocrazia dei timbri. Eravamo alla fine del secolo scorso e, con l’autocertificazione[1], si mandavano finalmente in soffitta (timbri e bolli inclusi) molti dei certificati da presentare ogni qualvolta un cittadino o un imprenditore doveva attestare (alla pubblica amministrazione o a un gestore di pubblici servizi) i propri “stati, fatti o qualità”. Fino a quel momento, la circostanza che tali notizie fossero già note a qualche altro pezzo della PA non aveva alcuna rilevanza: per mandare avanti la pratica non c’era scampo: serviva il certificato.

L’autocertificazione: una soluzione ormai superata

Per oltre vent’anni, quella conquista ha permesso a ciascuno di noi di riappropriarsi di un po’ di libertà e di sentirsi cittadini e imprenditori ‘adulti’, membri di una società più moderna e meno vessatoria nei meccanismi burocratici che la governano. La crescita della complessità del mondo in cui viviamo, però, ha fatto sì che nel tempo le interazioni tra cittadini/imprenditori e PA siano continuamente aumentate e, con queste, anche la massa delle autocertificazioni necessarie, generando nuove criticità. Nel frattempo, anche le tecnologie si sono evolute ed hanno mostrato inevitabilmente i limiti di quello che ormai è uno strumento, nei fatti, superato.

L’autocertificazione, infatti, comporta inevitabilmente rischi di errori sia per chi la sottoscrive sia per la PA che è tenuta a verificarne la correttezza; implica la circolazione di dati (personali e non) che spesso eccedono le finalità del procedimento e/o che sono già in possesso delle PA; comporta numerose attività manuali suscettibili di errori, rende più complicato e costoso l’espletamento delle pratiche amministrative.

Le verifiche del Registro delle Imprese

Gran parte delle PA svolge – quantomeno a campione – controlli manuali sulle autocertificazioni che riceve, utilizzando documenti cartacei o, anche se digitali, di tipo “statico” (pdf). Solo per quanto riguarda il Registro delle Imprese delle Camere di commercio, parliamo di circa 5 milioni di documenti (visure camerali) destinati a verifica nell’ambito di autocertificazioni nell’anno 2022: quasi un documento per ogni impresa.

Il Registro delle Imprese è una banca dati definita dal Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD[2]) “di interesse nazionale” e può essere equiparato all’anagrafe dei cittadini visti come cittadini-imprenditori. Le informazioni che esso contiene riguardano tutti i soggetti che svolgono attività economiche nel nostro Paese e che sono tenuti per legge a comunicarle e a mantenerle aggiornate attraverso comunicazioni telematiche. Dati sulle sedi, sugli amministratori, sui soci e sul capitale sociale, sui bilanci, sulle certificazioni e molto altro ancora. Informazioni indispensabili per avviare procedimenti che riguardano l’impresa, dalla partecipazione ad un bando pubblico all’apertura di una linea di credito.

Se allarghiamo l’orizzonte all’intera PA, centrale e locale, è facile immaginare i costi totali e le inefficienze di un sistema basato sull’autocertificazione e quindi appare imperativo – per un Paese che sta traguardando la trasformazione digitale come passaggio decisivo per il proprio futuro – trovare soluzioni tecnologiche innovative e radicalmente diverse per il dialogo tra imprese e PA.

Il Digital Hub: una nuova soluzione per il dialogo tra imprese e PA

La disponibilità di nuove tecnologie, insieme allo sviluppo di adeguate competenze nella gestione di problemi organizzativi complessi, consente oggi di superare l’autocertificazione e di rendere pienamente digitale il rapporto impresa-PA. In attuazione di una specifica previsione normativa[3] – e nell’ambito del Piano nazionale per gli investimenti complementari al PNRR – il sistema camerale, con il coordinamento di Unioncamere e tramite il supporto operativo di InfoCamere (società in-house delle Camere di commercio per l’innovazione digitale), ha realizzato quello che la norma ha definito come “Servizio di collegamento delle imprese alla Piattaforma Digitale Nazionale Dati” (PDND[4]) più sinteticamente denominato “Digital Hub.

Il ruolo degli algoritmi aperti certificati e delle API

Attraverso questo servizio, le imprese possono autorizzare espressamente – in modo semplice e sicuro – il trattamento dei propri dati amministrativi per interagire automaticamente e in tempo reale con le PA. Grazie all’utilizzo di algoritmi aperti certificati (Open Algorithms, OPAL) reso possibile dall’evoluzione della PDND – non più concepita come un data lake dove duplicare dati e informazioni delle singole amministrazioni – e dal nuovo modello di interoperabilità che – nel rispetto delle linee guida AGID – prevede l’utilizzo di Application programming interface (API), il Digital Hub rende facile per le imprese collegarsi alla PDND e si configura come uno snodo che consente ai cittadini imprenditori e alle PA di dialogare dinamicamente tra di loro, attuando il principio “once only” e superando di fatto lo strumento dell’autocertificazione.

I vantaggi per le imprese

Il servizio è stato concepito fin dall’inizio tenendo ben presente che il modello alla sua base, per diventare un riferimento anche per altre tipologie di utenti e per altri procedimenti amministrativi, deve assicurare a tutti gli attori interessati dei benefici tangibili.

Dal lato delle imprese, al momento dell’avvio di un procedimento amministrativo è possibile:

  • autorizzare i controlli automatizzati sostitutivi dell’autocertificazione, evitando errori e rischi di false dichiarazioni;
  • non fornire più dati già in possesso di altre pubbliche amministrazioni (principio “once only”);
  • verificare automaticamente, mediante algoritmi aperti certificati (OPAL) la propria compliance, provvedendo se necessario a regolarizzare la propria posizione;
  • ottenere, su richiesta, informazioni certificate dalle pubbliche amministrazioni da utilizzare con i soggetti privati.

I benefici del Digital Hub per la Pubblica Amministrazione

Dal lato della PA, i vantaggi si possono riassumere nella possibilità di:

  • effettuare controlli automatizzati, evitando errori nella verifica delle autocertificazioni;
  • ottenere automaticamente la certificazione della compliance dell’impresa da parte delle altre pubbliche amministrazioni coinvolte nel procedimento amministrativo;
  • ridurre le richieste di accesso ai documenti contenenti dati non necessari ai controlli amministrativi.

Un esempio pratico del funzionamento del Digital Hub

Un esempio per comprendere il funzionamento pratico di questo flusso può essere quello di un imprenditore che vuole partecipare ad un bando per l’assegnazione di risorse pubbliche di una PA centrale (ma lo schema può funzionare ad ogni livello).

Per presentare la domanda, di norma l’imprenditore deve produrre una serie di documenti da sottoporre al vaglio degli uffici della PA che, al termine dell’iter, utilizza le informazioni ricevute per elaborare la classifica di assegnazione delle risorse. Ad oggi, questa procedura prevede l’utilizzo di forme diverse di autocertificazione da parte dell’imprenditore per attestare il possesso dei requisiti richiesti. Dati che spesso sono già nella disponibilità della PA, ma che l’imprenditore deve comunque comunicare rispondendo a domande che lo riguardano (ad esempio: il suo fatturato, quanti aiuti pubblici ha ricevuto in un certo intervallo, il numero di addetti e così via).

Sull’altro versante, la PA che riceve la domanda è tenuta a fare i necessari controlli, formali e sostanziali, rivolgendosi alle amministrazioni che detengono i dati certificati ed interrogando in varie modalità i rispettivi sistemi informatici. Come già detto, la forma più diffusa è l’analisi di documenti ufficiali in formato cartaceo o digitale statico (pdf).

Le criticità di questo tipo di flusso sono evidenti: aggravio di tempi/costi e possibili errori materiali su entrambe i versanti, quello dell’impresa e quello della PA, con conseguenze negative per entrambi: l’impresa può vedersi negato il beneficio e l’amministrazione rischia di sprecare inutilmente risorse pubbliche per l’istruttoria.

Il modello del Digital Hub

Secondo il modello del Digital Hub, l’imprenditore che intende partecipare al bando pubblico non deve fare altro che autorizzare la PA che chiede dati e informazioni relative alla sua impresa a prelevarli laddove questi risiedono (Registro delle Imprese, INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate e via dicendo). Come? Utilizzando la propria identità digitale tramite il cassetto digitale dell’imprenditore impresa.italia.it realizzato da InfoCamere per conto delle Camere di commercio – così come già facciamo con lo SPID per accedere ai diversi servizi pubblici disponibili in rete ed autorizzando l’utilizzo dei controlli automatici relativi ai propri dati.

Una volta dato il proprio consenso, l’imprenditore ha la certezza che la sua domanda sarà compilata con i dati esatti che gli vengono richiesti (perché ufficiali e già in possesso della PA), senza rischi di errori e contestazioni. Spetta poi all’algoritmo, opportunamente istruito, inviare a ciascuna amministrazione la precisa richiesta dello specifico dato – e solo quello – necessario alla compilazione della domanda di accesso al beneficio. Restando al caso del Registro delle Imprese, non c’è più bisogno per l’imprenditore di recuperare e inviare la propria visura camerale, lasciando che sia la PA ricevente a cercare tra i dati quei pochi che realmente sono necessari alla definizione della pratica.

Nel modello del Digital Hub la PA cui viene inoltrata una richiesta motivata deve solo rispondere con un “Si” o con un “No” (ad esempio: “Ha depositato il bilancio?”, “Chi ha firmato la pratica è titolare di cariche nell’impresa?” “L’impresa svolge effettivamente l’attività per cui sono offerti i benefici?” “E’ in regola con i versamenti contributivi dovuti?” o “L’impresa è iscritta alla Camera di commercio?” e così via); oppure con un valore (il fatturato dell’ultimo anno, il numero di addetti, ecc.). Nient’altro. In caso negativo, la PA evidenzia i motivi che impediscono all’impresa di completare il procedimento, facilitando e accelerando tra l’altro la compliance e la regolarizzazione di eventuali adempimenti amministrativi mancanti. Il controllo sui dati resta alla PA che ne è titolare e nessun dato viene inutilmente trasferito. Un’equazione in cui velocità, sicurezza e qualità producono il risultato dell’efficienza.

Conclusioni

In sintesi, il Digital Hub consente alla PA di semplificare e automatizzare i controlli relativi a stati, fatti e qualità delle imprese e dei loro amministratori e, in prospettiva, di superare definitivamente la logica del “pezzo di carta” (che si tratti di un certificato o di un’autocertificazione dell’impresa), passando dall’uso di documenti “statici” (cartacei, pdf) allo scambio di dati interoperabili “dinamici”.

In questa prima fase il servizio è partito con PA altamente automatizzate a livello centrale tramite specifici accordi, per poi progressivamente estendere il modello anche alle PA territoriali. L’auspicio è che il suo successo possa accelerare l’avviamento a regime della PDND e dare un contributo tangibile alla realizzazione del PNRR attraverso la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico, a vantaggio della competitività delle imprese e del sistema-Paese.

Note

  1. introdotta nel nostro ordinamento dalla c.d. legge Bassanini bis (l. n. 127/1997) e codificata nel Testo Unico in materia di documentazione amministrativa (D.P.R. n. 445/2000).
  2. D.Lgs. n. 82/2005
  3. art. 28 c. 1 d.l. n. 152/2021
  4. art. 50-ter del CAD

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2