fatturazione elettronica

E-Fattura, ecco cosa chiarisce la circolare 1/E dell’Agenzia delle Entrate e perché non basta

Una circolare spiega che la trasmissione telematica dei dati delle fatture elettroniche è sostanzialmente superata dalla trasmissione delle fatture attive e passive trasmesse tramite il Sistema di Interscambio per evitare la trasmissione dei dati (ex spesometro). Tuttavia non è ancora l’intervento legislativo di cui il mercato ha bisogno per decollare

08 Feb 2017
Daniele Tumietto

Dottore commercialista

tumietto-161030192535

L’Agenzia delle Entrate con la circolare 1/E del 7 febbraio 2016 ha fornito alcuni chiarimenti che erano necessari in applicazione delle normative contenuta nell’art.1, co.3, del Decreto Legislativo n.127 del 5 agosto 2015 e nell’art. 21 del Decreto Legge n.78 del 31 maggio 2010, relativamente alla trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse e ricevute, tenendo conto anche del provvedimento “Definizione delle informazioni da trasmettere, delle regole e soluzioni tecniche e dei termini per la trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute, per l’esercizio della relativa opzione e per la messa a disposizione delle informazioni ricevute ai sensi dell’articolo 1, commi 2 e 3, del decreto legislativo del 5 agosto 2015 n. 127” che tra le altre cose aveva:

– indicato quali dati delle fatture emesse e delle fatture ricevute e registrate e delle bollette doganali che devono essere trasmessi all’Agenzia delle Entrate dopo l’esercizio dell’opzione,

– definito il formato e le regole di compilazione della comunicazione con la quale tali dati devono essere organizzati,

– indicato le modalità di trasmissione dei dati delle fatture.

Viene specificato, con riferimento al dato da indicare nel campo “Natura” dealle fatture emesse che esso deve essere valorizzato in luogo del campo “Imposta” mediante una particolare codifica se il soggetto cedente o prestatore non ha indicato l’imposta in fattura in quanto ha indicato l’annotazione prevista dalla normativa. Le diciture da indicare in fattura sono quelle della seguente codifica:

  • Operazioni escluse N1 – escluse ex art. 15
  • Operazioni non soggette N2 – non soggette
  • Operazioni non imponibili N3 – non imponibile
  • Operazioni esenti N4 – esente
  • Operazioni soggette a regime del margine/Iva non esposta in fatture N5 – regime del margine/Iva non esposta in fattura
  • Operazioni soggette a inversione contabile/reverse charge N6 – inversione contabile (reverse charge)
  • Operazioni soggette a modalità speciali di determinazione/assolvimento dell’Iva N7 – Iva assolta in altro Stato UE

Per le fatture ricevute il campo “Natura” può essere compliato con le stesse codifiche sopra indicate con l’eccezione per le fatture ricevute che contengono l’annotazione “inversione contabile (reverse charge)”, per le quali vanno obbligatoriamente valorizzati i campi “Imposta” e “Aliquota”, oltre all’indicazione del campo “Natura” valorizzato con “N6”

Inoltre la circolare 1/E ha chiarito anche che le informazioni da trasmettere comprendono:

– le fatture emesse, comprese quelle annotate o da annotare nel registro dei corrispettivi,

– le fatture ricevute bollette doganali, comprese le fatture ricevute da soggetti che si avvalgono del regime forfetario o in regime di vantaggio cosiddetto dei “minimi”,

– le note di variazione relative ai predetti punti,

– mentre non comprendono i dati contenuti in altri documenti come, ad esempio, la scheda carburante.

La circolare, dopo aver definito il contenuto di alcuni campi relativi alla natura dell’operazione ed al contenuto dei dati del documento, evidenzia che può essere fornito il dato relativo alla percentuale di detraibilità o, in alternativa, alla deducibilità del costo riportato in fattura. Nel ricordare che esso è facoltativo e riferito all’eventuale deducibilità o detraibilità del costo ai fini delle imposte sui redditi per l’acquirente persona fisica che non esercita attività di impresa, arte o professione.

Per quanto riguarda i campi relativi alla “stabile organizzazione” ed al “rappresentante fiscale” la circolare che devono essere inseriti i dati identificativi se questi sono presenti in fattura.

Analogamente anche per le bollette doganali devono essere indicati i dati del cedente a condizione che siano presenti nel relativo documento, diversamente vanno indicati i dati dell’Ufficio Doganale in cui è stata emessa la relativa bollette.

Inoltre è chiarito che per le fatture di acquisto e/o vendita di importo inferiore ad euro 300,00, che possono essere registrate mediante un documento riepilogativo, vale comunque l’obbligo di comunicare i dati relativi ad ogni singola fattura.

Un chiarimento importante fornito dalla circolare riguarda il regime forfettario delle associazioni sportive dilettantistiche (ex lege n.398/91) per le quali è stato indicato che essi devono trasmettere i dati delle fatture emesse, mentre per le fatture ricevute i dati non devono trasmessi in quanto tali soggetti sono esonerati dall’obbligo della registrazione.

La circolare in esame illustra poi alcuni aspetti collegati alla “Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute” il cosiddetto spesometro (ex art.21 del Decreto Legge n.78 del 31 maggio 2010).

Innanzitutto è indicato che i dati delle fatture ai fini delle trasmissioni opzionali, di all’art.1, co. 3, del D.Lgs. n.127/2015, valgono anche per assolvere l’obbligo di comunicazione dei dati fattura stabilito dal novellato art. 21 del Decreto Legge n.78/2010.

Per i contribuenti che non hanno esercitato l’opzione ex art.1, co. 3, del D.Lgs. n.127/15, è possibile utilizzare il Sistema di Interscambio per emettere o ricevere fatture elettroniche e, conseguentemente i “dati delle fatture emesse e ricevute” sono acquisiti dall’Agenzia delle entrate. Nel caso in cui non tutte le fatture emesse e ricevute siano fatte transitare dal Sistema di Interscambio, il contribuente potrà inviare i dati relativi alle altre fatture e, se ciò risultasse più agevole, anche quelli di tutte le fatture, semplificando quindi gli adempimenti collegati alle comunicazioni.

Per quanto riguarda i produttori agricoli operanti in zone diverse da quelle di cui all’art. 36, co. 8-bis del Decreto Legge n. 179/2012 (convertito con modificazioni dalla Legge n.221 del 17 dicembre 2012) è chiarito che essi assolvere all’obbligo di comunicazione mediante l’utilizzo di una modalità che sia compatibile con il regime semplificato applicabile di cui all’art.34, co. 6, del D.P.R. n. 633/1972.

Per quanto riguarda le Pubbliche Amministrazioni, in conseguenza dell’obbligo di fatturazione mediante trasmissione utilizzando il Sistema di Interscambio, è indicato l’esonero dall’obbligo di invio dei dati delle fatture ricevute, mentre permane logicamente l’obbligo di invio dei dati delle fatture e delle note di variazione emesse nei confronti di soggetti diversi dalle Pubbliche Amministrazioni che non siano transitate dal Sistema d’Interscambi.

Passando ai contribuenti che sono accedono al regime forfettario (ex art.1, co.54-89, Legge 190 del 23 dicembre 2014) la circolare chiarisce che essi sono esonerati dall’invio dei dati di tutte le fatture perché il loro particolare regime fiscale prevede che essi non abbiano adempimenti connessi alle fatture ed all’Iva (sua indicazione in fattura, sua detrazione per gli acquisti, registrazione dei documenti e presentazione della dichiarazione Iva).

Anche per i contribuenti minimi, altro regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, è chiarito che essi non sono obbligati all’invio dei dati delle fatture,

La circolare infine pone l’attenzione sui contribuenti con operazioni straordinarie o altre operazioni straordinarie quali fusioni, scissioni, cessioni di azienda, conferimenti… è precisato che il soggetto avente causa deve procedere alla trasmissione di distinte comunicazioni in cui siano indicati:

– i dati delle sue fatture,

– i dati delle fatture del soggetto dante causa estinto, relativi al periodo nel quale ha avuto efficacia l’operazione straordinaria;

– i dati delle fatture relative al periodo precedente l’operazione straordinaria, nel caso in cui il soggetto dante causa non vi abbia autonomamente provveduto poiché i termini per l’invio non erano ancora decorsi.

Nel complesso la circolare 1/E dell’Agenzia delle Entrate ha fornito delle risposte ad alcuni dei quesiti che la dottrina aveva formulato, ma va osservato che altri dubbi permangono e ci auguriamo che quanto prima siano risolti con nuove indicazioni in merito ai comportamenti da tenere da parte dei contribuenti. Una circolare non può infatti sostituirsi a una norma di legge per risolvere il “pasticcio” che si è creato di due leggi che regolano la medesima materia con previsioni benefici, incentivi e sanzioni differenti. Questo non va bene per il mercato, per i contribuenti e per tutti gli operatori economici che operano in quell’ambito.

Serve un nuovo testo di legge che renda anche più interessante il suo utilizzo magari introducendo l’obbligo di utilizzare la fattura elettronica nel settore privato, avviando un percorso graduato in un periodo di 2 anni coinvolgendo prima le grandi imprese, l’anno successivo le medie e infine, l’anno seguente, le piccole imprese ed i professionisti (sul modello di quanto sta accadendo in Francia). Il mercato ha bisogno di regole certe e chiare.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3