Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

eFatture: non serve il codice destinatario per recapitarle correttamente

24 Gen 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Gentilissimi, esiste un modo rapido per ottenere il codice SDI dalla partita Iva del cliente, senza doverlo chiedere al cliente stesso?

Nel nostro caso infatti ci troviamo a dover gestire diversi clienti B2B (di cui abbiamo P.IVA), ma non è facile ottenere da tutti il codice.

Luca Luraschi

RISPOSTA

Il Codice destinatario, che sia o meno registrato all’Agenzia delle Entrate, non è un dato accessibile.

Per le fatture emesse nei confronti di soggetti titolari di partita IVA (che quindi sono obbligati ad avere un indirizzo di posta elettronica certificata) di cui non si conosce il codice destinatario, occorre riempire il campo con  sette zeri ed  inserire l’indirizzo di PEC (ricavabile qui).

Così procedendo, il suo cliente riceverà le fatture elettroniche nel canale telematico predefinito, se lo ha registrato presso l’Agenzia delle Entrate, ovvero all’indirizzo di PEC che Lei  avrà indicato in fattura in caso contrario.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4