Fattura elettronica, come rispettare l'obbligo di progressione nella numerazione | Agenda Digitale

Esperto risponde

Fattura elettronica, come rispettare l’obbligo di progressione nella numerazione

Approfondiamo la normativa di riferimento per capire le regole della numerazione progressiva delle fatture

23 Mar 2021
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

DOMANDA

Salve, chiedo un chiarimento rispetto a un precedente articolo.  Io ho emesso fattura ON-1-2021 (tale dicitura antecedente è per definire il tipo di numerazione interna al fine di suddividere meglio la tipologia di fattura avendo un’attività che opera in due tipologie di servizi diversi). La seconda fattura con lo stesso pre-codice l’ho erroneamente fatta con ON-22-2021 invece che ON-2-2021. Volevo chiedere se devo per forza fare una nota di credito (preferirei di no visto che è un cliente nuovo) o se posso lasciare così com’è e proseguire con la prossima fattura che sarà ON-23-2021. Nell’attesa di una sua cordiale risposta in merito saluto cordialmente.

William Onesti

RISPOSTA

La norma a cui fare riferimento è l’articolo 21, comma 2, lettera b), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 (di seguito, decreto IVA) – così come sostituito dall’articolo 1, comma 325, lettera d), della legge 24 dicembre 2012, n. 228 – per le operazioni effettuate a partire dal primo gennaio 2013, che prevede che la fattura deve contenere “un numero progressivo che la identifichi in modo univoco”. Se Lei passa dalla fattura numero 2 alla fattura 22 e poi prosegue la numerazione ha rispettato l’obbligo di progressione, viceversa, se Lei dopo avere emesso la fattura n. 22 emettesse la fattura n.3, la progressione verrebbe meno. In ogni caso, la progressione “sostanziale” della emissione è data dal Sistema di interscambio, che attribuisce a ciascuna fattura ricevuta un progressivo univoco che, pur essendo cosa diversa dalla progressione a cui fa riferimento l’articolo 21, realizza la certezza della univocità della fattura elettronica. Ragion per cui un eventuale errore nella attribuzione della numerazione delle fatture potrebbe essere considerato meramente formale e quindi non sanzionabile, a norma dell’articolo 6, comma 5-bis, del Decreto legislativo 472/1997.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

 Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3