Esperto risponde

Fattura elettronica e prestazioni occasionali, ecco come fare

Le regole per gestire le prestazioni occasionali in linea con la normativa fiscale , nei casi in cui il professionista sia titolare di partita Iva oppure no

14 Feb 2020
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

fattura elettronica

DOMANDA

Lavoro in una scuola pubblica e vorrei sapere se un professionista non titolare di partita Iva, che ha svolto una prestazione professionale occasionale come Rspp presso la nostra scuola, è obbligato a emettere fattura elettronica oppure può rilasciare solo una ricevuta cartacea?

Elvira Ferone

RISPOSTA

WHITEPAPER
Sicurezza e strumenti digitali intelligenti: il nuovo volto dello Smart Working
Dematerializzazione
Network Security

La qualificazione di occasionalità della prestazione è un onere che difficilmente lei può assolvere. Difatti, la condizione che obbligherebbe il professionista ad operare con la partita Iva è  definita dall’articolo 5 del DPR 633/1972, secondo cui “per esercizio di arti e professioni si intende l’esercizio  per  professione  abituale,  ancorché  non  esclusiva, di qualsiasi attività  di lavoro autonomo da   parte  di   persone  fisiche  ovvero  da  parte di società semplici o di  associazioni  senza personalità  giuridica costituite tra persone fisiche per  l’esercizio in forma associata delle attività stesse”.

L’abitualità riguarda il soggetto che effettua la prestazione, quindi se la prestazione ha requisiti oggettivamente occasionali può accettare una ricevuta anziché la fattura elettronica. Tenga presente che anche qualora la attività non fosse occasionale e il professionista fosse titolare di partita Iva e si avvalesse di un regime di favore o forfettario, sarebbe esonerato dall’obbligo di emissione di fattura elettronica.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2