Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fattura elettronica, ecco quando non viene recapitata nel canale prescelto

La fattura elettronica viene inoltrata al canale telematico predefinito solo quando contiene la partita IVA del cessionario

03 Dic 2019
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Sto riscontrando che alcune volte le fatture elettroniche dei fornitori non arrivano direttamente nel mio portale software che utilizzo ma restano “a disposizione” nell’area di Fatture e corrispettivi. Premetto che ho indicato all’inizio dell’anno all’interno dell’area riservata il codice destinatario del mio gestionale e quindi mi arrivano correttamente tutte le fatture fornitori indipendentemente dal fatto che loro abbiano indicato la mia pec oppure il mio codice destinatario oppure 0000000.

Ultimamente però ho notato che alcune fatture dei fornitori non mi giungono sul mio gestionale ma restano nell’area a disposizione. Ho visto anche, in questi casi, che nella fattura sono indicati 0000000 Ma sino ad oggi, anche se venivano indicati 000000, la fattura mi perveniva sul gestionale. È cambiato qualcosa nella procedure di consegna della fatture?

Giovanni Rocco

RISPOSTA

Per rispondere alla sua domanda occorrerebbe conoscere il contenuto delle fatture che non vengono recapitate tramite  il canale telematico prescelto, per comprendere quale sia l’elemento che ne produce il diverso trattamento da parte del sistema di interscambio e confrontarle con una che viene gestita in maniera corretta.

Una possibilità potrebbe generarsi nella ipotesi in cui il suo fornitore non abbia indicato nella fattura elettronica la sua partita IVA ed abbia indicato solo il suo codice fiscale, per cui il sistema di interscambio non ha la possibilità di  effettuare il collegamento tra la partita IVA e il codice destinatario predefinito e registrato. In questa ipotesi la fattura verrebbe considerata relativa alla sua sfera privata, non inoltrata quindi al canale telematico prescelto e depositata nella sua area riservata dell’agenzia delle entrate, accessibile con le credenziali Entratel/fisconline.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4