Fattura elettronica rifiutata, ecco i tempi per la nuova emissione | Agenda Digitale

Esperto risponde

Fattura elettronica rifiutata, ecco i tempi per la nuova emissione

La fattura elettronica deve essere trasmessa entro 12 giorni dalla data di effettuazione della operazione: vediamo il termine entro cui inviarla di nuovo in caso di rifiuto

03 Ago 2020
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Sono un CTU le cui perizie vengono liquidate dall’INPS previo invio di fattura elettronica proforma, successivamente al pagamento da parte dell’ Inps emetto fattura elettronica al Tribunale, desidero sapere entro che termini dal pagamento devo emettere la fattura e se viene scartata dal tribunale come posso re-inviarla.

Grazie

francosire@libero.it

RISPOSTA

La fattura elettronica deve essere emessa con la data di effettuazione della operazione che, nel suo caso, coincide con la data del pagamento. La fattura, a norma dell’articolo 21, comma 4, del DPR 633/1972, deve essere trasmessa entro 12 giorni dalla data di effettuazione della operazione.

Qualora la fattura sia stata rifiutata dal tribunale lei può ritrasmetterla al SDI, dopo averla rettificata, entro cinque giorni dalla notifica di rifiuto, con la data ed il numero del documento originario.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4