Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

Fattura elettronica: uso dei servizi di fatturazione, consultazione e conservazione dell’AdE

18 Gen 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Sono titolare di una piccola società di consulenza pubblicitaria in forma di una sas. Sono in contabilità semplificata e faccio una/due fatture al mese per un totale di 20/30.000 euro annui. Ricevo pochissime fatture, alcuni mesi nessuna. Possiedo una Pec e ho le credenziali di accesso al mio cassetto fiscale, mi sarebbe utile il codice identificativo o posso farne a meno? Esistono delle esercitazioni  on line per simulare l’emissione e conservazione di fatture elettroniche tramite il software della agenzia delle Entrate, ho scaricato il manuale ma ho dei dubbi.

Sergio Cau

RISPOSTA

Il Codice identificativo agevola la ricezione delle fatture, ma avendo la sua attività dimensioni modeste, Lei  potrebbe anche utilizzare la PEC come canale predefinito di ricezione, tenendo presente che comunque tutte le fatture, emesse e ricevute sono messe a sua disposizione nella sua area riservata accessibile tramite credenziali Entratel / Fisconline.

Per quanto riguarda il ciclo attivo, il codice destinatario non le sarebbe di alcuna utilità, se non per avere un canale diverso dalla PEC per la ricezione degli esiti delle trasmissioni.

L’Agenzia delle Entrate offre inoltre  un servizio gratuito di conservazione delle fatture elettroniche, fruibile  tramite un accordo di servizio.

Non mi sembra quindi esistano i presupposti per consigliarle servizi ulteriori o diversi da quelli essenziali ma comunque validi posti in essere dall’Agenzia delle Entrate.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3