Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Numerazione di ddt e fattura nel caso di consignment stock o di emissione per conto terzi

12 Giu 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Le scrivo in quanto le chiederei se mi riuscisse a chiarire gentilmente questo quesito in caso di un contratto di consignment stock in Italia.

Esiste una norma o un riferimento normativo che dica che nel caso di emissione della fattura elettronica per conto di un terzo che ha diversi fornitori, si devono numerare fattura ed DDT, in una modalità specifica per ciascuno?

Federica Milone

RISPOSTA

Non esistono norme specifiche che regolamentano le modalità di numerazione delle fatture e dei DDT nel caso da Lei prospettato.

Tuttavia, l’Agenzia delle Entrate, nella FAQ n.47 del 21 dicembre 2018, ha chiarito, in un caso analogo, che l’impresa avrebbe potuto  “… emettere la fattura per ogni singolo socio utilizzando una distinta numerazione per ciascun conferente (es. 1/Cop__, 2/Cop__, ecc). In tal modo, le fatture emesse dalla cooperativa per conto del socio risulteranno progressive con riferimento al singolo socio, e saranno distinte da tutte le altre fatture emesse dal socio stesso ad altri clienti, che seguiranno una numerazione progressiva diversa (ad esempio per gli altri clienti il socio numererà le fatture con 1, 2, 3, ecc.)”.

Le suggerirei di individuare un prefisso “originale” per ciascun soggetto per conto del quale emetterà le fatture per evitare la possibilità che possano generarsi duplicati di fatture (ossia stesso numero per anno/emittente, che è sempre il soggetto cessionario), che il sistema di interscambio scarterà a seguito dei controlli di unicità del documento.

Questo procedimento potrebbe essere utilizzato eventualmente anche per i DDT, per i quali non c’è ovviamente alcun controllo di unicità.

Le ricordo infine che la fattura dovrà essere emessa inserendo:

  • i dati del suo fornitore nel blocco 1.2 (cedente/prestatore);
  • i suoi dati nel blocco 1.4 (cessionario/committente);
  • il valore “CC” nel campo 1.6(fattura emessa da Cessionario/Committente).

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4