la critica

Fatturazione elettronica tra privati: smontiamo gli entusiasmi

La fattura elettronica può essere già utilizzata tra i privati dal 2004. Oggi un nuovo Decreto Legislativo al vaglio del Governo si pone l’obiettivo di favorire tale pratica proponendo incentivi e offrendo, attraverso l’Agenzia delle Entrate, un servizio gratuito per la fatturazione che potrebbe risultare alquanto inutile e dispendioso. Sarebbe invece più utile impiegare le risorse per una più efficace campagna di sensibilizzazione e informazione sull’utilizzo dello strumento

29 Apr 2015
Enrica Maio

Digital&Law Department – Ufficio di Presidenza ANORC

fatturazione-elettronica-digitalizzazione-130612005343

Nella foga di raccontare la fatturazione elettronica verso la PA, a qualcuno sembra quasi essere sfuggito che la fattura elettronica, ossia quella emessa e ricevuta in un qualunque formato elettronico, può già essere utilizzata tra i privati sin dal 2004 (e quindi sin dall’introduzione della fattura elettronica nel nostro ordinamento avvenuta con il D.Lgs n. 52/2004 in attuazione della direttiva 2001/115/CE).

In seguito, sono arrivate le ulteriori modifiche e semplificazioni del D.Lgs n. 18/2010 (di recepimento delle direttive 2008/8/CE, 2008/9/CE e 2008/117/CE che hanno modificato anche la direttiva 2006/112/CE). Dopo tutte queste modifiche apportate al Decreto IVA 633/1972, con la legge di stabilità del 2013[1] e le circolari dell’Agenzia delle Entrate n. 12 del 3 maggio 2013 e n. 18 del 24 giugno 2014 si è inteso, quindi, dare ulteriore impulso alla diffusione della fatturazione elettronica fra privati che già da tempo esisteva nel nostro ordinamento. Sempre a questo scopo, lo scorso 21 aprile il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che ora dovrà passare al vaglio delle commissioni parlamentari, il quale introduce misure volte ad incentivare, mediante la riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili a carico dei contribuenti, l’uso della fattura elettronica e la trasmissione informatica dei corrispettivi, nonché adeguati meccanismi di riscontro tra la documentazione in materia di IVA e le transazioni effettuate: ciò comporta ovviamente anche un potenziamento dei relativi sistemi di tracciabilità dei pagamenti.

Per favorire l’utilizzo della fatturazione elettronica anche tra i privati, il decreto in esame offre due specifici incentivi:

semplificazioni (soprattutto per le piccole imprese);

rimborsi IVA più veloci.

Le nuove misure, quindi, introducono una riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili che va a totale vantaggio dei soggetti passivi IVA e perciò delle imprese che utilizzano la fattura elettronica. In particolare, si prevede che l’Agenzia delle Entrate renda disponibile gratuitamente, a partire dal 1° luglio 2016, un servizio per la predisposizione e l’invio del file contenente i dati della fattura. Questa scelta non ci sembra però molto condivisibile e potrebbe comportare delle conseguenze negative che forse non sono state ben valutate. Risulta difficile capire, infatti, quale sia la necessità di offrire gratuitamente un servizio per la predisposizione della fattura elettronica che – ai sensi del DPR 633/1972 e delle richiamate Circolari dell’Agenzia delle Entrate (nonché delle Note esplicative alla Direttiva 45/2010/UE)[2]può essere predisposta anche come semplice file .pdf, firmato digitalmente e inviato via e-mail.

Perché dunque prevedere l’ennesimo spreco di risorse pubbliche per avviare complicati e inutili sistemi gestionali “di Stato”? Oltre allo spreco di risorse, questa scelta comporterebbe di fatto anche un grave danno al mercato e alla libera concorrenza, a scapito dell’offerta di applicativi sempre più efficienti ed economici e sempre più integrati e integrabili con i necessari sistemi di conservazione di documenti informatici. Forse sarebbe più utile investire su campagne di comunicazione utili a diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza dello strumento e della sua semplicità di utilizzo tra privati. La fatturazione elettronica tra privati rimane comunque facoltativa, anche in base al divieto comunitario di obbligare i privati al suo utilizzo: essi potranno, a decorrere dal 1° gennaio 2017, scegliere di inviare in via telematica all’Agenzia delle Entrate tutte le fatture emesse e ricevute riguardanti le operazioni IVA effettuate; tale scelta avrà effetto per cinque anni a partire dall’anno solare in cui viene effettuata e sarà rinnovabile in seguito con la stessa cadenza quinquennale.

Lo schema di decreto legislativo licenziato dal Consiglio dei Ministri prevede anche delle novità circa le nuove modalità semplificate per i controlli fiscali: questi, infatti, potranno essere effettuati anche da remoto, andando a snellire gli adempimenti in capo ai contribuenti. Altra novità prevista dal decreto è la sostituzione dell’emissione dello scontrino fiscale con la registrazione dei corrispettivi da parte delle imprese, sulla quale sarà indispensabile effettuare severi e rigidi controlli per non agevolare possibili pratiche elusive (resterebbe la possibilità per il cliente di richiedere una ricevuta, anche digitale, quando questa sia ad esempio necessaria per attivare una garanzia o per dimostrare un avvenuto acquisto).

In tale prospettiva, si intende introdurre anche l’obbligatorietà della memorizzazione elettronica e della trasmissione telematica dei dati da parte dei gestori di distributori automatici. Per quanto riguarda gli incentivi, invece, il decreto prevede che i privati che scelgono la fatturazione elettronica non siano soggetti agli obblighi di comunicazione dello “spesometro” (che deve essere obbligatoriamente inviato per tutte le operazioni attive e passive effettuate e rilevanti ai fini dell’IVA). Inoltre, agli stessi soggetti non dovrebbe essere imposto nessun obbligo di comunicazione nel caso di operazioni con importo superiore a 10.000 euro riguardanti cessioni di beni e servizi effettuate nei confronti di operatori economici con sede in Paesi “black list”. Infine, sempre secondo lo schema di decreto, i contribuenti aderenti alla fatturazione elettronica dovrebbero beneficiare di rimborsi IVA più veloci, entro tre mesi dalla dichiarazione IVA annuale.

[1] Con cui è stata recepita la Direttiva 45/2010/UE.

[2]Rinvenibile al sito http://ec.europa.eu/taxation_customs/resources/documents/taxation/vat/traders/invoicing_rules/explanatory_notes_it.pdf, si vedano in particolare i commenti a pag. 9.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3