Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

ESPERTO RISPONDE

Fatture, è obbligatorio il timbro o l’etichetta ne sostituisce il valore?

di Salvatore De Benedictis, commercialista

31 Gen 2017

31 gennaio 2017

Domanda

L’azienda per cui lavoro sta sviluppando per il 2017 l’archiviazione sostitutiva del ciclo passivo.

Ad oggi, le fatture sono tutte cartacee e vengono protocollate tramite timbro e scritta a penna.

Noi vorremmo sviluppare un sistema di barcode, con protocollo numerico a vista, che sostituisca tale timbro e permetta l’archiviazione digitale tramite scansione OCR.

La domanda è: a livello legislativo, è obbligatorio il timbro o l’etichetta ne sostituisce il valore?

Grazie mille per la consulenza

Anonimo

 

Risposta

Gentile lettore, l’obbligo di numerazione delle fatture di acquisto è sancito dall’articolo 25, del DPR 633/1972, che così dispone: “Il contribuente deve numerare in ordine progressivo le fatture e le bollette doganali relative ai beni e ai servizi acquistati o importati nell’esercizio dell’impresa, arte o professione, comprese quelle emesse a norma del secondo comma dell’articolo 17 e deve annotarle in apposito registro anteriormente alla liquidazione periodica, ovvero alla dichiarazione annuale, nella quale e’ esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta.”

La sua domanda non è quindi connessa specificatamente al tema della fatturazione elettronica, considerato che la questione potrebbe porsi anche per le fatture analogiche che non siano sottoposte al processo di conservazione sostitutiva.

Al riguardo non esiste alcuna preclusione normativa alla procedura da Lei segnalata. Anzi, le segnalo che l’Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n.318 del 7 novembre 2007, rispondendo ad un contribuente che aveva chiesto se fosse possibile – tra l’altro – adottare un sistema di protocollazione “……..tramite apposizione di etichetta riportante il protocollo di arrivo  e la sua traduzione in codice a barre al fine di consentirne la lettura ottica da parte dello scanner”, non ha posto alcuna causa ostativa alla adozione della procedura sopra illustrata.

Si ritiene pertanto che l’etichetta adesiva possa sostituire la tradizionale annotazione del protocollo IVA a penna.

 

Salvatore De Benedictis

Dottore Commercialista

Componente Forum Fatturazione Elettronica presso l’Agenzia delle Entrate

Articoli correlati