pratiche commerciali

I rischi commerciali nella filiera agroalimentare: norme e tecnologie per contratti equi e trasparenti

Il D. Lgs. n. 198/2021 ha dettato nuove regole in materia di commercializzazione, nell’ambito dei rapporti B2B, di prodotti agricoli e alimentari. Il punto sull’evoluzione normativa e tecnologica della filiera

Pubblicato il 09 Mar 2023

Gianluca Albè

A&A Studio Legale

Federica Bottini

A&A Studio Legale

blockchain

Il D. Lgs. n. 198/2021, di attuazione della Direttiva (UE) n. 2019/633 del 17 aprile 2019 “in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare”, ha dettato nuove regole in materia di commercializzazione, nell’ambito dei rapporti B2B, di prodotti agricoli e alimentari, ossia di quei prodotti elencati nell’allegato I del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea e di quei prodotti che a partire da essi vengono trasformati per uso alimentare.

Blockchain, perché è utile nel settore alimentare: tracciabilità, certificazioni, filiera, tutte le applicazioni

Le nuove norme

Alla base delle nuove norme, che hanno portato all’abrogazione della disciplina previgente contenuta all’art. 62 del D.L. n. 1/2012, vi è la consapevolezza che la filiera agricola e alimentare, pur registrando un’importante crescita, è connotata da un maggiore rischio commerciale rispetto ad altri mercati, poiché al rischio proprio di ogni attività economica si lega anche un ulteriore grado di incertezza, legato sia alla connaturata stagionalità e deperibilità dei prodotti, sia alla circostanza che l’andamento del mercato risente inevitabilmente dei fenomeni metereologici.

Per tali motivi, si tratta di un settore sicuramente più sensibile agli squilibri di potere contrattuale tra gli operatori, ponendosi un’esigenza di tutela del contraente “più debole”, esposto più facilmente all’imposizione di condizioni contrattuali unilaterali e non negoziabili.

Limitandoci in questa sede a citare alcuni degli esempi con maggiore rilevanza pratica, gli operatori della filiera sono stati chiamati ad adeguare alle nuove disposizioni relative alla forma dei contratti di cessione e ai termini di pagamento anche tutti i contratti in corso, nel termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del provvedimento.

Parallelamente all’evoluzione normativa, la filiera agricola e alimentare ha conosciuto un notevole sviluppo anche in termini di innovazione e digitalizzazione. La blockchain, per esempio, ha già avuto interessanti applicazioni nel settore, che hanno portato ad una maggiore efficienza della supply chain. Infatti, beneficiando delle garanzie di immutabilità dei dati iscritti nel registro distribuito, è stato possibile incrementare la tracciabilità dei prodotti in tutte le fasi, a partire dalla loro coltivazione e fino ad arrivare alla distribuzione e vendita all’utilizzatore finale, coprendo anche tutte le fasi intermedie. Peraltro, tutti i soggetti coinvolti possono accedere a alle informazioni registrate sulla blockchain relative al prodotto, assicurando anche maggiori garanzie di qualità.

L’obbligo di contratti in forma scritta

Si è visto come la relazione commerciale, in tutte le sue fasi, debba essere ispirata a principi di equità e trasparenza, nonché caratterizzata da prestazioni proporzionate tra le parti e non antieconomiche per una di esse a vantaggio dell’altra.

In considerazione di ciò, le cessioni di prodotti agricoli e alimentari non possono più essere regolate tramite accordi raggiunti verbalmente, prevedendo per i relativi contratti la forma scritta ad substantiam.

Quindi, per essere considerati validi, tutti i contratti di cessione devono essere conclusi mediante atto scritto che sia non solo stipulato in un momento anteriore rispetto alla consegna dei prodotti ceduti, ma che indichi obbligatoriamente (i) durata, (ii) quantità (iii) caratteristiche dei prodotti, (iv) prezzo, (v) modalità di consegna e (vi) modalità di pagamento.

Per dare attuazione a questo obbligo, si pongono due alternative: è innanzitutto possibile optare per la stipulazione di un vero e proprio contratto con tutti gli elementi essenziali richiesti dall’art. 3 del D. Lgs. n. 198/2021 oppure, in tutte le ipotesi in cui invece il contratto di cessione è rappresentato da ordini di acquisto, fatture, documenti di trasporto o equipollenti – come di frequente accade nella prassi del mercato, trattandosi di modalità più snelle di conclusione del contratto – tutti i successivi contratti di cessione possono essere disciplinati con un accordo quadro. L’accordo quadro rappresenta in tal caso una sorta di convenzione con cui si pongono tutti gli elementi essenziali dei contratti che saranno conclusi in un determinato periodo.

In tale contesto, la blockchain può fornire un valido supporto per la gestione dei documenti e per la relativa conservazione ed archiviazione. I vantaggi rispetto ai sistemi tradizionali sono molteplici. Innanzitutto, oltre ad introdurre un meccanismo più snello, si verifica anche la possibilità di conferire maggiore sicurezza ai documenti registrati nella catena di blocchi, dato che le garanzie di immutabilità prevengono modifiche non autorizzate e contraffazioni. Non meno importante è poi la maggiore sostenibilità e tutela dell’ambiente data dalla digitalizzazione rispetto alla conservazione dei documenti cartacei.

Termini di pagamento

Un altro aspetto oggetto di revisione è costituito dai termini di pagamento che, tutelando il fornitore dei prodotti, differiscono da quelli previsti dal vecchio art. 62 D.L. n. 1/2012, distinguendo le seguenti ipotesi:

  • se la consegna è pattuita su base periodica, il pagamento deve essere effettuato entro 30 giorni – per beni deperibili – o entro 60 giorni – per beni non deperibili – dalla fine del periodo di consegna convenuto dalle parti (che in ogni caso non può essere superiore a un mese), oppure dalla data in cui è stabilito l’importo da corrispondere (in base a quale delle due date è successiva). Quest’ultimo, potrebbe corrispondere alla data di ricezione della fattura se nella stessa viene definito per la prima volta il prezzo;
  • se la consegna è invece pattuita su base non periodica, il pagamento deve essere effettuato entro 30 giorni – per beni deperibili – o entro 60 giorni – per beni non deperibili – dalla consegna o dalla data in cui è stabilito l’importo da corrispondere (in base a quale delle due date è successiva).

Occorre considerare che le previsioni appena esaminate hanno carattere imperativo e inderogabile, quindi qualunque pattuizione o clausola contrattuale contraria è da considerarsi nulla. Inoltre, in caso di violazione dei termini di pagamento indicati nell’articolo sono automaticamente dovuti dall’acquirente gli interessi di mora e a cui il fornitore non può rinunciare.

Anche in questo caso, le nuove tecnologie offrono diverse opportunità. Si pensi per esempio all’automazione dei processi che potrebbe essere assicurata dall’implementazione degli smart contract. Ciò, in particolare, si rifletterebbe nella possibilità di tenere sotto controllo tutte le fasi dell’ordine e della sua esecuzione, quindi la fatturazione ed i relativi pagamenti, ma anche gli eventuali interessi per le ipotesi di inadempimento.

Blockchain, per l’agrifood rivoluzione smart contract: ecco vantaggi e limiti

L’impatto delle nuove regole e la digitalizzazione

È evidente che le nuove norme si sono scontrate con la prassi del settore: da un lato sono stati introdotti maggiori formalismi, con un forte impatto in un mercato caratterizzato da rapporti commerciali spesso costruiti su accordi verbali, dall’altro, la violazione implica l’irrogazione di sanzioni.

In ogni caso, il D. Lgs. n. 198/2021, con la Legge n. 51/2022 di conversione del D.L. n. 21/2022 c.d. “Crisi Ucraina Ter” è già stato oggetto di alcuni correttivi nella consapevolezza che gli interrogativi portati dalle nuove norme sono molti. Infatti, è stata integrata la definizione di prodotti agricoli e alimentari deperibili estendendola ai prodotti a base di carne ed è stata allargata l’operatività della disciplina dei termini di pagamento.

Al tempo stesso, il settore ha conosciuto un’importante crescita negli ultimi anni e parallelamente anche le vendite online. Si è visto come ci siano già stati esempi di applicazioni della tecnologia blockchain per ottimizzare la supply chain. Si può rilevare anzi come la digitalizzazione possa fornire un valido supporto agli operatori per monitorare tutti i processi, a partire dall’attività sui campi fino a coprire anche la gestione amministrativa: tramite piattaforme in grado di raccogliere i dati, per esempio, potrebbero essere tenuti sotto controllo, in modo automatizzato, i termini di pagamento e le date di consegna, con indubbi vantaggi sia per il fornitore, sia per l’acquirente allo scopo di evitare la violazione delle disposizioni inderogabili e le conseguenti sanzioni oltre che una palese ottimalizzazione (e riduzione) dei costi. Non solo.

Anche i contratti possono diventare “smart”, a beneficio di una automatizzazione delle relazioni commerciali tra gli operatori coinvolti, in tutte le fasi della supply chain. Produzione, logistica, ma anche rapporti con gli Istituti di credito possono digitalizzarsi. Inoltre, la blockchain, se correttamente applicata, può rivelarsi essenziale al fine di ridurre tutti quelli che sono gli sprechi alimentari puntando la società che la adotta alla sostenibilità – sempre più richiesta da istituzioni, istituti di credito, fornitori e clienti – attraverso la ricerca ed il raggiungimento di alcuni dei 17 SDGs delle Nazioni Unite quale, in particolare, il n. 2 (ZERO HUNGER) quindi la promozione di una agricoltura sostenibile.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3