gruppo di lavoro mise

L’intelligenza artificiale al servizio dell’Italia e gli italiani: le idee al Mise

Per favorire le tecnologie basate sull’Intelligenza artificiale, serve un ecosistema favorevole all’innovazione. Questo può essere creato sostenendo la ricerca, sia pubblica che privata. Con il fine ultimo di migliorare la vita ai cittadini, alle imprese. Queste le idee sul tavolo del gruppo degli esperti Mise sull’AI

25 Gen 2019
technology-3940292_1920

Intelligenza artificiale è soprattutto un paradigma che renda più semplice la vita quotidiana dei cittadini e più facile l’accesso ai servizi digitali della pubblica amministrazione. Il percorso di innovazione del Paese non può trascurare dunque questo settore tecnologico, oggetto di studi approfonditi in Italia già da decenni.

E’ un po’ questa la missione del gruppo degli esperti voluti dal Mise per l’intelligenza artificiale. E’ un po’ questo quello che ci si aspetta da loro.

«Non siamo secondi a nessuno, siamo alla quarta generazione di ricercatori italiani sul tema. Abbiamo iniziato negli anni Sessanta, si pensi che l’AI è nata nel 1956 con un manifesto negli Stati Uniti», ricorda ad agendadigitale.eu il professor Salvatore Gaglio dell’Università di Palermo.

Gaglio è appunto uno dei membri del gruppo di esperti individuato dal Ministero dello Sviluppo economico per elaborare una strategia nazionale che abbia l’obiettivo di dare all’Italia gli strumenti idonei per stare al passo con l’avanzamento tecnologico e i ritmi di innovazione degli altri Paesi. Un analogo tavolo è stato attivato anche per la blockchain.

La ricerca in Italia sull’Intelligenza artificiale

Al Paese non mancano le menti e nemmeno i luoghi di studio relativamente all’Intelligenza artificiale. Tuttavia, la materia risente dei problemi che affliggono la ricerca: la mancanza di fondi per quella pubblica, mentre per l’ambito privato le carenze sembrano essere date da una cultura imprenditoriale ancora poco propensa a lavorare sulla ricerca: «In ogni università dove ci si occupa di informatica quasi sempre si fa anche ricerca sull’Intelligenza artificiale – ha sottolineato Gaglio -. Il livello italiano è ottimo e siamo all’avanguardia. Il problema è la fuga dei ricercatori all’estero e il sostegno alla ricerca: l’industria raramente ha laboratori di ricerca, i dottori di ricerca non vengono assunti. Abbiamo ottimi prodotti di ricerca ma non li sfruttiamo».

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

Paolo Giudici, professore di Statistica all’Università di Pavia, ha evidenziato come ci siano atenei e grandi imprese che sono punti di riferimento per l’ambito, tuttavia «quello che manca è il mettere insieme queste iniziative in comune e realizzare un progetto strategico. È questa l’iniziativa che immagino voglia portare avanti il Mise. All’estero, Paesi come Germania e Francia stanno molto investendo nel settore. Noi abbiamo meno risorse, ma se facessimo sistema potremmo integrare le iniziative dei privati».

Un ecosistema favorevole

Come esempio di struttura in cui poter fare innovazione, Giudici ha fatto riferimento al Fintech District di Milano, open community creata nel 2017 che riguarda l’innovazione tecnologica applicata ai servizi finanziari: «Anche gli Innovation hub sono luoghi utili dove sperimentare le proprie attività senza essere subito fermati – ha aggiunto -. Bisogna incoraggiarne lo sviluppo, creando così un ecosistema favorevole alla ricerca e all’innovazione». Per garantire lo sviluppo delle tecnologie legate all’Intelligenza artificiale dunque, secondo gli esperti è necessario creare le condizioni ambientali idonee, una serra in un far germogliare i semi del sapere, ma non solo: «Per esempio risulterebbe utile rendere davvero disponibili a tutti gli open data e partecipare ai fintech hub europei e internazionali».

Per Gaglio, nel settore privato le difficoltà nella creazione di un ambiente adatto alla ricerca sull’Intelligenza artificiale sono di natura amministrativa e imprenditoriale: «Molto spesso le aziende che fanno innovazione sono piccole, a parte i grossi laboratori internazionali. Ci sono tantissime startup che nascono ma muoiono presto, perché l’aspetto burocratico è troppo pesante». Inoltre, «manca anche una cultura dell’innovazione nell’impresa italiana. Certo ci sono tanti bandi pubblici, nei quali però si verifica l’aspetto formale senza vedere i risultati veri. Sarebbe necessario un ecosistema dove ognuno faccia la sua parte».

Le possibili applicazioni di interesse pubblico

Il gruppo di esperti, di cui i due docenti fanno parte, radunato dal Mise, dovrà lastricare la strada verso un piano nazionale sull’Intelligenza artificiale, chiarendo cosa fare e come farlo. Le possibili applicazioni di interesse pubblico sono svariate: «Ad esempio, lavorare sullo scambio tra i database statali e della PA, all’interno delle singole amministrazioni attualmente ci sono problemi di interoperabilità . Avere sistemi che in maniera automatica riescano a superare gli aspetti formali, integrando le informazioni – ha spiegato Gaglio -. E poi, c’è anche il problema della sicurezza, la cui risoluzione è un obiettivo chiave». Lo scopo è rendere più user friendly certi sistemi: «Nei sistemi online a volte le informazioni sono nascoste, le procedure non sono chiare. Ci vogliono mezzi che riescano a capire cosa vuole l’utente e aiutarlo ad accedere ai servizi», ha sottolineato.

Le tecnologie potrebbero essere largamente usate anche nell’ambito finanziario e bancario: «Lo Stato potrebbe intervenire nel settore favorendone l’innovazione. I servizi bancari tradizionali si stanno disintermediando, ci sono sempre più realtà che offrono comodi servizi in via telematica», ha raccontato Giudici. Tuttavia, il pericolo è in agguato: «Possibile che gli strumenti vengano usati senza conoscerne i rischi, con conseguenze anche gravi».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati