ambiti applicativi

Blockchain e smart contract, le opportunità per le pmi italiane

La blockchain offre alle PMI italiane l’irresistibile possibilità di innovare il proprio business, battendo sul tempo le grandi aziende. Vediamo i possibili ambiti applicativi e le opportunità

28 Mag 2019
Eloisa Marchesoni

ICO advisor, Hbtc Consulting

blockchain-mts-2017-overall-1000x640

Le piccole e medie imprese (pmi) possono progredire, innovare e costruire un vantaggio con la trasformazione portata dalla tecnologia blockchain e smart contract; utilizzando servizi e creando su di essa proprie app, quest’ultime dette app decentralizzate o “DApp”.

Molti i settori, e lo vedremo più avanti, nei quali la blockchain può portare innegabili benefici in termini di innovazione e agilità, condivisione di obiettivi e raccolta fondi. Un impatto che, insomma, non può essere ignorato. Approfondiamo i possibili ambiti applicativi.

Blockchain e Pmi, i possibili ambiti applicativi

L’avvento delle nuove tecnologie porta sempre con sé l’opportunità di interrompere le normali pratiche commerciali, e questo può spaventare o essere visto come l’occasione per la creazione di un innovativo paradigma di vantaggio competitivo. Le applicazioni della tecnologia blockchain sono venute alla luce solo di recente, ma stanno diventando sempre più rilevanti. Infatti, il loro potenziale continuerà a crescere per altri dieci anni circa, segnando il tipico percorso descritto dalla curva di Rogers, fino a quando la fase della tecnologia non diventerà abbastanza specifica da assestarsi.

WHITEPAPER
Le fasi del mining: stabilire un obiettivo e la criptovaluta. Scopri di più
Blockchain
Criptovalute

Questa nuova e rivoluzionaria tendenza può avere un impatto positivo sulle PMI italiane e determinerà importanti implicazioni per il futuro di queste imprese.

  • Nel settore immobiliare, ad esempio, esistono mercati per il noleggio o la vendita di immobili su mercati P2P basati su blockchain.
  • nel settore assicurativo, ci sono applicazioni basate su blockchain per gestire i reclami;
  • nell’industria IoT, è oggi possibile utilizzare applicazioni di sicurezza che sfruttano la tecnologia blockchain;
  • nella logistica, le aziende possono attingere a una piattaforma basata su blockchain che monitora e traccia i movimenti delle merci;
  • aziende coinvolte nel settore alimentare, come distributori, rivenditori, produttori e i regolatori stessi possono addirittura utilizzare la rete di fiducia alimentare progettata da IBM per garantire la sicurezza alimentare, e così via.

Vantaggi degli smart contract per le Pmi

Uno dei modi principali in cui la tecnologia blockchain rivoluzionerà le PMI è la sua capacità di sviluppare “smart contracts”. Gli smart contracts sono molto simili a un qualsiasi contratto concluso tra più parti nel mondo fisico, con la differenza che essi sono digitali e configurabili come un programma software che esegue autonomamente istruzioni complesse all’interno di una blockchain. Grazie agli smart contracts, il consenso remoto e autonomo tra due parti può formarsi con un solo clic. In quanto sistema decentralizzato, non è necessario pagare gli intermediari e sia l’impresa sia il consumatore risparmiano così molto denaro e risorse. Inoltre, il fatto che le blockchain siano immutabili, rende il sistema degli smart contracts molto più sicuro dei sistemi tradizionali.

La blockchain offre anche una soluzione per combattere i problemi di furto di identità digitale, grazie alla quale i creatori di proprietà intellettuale non devono più preoccuparsi del fatto che il loro lavoro venga rubato.

Blockchain, economia di condivisione e raccolta fondi

Inoltre, la blockchain può anche aiutare a creare una migliore economia di condivisione, in quanto, grazie a tale tecnologia, un gruppo di individui che mirino a risolvere un problema comune possono creare e controllare una piattaforma ove tutte le entrate economiche per i servizi da loro offerti possono essere suddivise tra la totalità della forza lavoro, così come distribuita e decentralizzata sarebbe l’autorità decisionale all’interno di un siffatto ecosistema.

Un sistema basato su blockchain è affidabile e presenta molte funzionalità personalizzabili che stanno già rivoluzionando il modo in cui le PMI fanno affari e soddisfano i propri clienti.

Parlando di criptovalute, le quali – ormai, si sa – sono esse stesse un’applicazione finanziaria della blockchain, esse possono essere utilizzate come mezzo di pagamento da singoli individui nel mercato. Tali pagamenti si riflettono facilmente nel registratore di cassa digitale delle aziende e non richiedono costi aggiuntivi, in tal modo favorendo quelle più piccole.

Inoltre, è possibile utilizzare la tecnologia blockchain per avviare il progetto di una nuova PMI o per raccogliere ulteriori fondi in vista di una sua espansione. La tokenizzazione attraverso le cosiddette Initial Coin Offerings (ICO) ha già dimostrato di essere uno strumento estremamente efficace perché l’imprenditore si procuri il capitale necessario ad operare nel contesto competitivo scelto.

Gestione dei pagamenti e raccolta tasse

Un altro modo di utilizzare le criptovalute negli affari è proprio la gestione dei pagamenti tra persone giuridiche. Le aziende possono ottenere il massimo beneficio e persino aumentare la redditività aumentando la velocità delle transazioni, che è particolarmente importante nei trasferimenti internazionali. Difatti, i tempi di esecuzione del bonifico bancario tradizionale in un altro paese di solito variano da diversi giorni lavorativi a un’intera settimana, mentre i pagamenti con criptovaluta richiedono dai dieci ai quindici minuti ciascuno e possono essere effettuati in qualsiasi momento, oltre che senza vincoli bancari.

A ben vedere, la blockchain sta attualmente cambiando l’intero panorama del mercato con riguardo a tutte le categorie di attori economici in esso inseriti e operanti, non escludendo dunque tutte le piccole e medie imprese (PMI) del territorio italiano. Occorre rimarcare che, nonostante le PMI impieghino più tempo ad adottare nuove tecnologie rispetto ai colossi, l’impatto della blockchain sulle PMI non può comunque essere ignorato, con benefici non trascurabili non solo per le imprese stesse ma anche per i loro clienti.

Un ulteriore uso della blockchain può essere quello di semplificazione delle attività di reporting e di raccolta delle tasse, regolando i rapporti di contribuzione fiscale intercorrenti tra le PMI e gli enti governativi responsabili della raccolta, poiché l’immutabilità dei dati registrati su blockchain rende le imprese resilienti a pratiche di manipolazione fraudolenta. Nonostante la tecnologia blockchain non sia ancora in genere utilizzata per la riscossione delle imposte, ne sono già state studiate alcune promettenti applicazioni per i servizi governativi, come registri immobiliari e sistemi di votazione, e non è quindi difficile immaginare l’introduzione di simili sperimentazioni dell’utilizzo della blockchain in ambito fiscale, con un significativo potenziale garantito dalle sue peculiari caratteristiche di:

Trasparenza: la tecnologia blockchain fornisce garanzie di provenienza, tracciabilità e trasparenza delle transazioni;

Controllo: l’accesso alle reti autorizzate è limitato agli utenti identificati;

Sicurezza: non è possibile modificare o manomettere il libro mastro digitale, una volta inseriti i dati. Le frodi sono meno probabili e più facili da individuare;

• Informazioni in tempo reale: quando un’informazione viene aggiornata o aggiunta al libro mastro digitale, essa viene aggiornata per tutti gli utenti della rete contemporaneamente, che hanno una copia di tale registro elettronico.

Gestione e conservazione dei registri finanziari

Molte PMI, oggi, soffrono di cattiva gestione dei registri finanziari, un settore che la tecnologia blockchain è particolarmente adatta a migliorare. Come già menzionato, le blockchain sono anche note come “registri immutabili”, il che significa che sono elenchi di transazioni che non possono essere modificati o manomessi. Le PMI che implementano la tecnologia blockchain ai fini della conservazione dei registri potrebbero essere in grado di ridurre significativamente le loro spese in termini di tenuta degli stessi e godrebbero al contempo di enormi miglioramenti nella qualità dei loro archivi.

In conclusione, la blockchain offre alle PMI italiane l’irresistibile possibilità di innovare il proprio business, battendo sul tempo le grandi aziende, generalmente più rigide e caratterizzate da una vischiosità al cambiamento in parte dovuta alla complessità dei processi decisionali e di adattamento interni, oltre che alla struttura dei costi meno flessibile.

Chiaramente, le PMI possono anche esternalizzare lo sviluppo di prodotti e strumenti basati su blockchain, in quanto l’impatto reale nel contesto competitivo è determinato dalla visione creativa degli imprenditori, i quali devono saper trovare una nuova via di crescita e un’irresistibile offerta di valore costruita sui vantaggi che la blockchain offre, piuttosto che dalla tecnologia in quanto tale, che ormai è largamente utilizzata in tutto il globo.

Tuttavia, i linguaggi di sviluppo della blockchain sono ora ampiamente noti alla comunità di Internet e possono facilmente essere appresi dai non-programmatori, tanto che le PMI dovrebbero essere in grado di ottenere un prodotto basato su blockchain da lanciare sul mercato più velocemente delle grandi aziende, dunque sfruttando le cruciali economie di velocità.

Esiste un’opportunità unica per le PMI di aggiungere prodotti altamente innovativi e tecnologici al proprio repertorio, o di creare una nuova linea di business attraendo capitali fino ad oggi altrimenti non disponibili. Insomma, la blockchain offre alle nostre PMI l’opportunità di fare ciò che da sempre sanno fare meglio: innovare e essere agili.

WHITEPAPER
Energy e Blockchain: quali opportunità?
Blockchain
Utility/Energy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati