l’analisi

AI Act, requisiti e obblighi per i sistemi ad alto rischio: tutto quello che c’è da sapere



Indirizzo copiato

L’AI Act stabilisce requisiti e obblighi specifici per i sistemi di intelligenza artificiale considerati ad alto rischio (applicazioni usate in ambiti come la sicurezza dei prodotti, il riconoscimento biometrico, le infrastrutture critiche, l’accesso ai servizi essenziali, l’educazione, il lavoro, la giustizia). Queste misure mirano a garantire che l’uso dell’IA sia sicuro, etico e rispettoso dei diritti fondamentali

Pubblicato il 22 apr 2024

Rocco Panetta

Partner Panetta Studio Legale e IAPP Country Leader per l’Italia



Coltivando il verso: la sfida di scrivere poesia con GPT4

Il 2024 sarà ricordato, con riguardo alle normative del comparto digitale, per dell’approvazione dell’AI Act da parte del Parlamento europeo, in trilogo con il Consiglio e la Commissione europea.

Questo regolamento ha diversi meriti e tante occasioni perse, ma è già diventato la golden rule a cui tutti dobbiamo guardare per comprendere come i sistemi di AI devono essere progettati, commercializzati ed usati.

Limiti ed opportunità dell’AI, piaccia o no, passeranno attraverso lo studio e l’interpretazione dell’AI Act, che come noto è basato ed è stato scritto in continuità con il GDPR e con le altre norme sui dati e sul digitale adottate negli ultimi 5 anni dall’UE.

Proseguendo nella disamina dell’AI Act, iniziata qui su Agendadigitale (potete recuperare i numeri precedenti qui), e del suo approccio basato sul rischio, vorrei discutere qui degli usi ad alto rischio.

Quali sono le applicazioni ad alto rischio

La classe delle applicazioni ad alto rischio è quella più rilevante in quanto ricadere o meno in questa categoria per un’azienda comporterà un onere di compliance diverso.

Non a caso è stato oggetto di acceso dibattito tra i co-legislatori, con molte modifiche rispetto alla proposta iniziale della Commissione. Il nodo è semplice: da un lato le spinte erano per non ampliare troppo la lista di usi ad alto rischio, per evitare questo onere  aggiuntivo per le aziende, dall’altro, soprattutto il Parlamento, non si voleva, per il solo fine di evitare più controlli, lasciare che certe applicazioni potessero essere usate senza le dovute garanzie e precauzioni.

Sono dunque considerate ad alto rischio le applicazioni di AI che vengono usate per componenti di sicurezza di un prodotto (giocattoli, dispositivi medici, auto, aerei etc.) o se rientrano negli usi dell’allegato III. L’allegato III stabilisce che siano ad alto rischio le AI per il riconoscimento biometrico da remoto (ma non quello in tempo reale, che è considerato proibito, salvo le eccezioni previste dall’articolo 5), quelle per il riconoscimento delle emozioni e quelle usate per la categorizzazione biometrica, in base ad attributi o caratteristiche sensibili o protette.

AI usate nelle infrastrutture critiche

Sono poi ad alto rischio le AI usate nelle infrastrutture critiche (per il rifornimento di gas, elettricità e acqua) e quelle utilizzate per valutare la possibilità di beneficiare di servizi essenziali pubblici e privati come l’accesso alle cure, al credito, o per calcolare l’entità di una assicurazione sulla vita o per la salute. Completano la lista anche gli usi per valutare la priorità delle chiamate d’emergenza alla polizia, agli ospedali o ai vigili del fuoco.

Formazione ed educazione scolastica

Con riferimento ai sistemi di formazione ed educazione scolastica, il Parlamento ha fatto diverse modifiche prevedendo l’alto rischio ogni qualvolta l’AI sia usata per stabilire l’ammissione ad una scuola, di qualsiasi grado, o il superamento di una prova d’esame, o ancora se uno studente non ha tenuto un comportamento adeguato durante un esame. Da ricordarsi il caso italiano, sanzionato dal Garante qualche anno fa, di una Università che aveva utilizzato, durante il periodo del Covid, un sistema che in modo automatizzato rilevava se uno studente avesse tenuto un comportamento anomalo durante la prova da remoto, senza fornire adeguate garanzie in caso di errore.

Lavoro e giustizia

Sempre il Parlamento europeo ha riformulato le previsioni in ambito lavorativo, considerando ad alto rischio quelle AI che servono a valutare e scremare i CV così come quelle per valutare i dipendenti, incluse le promozioni e i licenziamenti o l’assegnazione dei compiti.

Per quanto riguarda l’amministrazione della giustizia, ove permesso da leggi nazionali od europee, le forze dell’ordine potranno utilizzare sistemi che servano a valutare la probabilità che una persona risulti vittima di un reato; potranno usare altresì poligrafi e strumenti per la valutazione dell’affidabilità delle prove in possesso. Potranno usare sistemi per valutare se un soggetto possa commettere o ricommettere un reato, purchè tale valutazione non si basi solo sul suo profilo, pratica vietata dall’articolo 5. Questi sistemi potranno essere usati dalle autorità addette al controllo dei confini per il controllo dei flussi migratori, per valutare le richieste di ingresso e per l’identificazione dei migranti.

Sistemi di AI possono essere usati anche per assistere (non sostituire per fortuna) i giudici nell’analisi della giurispriudenza e della legge da applicare.

Il fatto che tutti questi casi d’uso siano considerati ad alto rischio costituisce quell’equilibrio tra volontà di utilizzare nuove tecnologie, anche se in ambienti altamenti rischiosi, e tutela dei diritti fondamentali.

L’eccezione all’articolo 6 e il FRIA

A tal proposito il Parlamento ha fatto a mio avviso una mossa saggia, aggiungendo, rispetto al testo originale proposto dalla Commissione, nuovi paragrafi all’articolo 6, con due clausole importanti.

Se le applicazioni dell’Allegato III non hanno un impatto sui diritti fondamentali, la salute, la sicurezza, o la decisione finale che avrebbe preso l’uomo, allora possono non essere considerate ad alto rischio. Si tratta però di casi un cui l’AI è usata per azioni ancillari, o per migliorare il risultato di un’azione fatta dall’uomo. Per essere esentati occorrerà comunque provare documentalmente perché l’AI non sia da considerarsi ad alto rischio.

L’introduzione della valutazione d’impatto sui diritti fondamentali

Il grande punto segnato dal Parlamento in sede di negoziazione – ciò di cui peraltro va orgoglioso in particolare il co-rapporteur italiano Brando Benifei – è stato poi l’introduzione della valutazione d’impatto sui diritti fondamentali (c.d. FRIA). Originariamente pensata dal Parlamento per tutte le applicazioni ad alto rischio, il compromesso raggiunto lo prevede come obbligatorio per i soggetti pubblici e quelli privati che offrono servizi pubblici, come le banche. Prima del loro utilizzo pubblico, si dovranno identificare le conseguenze probabili per quelle determinate categorie di persone a rischio e le soluzioni da adottare in termini di controllo umano e di organizzazione interna.

Per aiutare le aziende, in caso queste abbiano già fatto una valutazione di impatto privacy (DPIA), la FRIA andrà semplicemente a integrarla, e al contempo l’AI Office europeo dovrà fornire un template che faciliti la compliance. Richiesta importante, che però è rimasta nei soli preamboli del regolamento, è che le aziende invitino gli stakeholder (associazioni di categoria, associazioni di tutela dei consumatori, etc.) a confrontarsi per comprendere meglio i rischi reali per le categorie di soggetti interessati.

AI ad alto rischio: gli obblighi per i provider

I provider di AI ad alto rischio sono dunque tenuti ad avere un sistema di gestione del rischio, durante il ciclo vita dell’AI. Si dovranno identificare in primis i rischi alla salute, alla sicurezza e ai diritti fondamentali. Per i rischi che non possono essere eliminati dovranno essere previste soluzioni perché siano mitigabili. I deployer dovranno essere informati e, se opportuno, formati sull’uso del sistema. Particolare attenzione, nella gestione del rischio, dovrà essere rivolta ai minori e alle persone vulnerabili.

Per quanto riguarda il data training bisognerà scegliere dataset adeguati, che siano il più possibile rappresentativi dei soggetti possibilmente colpiti da conseguenze negative.

L’uso di dati sensibili è permesso solo ove strettamente necessario e dove non sia possibile ottenere gli stessi risultati ottimali per evitare i bias con dati sintetici o anonimi. Tali dati dovranno essere accuratamente gestiti e protetti, non potranno essere trasferiti a terzi e, una volta raggiunto lo scopo, dovranno essere cancellati.

I provider dovranno tenere la necessaria documentazione, che sarà semplificata per le startup. I log dovranno essere registrati per poter meglio identificare l’origine di eventuali problemi si dovessero verificare. Le informazioni verso i deployer dovranno essere comprensibili in modo da permettere loro di capire come usare i sistemi di AI forniti dai provider.

Conclusioni

È indubbio che l’AI Act introduca nuovi paradigmi di compliance per provider e developer, che oggi possono sembrare impattanti. Ma ricordiamoci che queste richieste servono a tutelare tutti noi, imprese e PA incluse. Le prescrizioni esistenti nell’elettronica, l’idraulica, la medicina, l’energia nucleare, le automobili, non hanno impedito al mondo di innovare in questi campi, anzi lo hanno migliorato. L’invenzione che alla fine dell’800 ha permesso all’automobile di diffondersi e di diventare uno degli strumenti principali dello sviluppo della società del XX secolo è stata il sistema frenante. Ciò ha permesso di eliminare divieti assoluti ed introdurre regole e misure progressive che hanno aumentato la fiducia e permesso all’automobile di diffondersi. Per l’AI la questione è anche più delicata perché gli output restano ancora imprevedibili in molti casi, perciò resta ancora più fondamentale tenere traccia di come ci si è arrivati, per poter investigare eventuali malfunzionamenti e porvi rimedio per gli usi ulteriori e futuri.

Come ogni nuova sfida potrà sembrare difficoltosa all’inizio, così come lo fu in parte con il GDPR, ma una volta trovati gli standard e le buone prassi, ci guarderemo indietro con un ineffabile sorriso sulle labbra.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4