Transizione 4.0

Fondo Mise per IA, IoT e blockchain: da oggi via al precaricamento progetti in piattaforma

Un fondo di quarantacinque milioni di euro per progetti di R&S e innovazione da parte di imprese e centri di ricerca: la piattaforma dedicata all’agevolazione Mise si aprirà il 21 settembre ma già da oggi 14 settembre è possibile precaricare i documenti necessari. Ecco tutti i dettagli

14 Set 2022
Josephine Condemi

Giornalista

transizione 4.0 - fondo Mise IA IoT blockchain

Venticinque milioni di euro per l’intelligenza artificiale, dieci milioni di euro per la blockchain e altrettanti per l’Internet of Things: da oggi è possibile precaricare sulla piattaforma Infratel la documentazione prevista dal bando Mise per accedere agli incentivi destinati a imprese e centri di ricerca.

Bonus Formazione 4.0 potenziato, si entra nel vivo: ecco come funziona

Sono finanziabili progetti di ricerca e sviluppo, nonché di innovazione dell’organizzazione e di processo, “anche mediante il paradigma del metaverso”, per un minimo di 500.000 euro e un massimo di due milioni di euro ciascuno. Il 60% delle risorse è riservato a proposte da pmi e reti di imprese, il 34% ai territori del Mezzogiorno. L’apertura dei termini è fissata per mercoledì 21.

Fondo Mise IA, IoT e blockchain: da dove nasce la misura

Il “Fondo per lo sviluppo di tecnologie e applicazioni di Intelligenza Artificiale, blockchain e Internet Of Things” è stato istituito dalla legge di bilancio 2019, che ha stabilito una dotazione complessiva pari a 45 milioni di euro.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Il decreto interministeriale 6 dicembre 2021 ha definito come saranno utilizzate le risorse mentre il decreto direttoriale 24 giugno 2022 quando e come presentare le domande di agevolazione e come verranno erogati gli incentivi.

Chi sono i destinatari del bando

Possono presentare domanda di agevolazione le imprese che esercitano attività:

  • industriali,
  • agro-industriali,
  • artigiane,
  • di trasporto,
  • di servizi all’industria

Ma sono ammissibili anche i centri di ricerca con personalità giuridica.

I requisiti di ammissione all’incentivo per le imprese prevedono:

  • Essere costituite in forma societaria e iscritte al registro delle imprese;
  • Non essere in liquidazione, in condizioni da risultare “impresa in difficoltà” o sottoposte a procedure concorsuali;
  • Non essere destinataria di sanzione interdittiva;
  • Trovarsi in regime di contabilità ordinaria con almeno due bilanci approvati;
  • Non rientrare tra le imprese beneficiarie di aiuti definiti illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
  • Essere in regola nei casi di dovuta restituzione di somme in seguito a provvedimenti di revoca di agevolazioni ministeriali;
  • Non avere legali rappresentanti o amministratori condannati con sentenza definitiva per reati motivo di esclusione dalla partecipazione ad appalti o concessioni ai sensi della normativa vigente

Le grandi imprese sono ammissibili solo in progetti che prevedano una collaborazione effettiva con pmi. È possibile presentare progetti in forma congiunta e con un ente capofila fino a un massimo di cinque soggetti per ciascuna domanda/progetto: in questi casi il progetto verrà presentato nella forma del contratto di rete, del consorzio o dell’accordo di partenariato.

Fondo Mise IA, IoT e Blockchain: i requisiti dei progetti

Il fondo finanzia progetti di ricerca industriale, sviluppo sperimentale, innovazione dell’organizzazione e di processo, finalizzati a sviluppare tecnologie e applicazioni di IA, IoT e blockchain nei seguenti settori definiti “strategici prioritari”:

  • industria e manifatturiero;
  • sistema educativo;
  • agroalimentare;
  • salute;
  • ambiente ed infrastrutture;
  • cultura e turismo;
  • logistica e mobilità (trasporti stradali, ferrotranviari, marittimi, logistica distributiva e relative filiere produttive);
  • sicurezza e tecnologie dell’informazione;
  • aerospazio.

Per essere ammissibile, ciascun progetto deve:

  • essere presentato da uno o più soggetto/i ammissibile/i
  • prevedere spese e costi tra i 500.000 e i 2 milioni di euro
  • essere realizzato sul territorio nazionale
  • essere avviato dopo la data di presentazione della domanda e non oltre 3 mesi dopo il decreto di concessione
  • avere una durata tra i 24 e i 30 mesi, con possibile proroga non superiore a 6 mesi;
  • prevedere che nei progetti congiunti ciascun co-proponente sostenga almeno il 10% dei costi.

Un progetto può contenere più categorie. Per le categorie “ricerca industriale” e “sviluppo sperimentale” gli output previsti sono:

  • studio, progettazione, realizzazione e test di un prototipo in laboratorio o in un ambiente di simulazione e redazione di linee pilota di convalida delle tecnologie previste;
  • costruzione, dimostrazione di prototipi, realizzazione prodotti pilota, test e convalida di prodotto, processi o servizi nuovi o migliorati;

Per le categorie “innovazione dell’organizzazione” o di “innovazione di processo” si prevede rispettivamente:

  • l’applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali, sul luogo di lavoro o nelle relazioni esterne dell’impresa;
  • l’applicazione di un metodo di produzione o distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato (tecniche, attrezzature, software)

Quando e come presentare la domanda

La domanda di agevolazione deve essere presentata esclusivamente online, sulla piattaforma dedicata, disponibile sul sito di Infratel Italia, a partire dalle ore 10.00 del 21 settembre 2022. Da oggi, 14 settembre, è possibile precaricare in piattaforma la documentazione prevista dal bando.

Sarà possibile presentare la domanda dalle ore 10.00 alle ore 18.00, dal lunedì a venerdì.

Spese e costi ammissibili

L’agevolazione prevede un contributo diretto alla spesa, ovvero un’agevolazione a fondo perduto. Sono investimenti ammessi i macchinari, gli impianti e le attrezzature nuove di fabbrica e utilizzate dalla data di avvio alla data di ultimazione del progetto.

Le spese per ricercatori e tecnici consulenti sono ammissibili e possono essere rendicontate nella sezione “acquisizione servizi di consulenza”.

Per i costi di personale non dipendente sostenuti da organismi di ricerca, sono ammesse le borse di dottorato nella misura in cui impiegate nel progetto e purché sia chiaramente evincibile il loro coinvolgimento nel progetto stesso.

Le spese generali sono calcolate nella misura del 25% dei costi diretti agevolabili del progetto, secondo quanto stabilito dall’articolo 35 del regolamento (UE) n. 2021/695.

Non sono ammissibili i costi di project management, di monitoraggio sull’avanzamento fisico del progetto e di supporto alla rendicontazione.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4