i punti

Industria 4.0, Var Group: “Il Governo faccia così nel 2019: quattro misure necessarie”

Il piano Industria 4.0 è stato estremamente positivo, ma ancora molta strada resta da fare per completare la digitalizzazione del parco imprese italiano. Fermo restando che non esiste un progetto disruptive, serve piuttosto puntare su ecosistemi e formazione e una volontà politica che supporti il cambiamento. Vediamo come

28 Dic 2018
Fabio Marchetti

Coordinatore e Responsabile sviluppo del business di Digital Industries di Var Group

Digital-Transformation-hype

Una parte delle imprese industriali italiane non ha ancora ben compreso che la digitalizzazione non è una moda ma può essere considerato un “mega trend” ovvero un cambiamento che accade a prescindere dalla nostra volontà.

In questo contesto chi non si allineerà rischia fortemente di essere fuori dal business e di perdere competitività o di essere superato da modelli di business più evoluti, che richiedono logiche di approccio molto diverse da quelle tradizionali. Parliamo di piattaforme cloud, di ecosistemi e formazione. Ma oltre alla cultura delle aziende, serve anche la volontà politica di supportare e valorizzare il percorso di trasformazioni.

Ma partiamo dallo stato dell’arte della trasformazione digitale in Italia.

Industria 4.0 e digital transformation

Solo il 47% delle grandi imprese e il 35% delle PMI ha già effettuato dei progetti nella direzione della trasformazione digitale (indagine MISE luglio 2018), mentre guardando al volume complessivo delle imprese italiane la percentuale si riduce all’ 8%. Un’analisi fatta dall’Osservatorio Industria 4.0 del Politecnico di Milano evidenzia che solo l’8% delle aziende ancora non conosce i temi di Industria 4.0 e quindi della digital transformation industriale.

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

In questo contesto complessivo – anche sulla base delle valutazioni di Var Group derivanti dalla conoscenza diretta di circa 7000 aziende nostre clienti principalmente nel comparto delle medie e piccole aziende del Made in Italy – possiamo affermare che il piano Industria 4.0 è stato sicuramente un piano estremamente positivo tanto da poterlo considerare una vera e propria politica industriale. È importantissimo, però, sottolineare che siamo solo all’inizio di un percorso che deve essere perseguito ed esteso a tutto il comparto industriale.

Le tecnologie per la trasformazione digitale

Una ulteriore considerazione riguarda le tecnologie che rendono possibile la trasformazione digitale delle imprese industriali.

Molte volte ci sentiamo dire che da anni si parla della connettività con le macchine, dell’integrazione totale tra i sistemi di gestione del business e quelli di gestione delle operations, della gestione dei dati e dell’uso dell’AI per capire i trend futuri, ma alla fine non si è fatto molto. A questo, oggi, possiamo rispondere che con un approccio basato sull’uso delle nuove tecnologie e soprattutto sull’uso delle piattaforme in cloud si creano i presupposti effettivi per ottenere dei risultati in tempi molto rapidi. Un altro fattore positivo che deriva da questo approccio è un’accessibilità estesa, che può essere sfruttata anche dalle piccole medie aziende. Piccole medie aziende che sono il patrimonio industriale del nostro Made in Italy.

È un fenomeno che ci piace chiamare “democratizzazione della tecnologia” e che rende possibile anche alle PMI l’utilizzo di tecnologie avanzate in particolar modo nel mondo delle advanced analytics.

La logica di ecosistema

La terza considerazione è sulla modalità di approccio all’Industria 4.0.

La digital transformation industriale non è l’adozione di una tecnologia specifica ma di un insieme complesso di tecnologie abbastanza differenziate, un mix di soluzioni frutto di scelte di persone che devono avere le giuste competenze per poterne identificare in modo corretto l’adozione e successivamente il corretto utilizzo, in considerazione degli impatti sui criteri organizzativi dell’azienda e sul modello di business.

La digitalizzazione delle imprese non si fa in modo “disruptive” con un singolo progetto ma deve essere affrontata con un piano di azione definito che implementi per passi le principali tematiche proposte dai nuovi paradigmi. In questo contesto prende una valenza estremamente significativa la logica di ecosistema dove attraverso le sinergie operative di diverse strutture si crea la giusta complementarietà per supportare le aziende di qualsiasi dimensione nel percorso.

In questa direzione, in Var Group abbiamo costruito un ecosistema denominato Digital Industries che attraverso le competenze che derivano sia dalle strutture appartenenti al gruppo ma anche dai vendors, dalle Università, dalle start-up e da altri operatori professionali, riesce a supportare in modo esteso il percorso della digital transformation delle imprese industriali creando delle partnership di lungo periodo.

La formazione

L’ultima considerazione riguarda la formazione.

Riteniamo che una delle azioni su cui si debba insistere in modo consistente è la costruzione di competenze diffuse delle tecnologie digitali e del loro utilizzo anche in ambito industriale. Dal nostro punto di vista, anche guardando a come è strutturato il nostro tessuto industriale, oltre a sviluppare le competenze 4.0 occorre che le stesse siano poi ulteriormente declinate nelle logiche dei distretti o delle filiere che sono la base del nostro Made in Italy. Questo permetterebbe di strutturare dei modelli di riferimento da utilizzare per impostare e rendere semplice il percorso di trasformazione digitale di aziende che alla fine hanno scopi e mercati molto simili tra loro.

Quattro misure per il futuro di Industria 4.0

Per concludere, facendo sintesi di quanto sopra, auspichiamo che il decisore politico possa:

  • proseguire con il piano industria 4.0 creando delle actions che possano fare capire maggiormente quali siano i rischi per le aziende che non si evolvono;
  • supportare il percorso con la conferma degli incentivi allargando la copertura al software e ai servizi erogati as a service quale elemento di abilitazione all’uso di tecnologie avanzate per le piccole medie imprese;
  • valorizzare gli ecosistemi che creano proposte integrate per accompagnare le imprese nei percorsi di trasformazione digitale;
  • non abbandonare il percorso dedicato alla formazione delle competenze costruendo intorno a questo concetto delle logiche di distretto/filiera magari facendo perno sulle aziende leader in quell’area specifica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4