la riceRCA

Logistica 4.0: benefici e ostacoli visti dalle aziende

Il passaggio a una configurazione 4.0 nel settore della logistica è considerato ineluttabile dalle aziende, ma al momento quelle concretamente all’opera in questa direzione sono appena il 15% del totale, perlopiù di media e grande dimensione. Una ricerca del laboratorio Rise fa il punto

04 Feb 2020
Marco Ardolino

Laboratorio RISE - Università degli Studi di Brescia

Andrea Bacchetti

Osservatorio Smart AgriFood del Politecnico di Milano e dell’Università degli Studi di Brescia

Logistics-Shipping-Technology

Sono sempre di più le aziende manifatturiere che decidono di investire nella digitalizzazione dei processi logistici, verso una configurazione 4.0. Il Laboratorio RISE dell’Università degli Studi di Brescia presenta i risultati della prima edizione della propria ricerca “Logistica 4.0”.

Il paradigma 4.0 a supporto dei processi logistici: la Logistica 4.0

Il paradigma “Industria 4.0” si amplia, anche e soprattutto nella direzione dei processi logistici, essenziali sia per il soddisfacimento dei bisogni dei clienti, sia per il contenimento dei costi interni; in altre parole, una leva chiave per mantenere/aumentare la competitività delle imprese all’interno dei mercati in cui esse operano. Per questo motivo oggi si comincia a parlare di “Logistica 4.0”, cioè della progressiva digitalizzazione dei processi logistici delle aziende manifatturiere attraverso l’introduzione di nuovi sistemi di pianificazione, stoccaggio, movimentazione e trasporto. Trattasi di una trasformazione potenzialmente dirompente, capace di incidere non solo e non tanto sulle singole aziende, bensì su intere supply chain, passando dal livello operativo (logistica di magazzino e logistica dei trasporti) fino a quello più tattico (pianificazione) e strategico (configurazione del network). Affinchè questo possa accadere, occorre mettere i dati al centro dei processi, ad esempio attraverso il monitoraggio in tempo reale dei prodotti e del loro posizionamento, la riduzione dei tempi di consegna, l’efficientamento dei processi di magazzino e il miglioramento nell’accuratezza dei processi di pianificazione.

WHITEPAPER
Sfide di mercato, strategie e strumenti per la nuova INDUSTRY4.0, con il digitale al centro
Automotive
IoT

Sulla base di questo scenario, il Laboratorio di Ricerca RISE dell’Università degli studi di Brescia ha deciso di avviare la ricerca “Logistica 4.0”, che, nell’ambito della sua prima edizione, ha cercato di rispondere alle seguenti domande di ricerca:

  • Quali tecnologie digitali stanno trasformando i processi logistici delle aziende manifatturiere?
  • Quali sono i livelli/processi logistici più impattati dalla trasformazione digitale?
  • Quali sono i principali benefici ricercati/ottenuti?
  • Quali sono gli ostacoli più critici da superare?

I risultati della ricerca sono stati presentati lo scorso 14 novembre a Brescia, di fronte a circa 130 aziende. Nel seguito sono riportati in maniera sintetica i principali messaggi, per maggiori dettagli si rimanda al report.

Il campione di indagine

La prima edizione della ricerca, svolta mediante la somministrazione di un questionario online ad aziende manifatturiere italiane (o straniere, ma con almeno uno stabilimento produttivo in Italia), ha visto la partecipazione di 110 aziende. Il 52% di esse appartiene alla categoria delle “Grandi”, ovvero con fatturato annuo superiore a 50 milioni di euro, mentre il restante 48% è rappresentato da PMI, a loro volta suddivise in Medie (35%) e Piccole (13%). I principali settori rappresentati all’interno del campione sono quello dei prodotti in metallo, con il 17%, il settore metallurgico e quello dei macchinari ed apparecchiature, entrambi con il 16% del campione.

La percezione del paradigma Logistica 4.0 e la sua effettiva implementazione

Ai rispondenti della ricerca è stato chiesto di esprimere, in prima battuta, la propria opinione in merito alla generica rilevanza del paradigma Logistica 4.0 nel contesto manifatturiero italiano. Sono molto poche (il 6%) le aziende che non credono nell’efficacia di questo paradigma, derubricandolo a bolla destinata a sgonfiarsi nel breve. Il 31% dei rispondenti invece dichiara che sì, si tratta di un tema rilevante, purtroppo però concretamente accessibile solo alle imprese medio-grandi. La maggioranza assoluta del campione (62%) però crede fermamente nel paradigma, ritenendo ineluttabile intervenire sui propri processi logistici per convergere verso la configurazione 4.0.

Se si passa a valutare la concreta implementazione del paradigma all’interno delle aziende rispondenti, lo scenario diventa lievemente meno positivo. La percentuale di aziende “per davvero” in movimento verso il paradigma 4.0 si attesta attorno al 37%. Inoltre, più della metà di queste aziende sono ancora nella fase di studio/analisi preliminare. Quindi, le aziende concretamente all’opera sono circa il 15% del totale, perlopiù di media e grande dimensione.

Tecnologie ed applicazioni

In media sono 1,1 le tecnologie impiegate dalle imprese a supporto dei processi logistici. Tale dato esprime con chiarezza l’attuale immaturità del paradigma 4.0 applicato in logistica, in cui si evidenziano soprattutto applicazioni verticali di singole tecnologie, senza integrazioni orizzontali con altre tecnologie e/o processi. Tra le tecnologie impiegate, domina l’IoT, con il 38% di utilizzo da parte delle aziende del campione, seguito da robotica collaborativa e AGV.

Per quanto concerne gli ambiti applicativi ed i processi impattati, i risultati della ricerca affermano che l’utilizzo delle tecnologie digitali a supporto dei processi logistici abbia ripercussioni soprattutto a livello operativo con circa il 60% delle applicazioni mappate. Seguono le applicazioni a supporto dei processi (tattici) di pianificazione, con il 35%. Fa riflettere infine l’assenza (o quasi) di applicazioni a livello strategico, finalizzate a supportare scelte legate alla ridefinizione del network logistico.

Benefici ed ostacoli

Tra i benefici riscontrati/ricercati dalle aziende rispondenti, al primo posto viene l’efficienza operativa nella gestione dei materiali, in termini di riduzione degli errori nelle attività di picking e miglioramento della produttività di magazzino. Interessante rilevare come, attraverso le soluzioni di Logistica 4.0, sia possibile incidere positivamente anche sulle condizioni di lavoro delle persone, comunque al centro di questo processo di trasformazione apparentemente solo tecnologico.

Gli ostacoli più rilevanti sono gli investimenti richiesti per l’acquisto delle tecnologie abilitanti e per l’acquisizione/sviluppo delle idonee competenze. Il primo è un impedimento che colpisce soprattutto le aziende di piccole dimensioni, mentre il secondo risulta decisamente trasversale a dimensioni/settori. Infine, non sembrano più un problema le ben note arretratezze infrastrutturali legate perlopiù alla connettività.

Il ruolo delle competenze

Essendo quello delle competenze un tema cruciale, si è voluto investigare se fossero state svolte, o fossero quantomeno in corso di svolgimento, iniziative specifiche finalizzate ad allineare le competenze dei lavoratori alle nuove tecnologie e ai nuovi strumenti a supporto dei processi logistici. Il quadro in questo senso non è dei migliori: soltanto il 3% delle imprese segnala di aver già sostenuto e completato iniziative formative di questo tipo, mentre il 27% afferma di averne in corso di svolgimento. Le principali iniziative sono rappresentate da corsi di formazione per i lavoratori, affiancamenti e training direttamente sul posto di lavoro, progetti di Academy, nonché formazione sulle nuove normative vigenti e sulle nuove tecnologie. Le altre aziende del campione? Il 21% dichiara di essere in fase di pianificazione, mentre quasi la metà del campione non ha svolto alcuna iniziativa e non ne ha nemmeno in programma. Inutile dire che senza un opportuno investimento in questa direzione, sarà possibile scaricare a terra solo una quota parte dei benefici raggiungibili attraverso le applicazioni tecnologiche di cui sopra.

Digital Technologies logistica 4.0

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati