Aziende e digitale

Transizione 4.0, così prova a ripartire l’Italia: i nuovi fronti

La strategia Industria 4.0 è stata una delle direttrici di crescita più importanti per il manufacturing negli ultimi anni, ora il focus si sposta sulla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi. Vediamo quali sono i fronti che permetteranno agli ecosistemi industriali di liberare valore con l’Industry 4.0

09 Lug 2020
Francesco Lecis

Partner EY

Marco Mignani

Partner EY, Mediterranean Diversified Industrial Product Leader

chief information officer

Dati i benefici generati dal piano industria 4.0 negli ultimi anni, non può che essere letto in chiave positiva l’ulteriore incentivo al cambiamento rappresentato dal decreto attuativo del 22 giugno del  ministero dello Sviluppo economico, con il quale vengono messi a disposizione di microimprese e PMI 100 milioni di euro per favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.

Le tecnologie previste sono quelle che rientrano nell’ambito di Impresa 4.0 e relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, e oltre a questo la prospettiva è quella di passare dal Piano Industria 4.0 a quello Transizione 4.0.

Questa nuova politica industriale del Paese sarà “più inclusiva e attenta alla sostenibilità”, spiega il Mise. La strategia comporta un’iniezione di risorse per le imprese pari a circa sette miliardi di euro incentivando “i grandi progetti di automazione, intelligenza artificiale, blockchain e per la transizione green dei sistemi produttivi”.

Considerando il cambiamento epocale a cui abbiamo assistito non possiamo che vedere prospetticamente in modo positivo questo ulteriore incentivo al cambiamento, non solo per gli evidenti benefici già generati dal programma I4.0 negli ultimi anni, ma anche e soprattutto per le prospettive di ripartenza – nel metodo e nel merito – che potrà abilitare.

Trasformazione digitale: le tre direttrici del cambiamento

Come sappiamo la strategia dell’industria 4.0 è stata una delle direttrici di crescita più importanti per il manufacturing negli ultimi 5 anni, generando un mercato che ad oggi vale da solo in Italia all’incirca 4 miliardi di euro e dal 2015 ad oggi è cresciuto a ratei maggiori del 20% annuo.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Innovazione sul ciclo di vita del prodotto, fabbrica e supply chain sono state per le imprese manifatturiere le arene di adozione di soluzioni I4.0 nel periodo Pre-Covid; Industrial Analytics, IoT e automazione le principali direttrici di intervento con gli obiettivi di aumentare produttività, e controllo della filiera di fornitura e dei processi di trasformazione.

La crisi Covid-19 dal primo quarter del 2020 ha avuto impatti significativi in tutti i comparti manifatturieri e produttivi: a partire dall’automotive, ma anche altri settori fondamentali per l’industria italiana, come il lusso (sia abbigliamento che design, home furnitures, etc.) o i macchinari ad alta tecnologia, hanno visto le proprie Supply Chain messe in discussione sia come fornitura che come mercato di distribuzione.

Non siamo nuovi negli ultimi decenni alle catastrofi ambientali che minacciano la continuità del sistema economico, basti pensare all’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull in Islanda nel 2010 o al terremoto e lo tsunami di Fukushima in Giappone nel 2011, o ancora alle inondazioni della Thailandia e agli uragani Maria e Harvey. Ma la crisi Covid-19 sta minando in modo del tutto nuovo ed inaspettato le nostre sicurezze perché ha rivelato non solo una fragilità transitoria del sistema economico (sapevamo che l’eruzione sarebbe finita, l’urgano passato, etc.), ma anche una più profonda di noi esseri umani con la quale siamo destinati a fare i conti anche nel lungo termine.

In questo senso si inserisce con ancora maggiore forza la trasformazione digitale, soprattutto nei processi produttivi. In Italia gli investimenti in “automazione” si sono limitati principalmente ai processi logistici e ad alcune attività di controllo e fine linea, tuttavia la prospettiva della “nuova normalità” post-Covid rimette l’agenda digitale al centro della strategia aziendale agendo su tre direttrici:

  • Safety: La sicurezza dei lavoratori e la business continuity sono cruciali. Gli investimenti per il distanziamento sociale e la salute e sicurezza così come quelli per l’automazione, contribuiscono a rendere l’ambiente di lavoro più “a misura di lavoratore”
  • Control: Gli investimenti in industrial analytics permetteranno in futuro di poter simulare con grande affidabilità scenari di supply chain e/o business case di produzione in modo da aumentare la resilienza dell’intera Supply Chain
  • Sustainability: La necessità di prenderci cura di noi stessi e del mondo che ci circonda sono una delle eredità della esperienza del lockdown. Investimenti per ridurre il commuting, aumentare e rendere più efficace lo smart-working, ed investimenti per ridurre ulteriormente sprechi energetici ed inquinanti con l’utilizzo di intelligenza artificiale permetteranno di affrontare una nuova e più consapevole stagione della sostenibilità che non sarà più solo relegata a una riduzione di emissioni inquinanti. Per questo pensiamo che la “transizione green dei sistemi produttivi” sia un vero e proprio cambiamento culturale.

Liberare valore con industria 4.0

L’Italia è pronta a ripartire e gli investimenti non spaventano, secondo un’indagine di EY, più di metà delle aziende con investimenti in programma all’interno del programma I4.0 non posporranno gli investimenti anche con cali di fatturato sul 2020 superiori al 20%.

Questo è quanto possiamo osservare riguardo alla pervasività del programma che – andando oltre al puro beneficio relativo agli incentivi – sta iniziando a essere percepito come un vero “abilitatore della competitività”.

Stiamo osservando un’ulteriore possibilità distintiva per il tessuto industriale italiano dal momento che il comparto produttivo nel Paese si fonda su una costellazione di distretti industriali con proprie specificità: dalla “motor valley” in Emilia, alla cantieristica navale in Friuli e nelle Marche, all’industria per i macchinari del vetro in Veneto, la ceramica a Sassuolo, etc.

La vocazione all’export, il contenuto tecnologico e la duttilità dell’offerta costituiscono in DNA della nostra imprenditorialità e ciascuna «filiera» è caratterizzata da uno o più «capi filiera» e da diversi livelli di fornitori di dimensioni più piccole, ma egualmente specializzati e con rapporti generalmente di lunga durata.

In questi ecosistemi industriali c’è la possibilità di liberare valore utilizzando l’Industry 4.0, in particolare lavorando su tre fronti:

  • Sostegno ai capi filiera in particolare su: innovazione – per favorire la digitalizzazione e l’I4.0 anche nei fornitori; sicurezza – per supportare i subfornitori nell’adozione di best practices per la prevenzione e la gestione delle emergenze sanitarie
  • Sviluppo del «network» mettendo a fattor comune Industrial analytics, business intelligence e infrastrutture cloud di supporto
  • Change Management: collaborazione e co-investimento (per esempio in automazione) dove il fornitore non è una risorsa da sfruttare, ma un partner per la crescita e la competizione tra aziende, e non può precludere lo sviluppo – anche tecnologico – del territorio

Quello che è richiesto è un percorso di trasformazione che deve partire subito, e in un certo qual modo deve prescindere dalle considerazioni su quali effetti del Covid-19 rimarranno e quali invece saranno transitori.

Non siamo in grado di fare previsioni su ciò che accadrà a ottobre o nel prossimo inverno, né se lo scenario sanitario sarà talmente migliorato da mitigare in modo significativo gli effetti di un eventuale ritorno della pandemia.

È la lettura strategica del cambiamento che è importante: per usare un’analogia potremmo paragonare il momento attuale per le Supply Chain al giorno in cui negli anni 60 in Svezia è stato cambiato il senso di marcia nella circolazione stradale (cosiddetto “Dagen H”), da guida a destra come in Inghilterra a guida a sinistra come nel resto d’Europa: cambia tutto (abitudini, comportamenti, etc.) e probabilmente non eravamo preparati ad un cambiamento così repentino, quasi “nel corso di una notte”, ma quello che è chiesto alle aziende che vogliono continuare ad eccellere è di accelerare un percorso che già era in atto, con una rinnovata consapevolezza dei propri limiti e delle proprie potenzialità.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati